Agropoli: Coppola sulle prime riaperture del 27 Aprile: “C’è entusiasmo”

Attualità Coppola sulle prime riaperture del 27 Aprile: “C’è entusiasmo”
  Condividi:  
1161 23/04/2020

Cominciano le prime riaperture, dettate dall’ordinanza della Regione Campania. Infatti dal 27 Aprile, sarà possibile riaprire cartolerie e librerie, mentre per i vari locali come ristoranti, bar, pizzerie e pub sarà possibile effettuare l’attività di delivery. Il Sindaco di Agropoli, Adamo Coppola ne ha parlato in diretta su Cilento Channel, spiegando la situazione e parlando anche di entusiasmo per questi principi di ripartenza.

Da lunedì 27 saranno obbligatorie per ristoranti e bar le consegne a domicilio, non si potranno accogliere clienti ma solo richieste, e sarà possibile dalle 7 alle 14 e dalle 16 alle 22. Non deve essere il cittadino che si muove – dichiara Coppola – ma l’attività commerciale che porta prodotti dal cittadino. Invece le cartolerie e librerie potranno essere aperte solo dalle 8 alle 14. Qui è possibile l’acquisto presso il negozio seguendo le norme, ma nei locali al di sotto di 20mq il prodotto deve essere portato all’esterno di esso, in quelli fino a 40mq può entrare nell’esercizio una persona alla volta e così via”.

Invece, per quanto riguarda l’igiene degli esercizi commerciali, il Sindaco ha dichiarato che: “La sanificazione va fatta inizialmente una tantum prima della riapertura, e la ditta che la effettua deve rilasciare un certificato da esporre all’esterno del locale. Invece l’igienizzazione dell’esercizio dovrà essere giornaliera con i prodotti che già conosciamo, a base di alcool o cloro per esempio. Ci saranno anche controlli esigenti sugli operatori delle attività che manipolano un prodotto da consumare”.

In chiusura, Adamo Coppola ha parlato di un “nuovo entusiasmo”, soprattutto fra i ristoratori di Agropoli: “Ho avuto già varie richieste da tanti proprietari di attività agropolesi. Non so se tutti i bar riapriranno in questa situazione, perché potrebbe non convenire, però c’è un nuovo entusiasmo fra i ristoratori, che già stanno ricevendo richieste. Una piccola riapertura che da entusiasmo”.