Agropoli: L’opposizione agropolese accusa: “Inutile convocarci alle riunioni, la maggioranza è chiusa”  

Attualità L’opposizione agropolese accusa: “Inutile convocarci alle riunioni, la maggioranza è chiusa”   
  Condividi:  
812 02/06/2020

In diretta su Cilento Channel, nella giornata di ieri, sono intervenuti i 3 consiglieri di minoranza del Comune di Agropoli, Gisella Botticchio, Agostino Abate e Mario Pesca, per discutere delle problematiche riscontrate nell’operato della maggioranza. Gisella Botticchio è ritornata sulla questione dell’Ospedale agropolese. Dopo l’annuncio del Governatore De Luca e con l’arrivo del mese di Giugno, la consigliera denuncia ancora l’attesa per la riapertura:“Oggi dovevamo festeggiare l’apertura dell’ospedale di Agropoli ancora una volta, però ho letto di un’apertura slittata a fine Giugno. Noi l’ospedale lo rivendichiamo perché è un diritto, gli ospedali di Agropoli e Vallo sono un tutt’uno ma i cittadini di Agropoli hanno gli stessi diritti. Noi paghiamo le tasse ugualmente, è una mortificazione per gli agropolesi e i cittadini cilentani dei comuni limitrofi. Vogliamo il decreto regionale dove rientriamo nell’urgenza emergenza, non soluzioni paliative” conclude la consigliera Botticchio. Agostino Abate, invece, fa un’accusa più a largo campo, per poi discutere anche del comportamento della maggioranza: “Il silenzio degli organi istituzionali è diventato preoccupante, e ha creato dei mostri politici che gestiscono tutto, un esempio: l’assegnazione di contributi ad amici ai concorsi che è sotto gli occhi di tutti. Mi meraviglio che gli enti sovraordinati hanno lasciato passare tutto questo e per tanti anni. Tutte le denunce fatte sono finite nel buio, e si stanno vedendo i danni nel territorio cilentano. Questi comportamenti fanno ridire – afferma Abate – ma chi dovrebbe vigilare sono i cittadini che dovrebbero riflettere sulle parole false della maggioranza, non solo di Agropoli ma di tutto il territorio. Il Sindaco Coppola, in questo periodo dopo aver parlato di collaborazione, ha sempre anticipato la minoranza con scelte personali. E’ inutile convocarci alle riunioni, la maggioranza è chiusa a riccio”. La new entry dell’opposizione, Mario Pesca, ha fatto un intervento particolarmente deciso sulle vicende più discusse in città, mostrando amarezza nelle decisioni prese da Adamo Coppola: “Sono molto deluso dall’operato del Sindaco riguardo il progetto delle spiagge libere. Una delle cose poste alla base di esso è stata il non toccare gli spazi del litorale libero. Invece dopo due riunioni, la delibera fatta qualche giorno fa riguardo le concessioni demaniali riporta un ampliamento dei lidi privati e questo è inconcepibile. Il punto nodale è sempre stato anche per il Sindaco, che la spiaggia libera non venisse toccata in modo assoluto – dichiara Pesca – e non capisco la ragione di questa delibera del 27 Maggio. Deve essere annullata perché questo è assurdo”. Il Sindaco ci deve dare delle spiegazioni (…) Mario Pesca è intervenuto poi sul Lungomare San Marco: “Non si può chiudere il lungomare perché significa creare un disagio sul traffico nell’intera città. 3 semafori significano rallentare il traffico per ore ad Agropoli. Ho dato la mia disponibilità nel fare un progetto alternativo a Settembre e poi decidere. Per me non ci sono le condizioni per chiuderlo. Inoltre, ho richiesto di lasciare il parcheggio Landolfi libero, senza strisce blu. Già l’anno scorso è stato fatto un danno. Le attività del centro stanno soffrendo”.