Agropoli: Ospedale civile ,Castiello:” Come la fata Morgana! Don Vincenzo ci fa sorridere più di Crozza”

Ospedale civile ,Castiello:” Come la fata Morgana! Don Vincenzo ci fa sorridere più di Crozza”
  Condividi:  
1753 05/06/2020

 

“Il 19 marzo don Vincenzo fece il primo proclama annunciando l’imminente apertura dell’ospedale di Agropoli come Covid Hospital. Ma non se n’è fatto nulla.

In un secondo proclama di fine maggio don Vincenzo annunciò solennemente che l’ospedale sarebbe stato aperto il 1° giugno. Anche questa seconda volta la promessa è stata smentita dai fatti.

Ed ecco che don Vincenzo lancia il terzo proclama: “L’ospedale aprirà a fine giugno.”

A dichiararlo in una nota stampa è il senatore Francesco Castiello del M5S.

“Intanto l’epidemia è passata ed è prevedibile, con buon fondamento, che non ci sarà in autunno la temuta seconda ondata. Tocca sperare che l’ospedale venga adattato per altre prestazioni, prima tra le quali dovrebbe essere la chirurgia. È assurdo allestire un pronto soccorso senza il supporto della chirurgia. In mancanza di essa chi avrà bisogno di un intervento di urgenza dovrà essere comunque dirottato in altre strutture ospedaliere, con tutti i rischi e i disagi connessi agli spostamenti. Un pronto soccorso degno di questo nome non può fare a meno della chirurgia”.

Per il momento attendiamo il prossimo appuntamento di fine giugno nella speranza che la fata morgana non sparisca nuovamente.

A proposito, la sapete l’ultima? Ve la dico con le parole riportate dal giornale “La Città” del 5 giugno. Don Vincenzo in visita ad Agropoli si stupisce che “una struttura come questa non sia stata sfruttata appieno”. È proprio vero ciò che ha detto il Ministro della Salute Speranza: “De Luca con quello che dice ci fa sempre sorridere”.

Lui, governatore plenipotenziario della sanità campana, niente di meno si stupisce che l’ospedale sia rimasto inattivo per tanti anni. Noi ci stupiamo del suo stupore e conveniamo con le parole del Ministro della Salute.  Don Vincenzo ci fa sorridere. Ancora più di Crozza“.