Sanità: Antonacchio – Cisl FP “Il fabbisogno di medici e infermieri dell’ASL Salerno è sottostimato”

Attualità Antonacchio – Cisl FP “Il fabbisogno di medici e infermieri dell’ASL Salerno è sottostimato”
  Condividi:  
231 01/05/2020

La tematica sulle difficoltà nel reperire le figure sanitarie professionali, necessarie anche per l’opsedale di Agropoli, è stata trattata anche da Pietro Antonacchio, segretario generale CISL FP Salerno che è intervenuto in diretta televisiva su Cilento Channel: Noi come organizzazione sindacale abbiamo sempre affermato che in regime ordinario, il fabbisogno dell’Asl è sottostimato – ha esordito il segretario generale – Stiamo parlando di una carenza concreta nel personale di circa 1800 operatori nella categoria ordinaria. Non si conosce la difficoltà che si ha nel reclutare radiologi, anestesisti e rianimatori. Sembra però che l’Asl stia provvedendo a far partecipare alle graduatorie anche gli specializzandi, a breve si dovrà fare un immediato concorso. La figura dell’anestesista-rianimatore è difficile da trovare nelle graduatorie, perché sono poche e quelle poche professionalità sono richiestissime in ambito sanitario. Basti pensare che spesso un medico arriva ad essere pronto per lavorare dopo aver superato i 30 anni di età. Oggi i pochi anestesisti-rianimatori lavorano anche in ALPI, il che complica la situazione. Siamo un paese contorto, l’unico paese che permette al personale del settore pubblico di lavorare anche privatamente. Sono infine orgoglioso dei nostri sanitari, nonostante tutti i tagli del settore, in Campania hanno dato una lezione mondiale su come affrontare il Coronavirus”.