Assisi: Il Cilento presente per la beatificazione di Carlo Acutis

Attualità Il Cilento presente per la beatificazione di Carlo Acutis
  Condividi:  
556 12/10/2020

Tanti giovani presenti ad Assisi per la beatificazione del giovane Carlo Acutis. Tra questi anche quelli provenienti dal Cilento con la partecipazione tra gli altri dell’Azione Cattolica della Diocesi di Vallo della Lucania con la Presidente Angela Russo, della Parrocchia di Ss Pietro e Paolo di Agropoli con Don Carlo Pisani, della Parrocchia di Santa Maria delle Grazie di Vallo della Lucania con Don Aniello Adinolfi e di vari rappresentanti dell’intero territorio diocesano. La città di San Francesco ha visto accorrere pellegrini da ogni parte d’Italia e da alcuni Paesi esteri per inserire da oggi, al tradizionale itinerario dei luoghi francescani legati a San Francesco e Santa Chiara, anche la tomba del Beato Carlo Acutis presso il Santuario della Spogliazione. Nei giorni scorsi ha molto colpito l’opinione pubblica l’esposizione del corpo intatto del giovane Carlo, un corpo che ha conservato dopo la traslazione gli organi ancora intatti e che è stato semplicemente sottoposto ai normali processi di conservazione che si praticano sui Santi e Beati le cui spoglie sono trovate anche dopo molti anni in un’eccezionale stato di conservazione. È quello che è accaduto con questo giovane ragazzo, morto a 15 anni per una leucemia fulminante ma vissuto sempre in odore di santità. Dallo stesso papa Francesco Carlo Acutis è stato posto a modello per i giovani, grande appassionato di internet ha diffuso con la sua Mostra sui miracoli eucaristici la consapevolezza della presenza viva e vera di Gesù nella Santissima Eucaristia, una missione che lo ha coinvolto in vita e che prosegue anche dopo il termine della sua vita terrena tanto da riconoscerlo come Apostolo dei Millennials e, si auspica, futuro patrono di internet.