Pollica: Il Sindaco Pisani parla di “Holiday Bond” e dell’estate che attende il Cilento

Attualità Il Sindaco Pisani parla di “Holiday Bond” e dell’estate che attende il Cilento
  Condividi:  
626 15/04/2020

Intervento in diretta sulla nostra emittente del Sindaco di Pollica, Stefano Pisani, che ha fatto varie considerazioni, a partire dalla sua proposta degli “Holiday Bond” che ha avuto svariati riscontri anche a livello nazionale, sull’estate che sarà nel Cilento ma anche sulle preoccupazioni dei Sindaci.

L’iniziativa è stata portata all’attenzione sia della Giunta Regionale che del Ministero dei Beni Culturali. Gli “Holiday Bond” consistono nell’acquisto anticipato delle vacanze tramite un voucher, valevole fino al 2022, e con il quale ci saranno anche delle agevolazioni, come per esempio degli sconti fiscali in dichiarazione dei redditi. Questo è un ragionamento molto interessante, ora c’è da vedere se il Governo nazionale da il via alla misura. Ho avuto ottimi riscontri da operatori e altri sindaci del territorio. Ritengo che sia un’iniziativa migliorativa rispetto al bonus da 500 euro per le vacanze delle famiglie.

Dopo degli Holiday Bond, Pisani ha parlato anche di come sarà l’estate nel Cilento, soprattutto per le attività turistiche: “Parto dal presupposto che avremo un estate non affollata, questa cosa ci mette in condizione di ragionare con più tranquillità. Più spazio per le attività, e la minore presenza ci agevola rispetto all’utilizzo delle strutture. Sono contro alle divisioni in plexiglas, è una follia e un’aberrazione totale. Stiamo analizzando quali sono le soluzioni per sanificare gli esercizi e contingentare gli accessi nel territorio.

Il primo cittadino di Pollica ha, infine, parlato di cosa preoccupa principalmente i Sindaci del territorio: “Le preoccupazioni sono diverse, a partire dai bilanci comunali. La mancanza di entrate turistiche è un danno per il bilancio. Non ho mai istituito la tassa di soggiorno perché riuscivamo a garantire servizi con le altre entrate. Ma sarà dura senza tasse locali e senza servizi turistici. Un’altra preoccupazione è il garantire alle attività del luogo il sostentamento, i nostri territori si fondano sul turismo e dobbiamo stare attenti sulle scelte che faremo