Campania : Primo giorno di scuola tra Green Pass, mascherine e nuove regole

Attualità Primo giorno di scuola  tra Green Pass, mascherine e nuove regole
  Condividi:  
224 15/09/2021

Questa mattina, 15 settembre, è suonata la campanella anche per gli studenti campani. Dopo quasi due anni scolastici tra didattica a distanza e in presenza, le classi si riempiranno nuovamente ma seguendo determinate regole.

La grande novità di settembre è l’obbligo del Green pass per tutto il personale scolastico, esteso anche a chiunque entri negli istituti, genitori e accompagnatori compresi.

I provvedimenti che riguardano la scuola saranno in vigore fino al 31 dicembre 2021 (termine ipotetico di cessazione dello stato di emergenza). È previsto l’obbligo di mascherina per i maggiori di 6 anni (ad esclusione delle attività sportive); la distanza di 1 metro; il divieto di accesso per chi ha temperatura sopra 37.5 gradi; in caso di aumento di casi (focolai o rischio elevato di diffusione del virus, zona arancione e rossa) sindaci e regioni possono riportare gli studenti in DAD; obbligo per il personale scolastico (docente e non docente) e per gli studenti universitari di esibire la certificazione verde Covid-19; obbligo di esibire la certificazione verde Covid-19 anche per il personale dei servizi educativi per l’infanzia; obbligo di esibire la certificazione verde Covid-19 per tutti gli esterni che accedono a scuola o all’università a qualsiasi titolo (es. genitori, collaboratori esterni, personale di ditte che accedono a scuola per motivi di lavoro come pulizia o manutenzione).  Continua a far preoccupare la situazione dei trasporti, su cui il governo non ha ancora preso decisioni: un’ipotesi potrebbe essere quella di aumentare le corse, in modo da garantire una maggiore distribuzione dei passeggeri nelle fasce orarie di inizio e fine lezioni, quelle considerate più a rischio.

Nella giornata di ieri si sono registrati 301 contagi da coronavirus in Campania, secondo i numeri covid nel bollettino della regione. Si spera che la situazione possa migliorare e non peggiorare come lo scorso autunno e soprattutto di poter rivedere bambini e ragazzi andare a scuola senza restrizioni e paure.