Agropoli: Drive-in in Piazza Mercato, un’arena all’aperto e recupero di 5 casolari nell’area Trentova Tresino

Attualità Drive-in in Piazza Mercato, un’arena all’aperto e recupero di 5 casolari nell’area Trentova Tresino
  Condividi:  
581 21/05/2020

 

Il progetto “Ri…viviamo Agropoli” iniza a concretizzarsi anche negli atti, con le delibere di due dei principali progetti di valorizzazione del territorio comunale, la realizzazione del Drive-in in Piazza Mercato e dell’arena polifunzionale presso il Cineteatro De Filippo, e gli interventi di ripristino e riqualificazione della rete sentieristica dell’area di Trentova Tresino.

La Giunta Comunale, guidata dal Sindaco Adamo Coppola, ha infatti approvato questi due importanti progetti per il rilancio di Agropoli e punta forte su due attività che nonostante l’emergenza saranno fortemente incentivate.

Per il drive-in, è evidente che i cinema, luogo chiuso e fonte d’assembramento, non siano praticabili, e quindi Agropoli adotterà una soluzione vintage ma di successo. Questo tipo di cinema direttamente dalla propria auto consente il distanziamento sociale e può essere una grande attrattiva dell’estate agropolese, con la magia del cinema americano all’aperto, e può garantire la ripresa dei rapporti sociali in sicurezza. Lo stesso progetto prevede anche la creazione di un’arena polifunzionale all’aperto nel grande spazio adiacente al Cineteatro, in modo da avere anche un’altra area per la fruizione di eventi e manifestazioni.

L’obiettivo dell’Amministrazione, riguardo Trentova Tresino, è quello di renderla la più bella oasi del Sud Italia, grazie agli importanti interventi previsti, e sfruttando anche le necessità causate dall’emergenza Covid-19, ovvero il bisogno avere spazi disponibili all’aria aperta dove passeggiare e fare sport, e il grande sviluppo che avrà il turismo naturalistico.

I lavori con il quale il Comune interverrà riguarderanno il potenziamento delle connessioni ecologiche, il consolidamento, la sistemazione e l’integrazione della rete di fruizione esistente e la definizione di una rete di servizi, attraverso il recupero di cinque casolari esistenti.

Per rendere fruibile l’area secondo i protocolli di sicurezza, saranno istituiti un varco d’ingresso con biglietteria, che costerà 1 euro solo per i non residenti così da gestirne i flussi nel rispetto delle normative, l’istituzione di un punto accoglienza e l’installazione di un parcometro.