Salute: Rubrica “Nutrizione e Benessere” : Le amarene

Attualità Rubrica “Nutrizione e Benessere” : Le amarene
  Condividi:  
285 21/05/2021

 

Questa settimana, per il nostro immancabile appuntamento con la rubrica “Nutrizione e Benessere”, andiamo alla scoperta delle caratteristiche nutrizionali di un frutto, tipicamente estivo, simile alle ciliegie, stiamo parlando delle amarene. Queste ultime sono il frutto dell’amareno, pianta della specie botanica Prunus cerasus, originario della zona caucasica e importato in Europa dai Romani. Ne esistono di diverse varietà: le amarene, le visciole e le marasche, che si differenziano per il colore e per il sapore. Come detto, le amarene sono simili alle ciliegie da cui si distinguono per un colore rosso chiaro, una polpa di colore più chiaro, per un gusto più amarognolo e acidulo e la stessa pianta è di dimensioni inferiori rispetto al ciliegio. Ottime da consumare fresche, anche come spuntino, non sono facilmente reperibili nei supermercati, meglio presso fruttivendoli più riforniti, in realtà, più che per il consumo fresco, vengono utilizzate per la preparazione di dolci, liquori, marmellate e del famoso liquore “maraschino”. Per la loro facile deperibilità, spesso le si trova, in commercio, congelate. 100g di amarene fresche apportano 42kcal, 84,4g di acqua, 12,2g di carboidrati, 0,8g di proteine, 0,3g di lipidi, 1,6g di fibre, oltre a sali minerali quali potassio, calcio, fosforo, magnesio e vitamine come la Vit. C, la Vit.A e quelle del gruppo B. Se disidratate, vengono private del contenuto di acqua attraverso un processo di essiccazione, e di conseguenza apportano un numero maggiore di calorie pari a 339Kcal sempre per 100g. Negli ultimi anni le amarene sono state al centro dell’attenzione dei ricercatori per la presenza al loro interno di numerosissime sostanze antiossidanti definite antociani dal potenziale effetto benefico sulla salute in generale ma anche in ottica preventiva  per quanto riguarda le patologie tumorali. Inoltre, contengono ottime concentrazioni di potassio con un conseguente effetto diuretico e depurativo, utile per tenere sotto controllo l’ipertensione e contrastare la cellulite; buona anche la quantità di fibre ad effetto lassativo grazie alla presenza di fibre insolubili nella buccia, non digeribili, che aumentano il volume fecale e fibre solubili (pectina) nella polpa che facilitano il transito intestinale, contrastando la stipsi; la Vit.A è fondamentale nella prevenzione delle patologie oculari e per la vista in generale; la Vit. C non solo svolge un’azione antiossidante ma contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario; le amarene hanno un indice glicemico basso, pari a 22 e per questo possono essere consumate dai diabetici; infine, grazie alle poche calorie e al buon senso di sazietà che inducono, possono essere consumate in regimi dietetici ipocalorici. Non vi sono particolari controindicazioni al consumo di amarene, tranne per i casi di allergia e, in caso di consumo eccessivo, la possibilità di disturbi gastrointestinali.