Agropoli: Coppola: “Spiagge libere pronte per il prossimo week-end, off-limits la balneazione sugli scogli”

Attualità Coppola: “Spiagge libere pronte per il prossimo week-end, off-limits la balneazione sugli scogli”
  Condividi:  
2101 25/05/2020

 

Con le linee guida sulla balneazione fornite dal Governatore De Luca, per privati e enti pubblici, si entra nel vivo dell’organizzazione per la stagione balneare. E’ così anche per il Comune di Agropoli, che accelererà gli interventi sulle spiagge libere per renderle fruibili già da questo week-end.

Cercheremo di attrezzare le spiagge del Lungomare, di Trentova e del Lido Azzurro, al fine di renderle operative per il week-end” afferma il Sindaco Adamo Coppola nel suo consueto appuntamento su Cilento Channel. “Cercheremo di dare rapidamente queste regole e di attivare il servizio per le spiagge libere. Noi vogliamo dare qualcosa in più a chi va in spiaggia, non ci siamo limitati ad affiggere un cartello con le regole. E’ complesso organizzarlo, ma lo faremo per non far passare il messaggio che ad Agropoli ci sia rischio sulle spiagge”.

Il primo cittadino, poi si è focalizzato anche su due zone di balneazione molto care agli agropolesi. Per la spiaggia della Marina, si interverrà nella prossima settimana per renderla fruibile il più possibile, mentre per la scogliera del Porto Turistico conferma il divieto di fare il bagno:

La scogliera non è mai stata autorizzata per fare il bagno, i moli in difesa dei porti sono vietati alla balneazione da molti anni. Una presenza li viene tollerata perché il reale pericolo si ha quando è in tempesta il mare. Ora non c’è nessuna possibilità che possa essere autorizzata – dichiara il Sindaco – Anche quest’anno ci andrà qualcuno per il significato che ha per gli agropolesi, ma la legge vuole che non ci si vada”.

Adamo Coppola, infine, lancia anche un appello ai proprietari di locali di rispettare gli orari dell’ordinanza regionale, per sfavorire i fenomeni della movida che si stanno verificando: “L’ordinanza è chiara sugli orari, alle 23 le attività devono chiudere, ci sarà tempo in futuro per andare oltre le 23. Chiedo ai proprietari di rispettare l’orario, soprattutto a quelli dei bar. Sono ancora un po’ preoccupato per la tarda serata, ma i controlli sono incrementati”.