Ads-Elysium-lunga

Cilento: Fase 2, le proposte da parte di “Vivi Cilento” all’amministrazione comunale di 61 imprenditori del Cilento

Attualità Fase 2, le proposte da parte di  “Vivi Cilento” all’amministrazione comunale di 61 imprenditori del Cilento
  Condividi:  
407 27/04/2020
In merito alla richiesta, sopraggiunta dal Comune di Agropoli, di proposte e idee per il rilancio del comparto turistico a partire dall’imminente fase 2, ViviCilento ha offerto il proprio contributo in merito.
Studiando la situazione attuale e i possibili scenari che si apriranno da Maggio in poi, la società cooperativa ha inoltrato al comune proposte facilmente realizzabili e potenzialmente efficaci per una graduale ripresa socio economica.
Le cinque proposte elaborate riguardano il comparto sanitario, con la richiesta di potenziamento dei posti letto in terapia intensiva e in medicina di base al fine di essere sempre pronti ad eventuali criticità e il comparto turistico, con proposte che interessano il potenziamento delle infrastrutture di mobilità con l’aggiunta di nuovi mezzi quali le bici, anche a pedalata assistita, al fine di promuovere uno stile di vita green e alternativo l’uso delle automobili.
In tal senso promuovere il ripristino e la realizzazione di una Via dell’Ambiente che dia nuova vita alla pista ciclabile che già collega Agropoli – Capaccio Paestum e implementata, nel nostro territorio, attraverso la costruzione di nuove aree pedonali.
La nostra è una volontà di concretezza, di trarre quanto questi mesi di stop ci hanno insegnato e dare supporto con le nostre proposte, strumenti e mezzi migliori per ripartire quanto prima e meglio di prima.
Ma due sono le azioni che ViviCilento considera fondanti di questo nuovo percorso di qualificazione dell’offerta, e riguardano la concreta
azione di controllo e lotta contro l‘abusivismo ricettivo a tutela degli imprenditori del territorio e di chi lavora per la crescita e lo sviluppo della città, e la non rimandabile rimozione della Poseidonia spiaggiata in loco per troppo tempo nelle spiagge della Marina e del lido azzurro oltre che un ripascimento consistenze di tutti gli arenili del lungo mare e della suddetta spiaggia della Marina.
Oltre ciò è stata premura sottolineare la necessità di incrementare i controlli di persone e mezzi per evitare assembramenti nel periodo immediatamente successivo alla fine della quarantena, attraverso l’uso di nuove tecnologie quali i droni, e il potenziamento delle reti di telecomunicazione per facilitare smart-working, didattica online e controllo attraverso reti mobili.

Nella speranza che le nostre proposte possano essere utili e prese in considerazione, continuiamo a lavorare a supporto della nostra città.