Ads-Elysium-lunga

Agropoli:  Maria Rosaria vince contro il Covid, ma lancia un appello:” Non lasciateci soli nelle nostre case, il ricovero deve essere immediato” 

Attualità  Maria Rosaria vince contro il Covid, ma lancia un appello:” Non lasciateci soli nelle nostre case, il ricovero deve essere immediato” 
  Condividi:  
4473 22/02/2021

 

E’ stata dimessa dal Covid Hospital agropolese dopo quasi un mese di terapia Sub-Intensiva la signora Mandia Maria Rosaria, di anni 57 originaria di Eboli .  Maria Rosaria è arrivata nel reparto speciale lo scorso 26 gennaio trasferita dall’ospedale di Eboli. Nella sua intervista la 57enne ci tiene a ringraziare tutti i medici ed il personale sanitario che le hanno prestato assistenza, in particolare la dottoressa Rosa Lampasona , responsabile del reparto di terapia Intensiva e Sub-Intensiva.

 “ Il ricovero deve essere immediato – spiega la signora Maria Rosaria- non ci lasciate abbandonati nelle nostre case, il virus non fa sconti. Sarebbe bastato un giorno in più senza ricovero e non ce l’avrei fatta”. Parole che devono fare riflettere quelle della signora Mandia,  ad un anno dall’inizio della pandemia ci sono ancora cittadini abbandonati a se stessi che lottano contro un sistema sanitario poco attento e soprattutto lento nel rispondere alle tante richieste di aiuto. 

“Grazie agli angeli terrestri dell’Ospedale di Agropoli posso tornare alla mia vita”.  Li chiama così i medici e gli infermieri che l’hanno assistita in questi lunghi giorni di degenza in sub-intensiva e le hanno salvato la vita. “Nessuno è immune al Coronavirus – sottolinea Maria Rosaria- quindi smettetela di scrivere contro chi purtroppo è rimasto contagiato. C’è bisogno di più umanità verso chi sta soffrendo senza l’affetto dei propri cari e contro un mostro che ti toglie il respiro e la gioia di sorridere”.

E’ la testimonianza che la signora Maria Rosaria  ha voluto rilasciare dopo le dimissioni che sono arrivate domenica 21 febbraio dal reparto speciale.

Un grande in bocca al lupo alla signora Maria Rosaria che oggi festeggia la sua guarigione dal covid-19 più forte di prima.