Vallo della Lucania: Carenza di personale all’ospedale San Luca, Fials:”Ad oggi la graduatoria è ferma al numero 66″

Uncategorized Carenza di personale all’ospedale San Luca, Fials:”Ad oggi la graduatoria è ferma al numero 66″
  Condividi:  
587 19/05/2020

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa della Fials in merito alla carenza di personale nel  presidio di Vallo della Lucania  e scorrimento graduatoria

 

 

Con la presente la scrivente O.S. Fials intende chiedere nuovamente chiarimenti in merito all’ avviso di manifestazione di interesse riservato agli idonei della graduatoria di mobilità regionale ed interregionale per n° 130 posti di CPS Infermiere, pubblicata in data 22/02/2019 Prot. PG/2019/52389 relativa al Presidio Ospedaliero di Vallo della Lucania.

Tale richiesta di chiarimenti segue quelle già inviate precedentemente, Sp 53/2019 e Sp 17/2020.
In data 14/03/2019 veniva pubblicata la graduatoria composta da ben 136 infermieri.
Ad oggi la graduatoria è ferma al numero 66 e risultano ancora non pervenute in servizio le 30 unità infermieristiche previste dalla manifestazione stessa.
Tale situazione sta creando delle vere e proprie problematiche a tutti i lavoratori in servizio presso il Presidio. A tal proposito, è d’uopo sottolineare che la carenza di personale rende estremamente difficoltosa la programmazione dei turni di lavoro e, molte volte, comporta la chiamata in servizio del personale nei giorni di riposo. Tale esigenza, inoltre, si è resa più evidente ed urgente durante la gravissima emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Di conseguenza gli operatori obliterati da eccessivi carichi di lavoro, operano in condizioni difficili con turni che, talvolta, non garantiscono l’adeguato recupero psicofisico con mancanti riposi e ferie non godute. Infatti, nonostante l’impegno profuso, è sempre più difficile garantire l’assistenza in sicurezza, ed è sempre più forte la preoccupazione e la paura che si possano verificare episodi di “mal pratica” dovuti ai mancati riposi e successivi doppi turni. Questa situazione, potrebbe quindi esporre sia i pazienti/utenti sia gli stessi operatori sanitari in servizio ad importanti rischi.
Tali carenze ovviamente, sono accertate e documentate in maniera esplicita nelle determine Aziendali.

Sappiamo tutti che, Il ricorso al lavoro straordinario non può essere programmato ma, nonostante tutto,
costantemente in tutte le determine viene giustificato con la dicitura che segue “per potere assicurare e garantire la presenza in servizio delle unità lavorative minime necessarie per l’erogazione dei LEA, si è reso necessario autorizzare prestazioni lavorative in regime di lavoro straordinario per sostituzioni di personale assente per malattia o ad altroì titolo”. In virtù di quanto sopra descritto, al fine di garantire una dotazione organica conforme al Decreto emesso dalla Regione Campania n. 67 del 14/07/2016, la scrivente O.S. Fials chiede:

  • Reclutamento delle unità infermieristiche ad oggi non in organico attraverso ulteriore scorrimento della
    graduatoria in modo da ottenere nel breve tempo possibile la presa servizio;
  • · Incrementare il numero della richiesta iniziale di 30 unità fino a 60, in quanto, la richiesta iniziale del
    14/03/2019 ad oggi risulta deficitaria rispetto al reale fabbisogno del P.O. di Vallo della Lucania.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Infatti, tale incremento, si rende necessario per soddisfare l’esigenze di risorse da impiegare sul territorio alla luce
    dell’emergenza Covid-19 e, per permettere la riapertura del P.O. di Agropoli preannunciata in questi giorni dal Governatore De Luca