Cilento: Vaccini anti Covid-19: le prime vaccinazioni anche nel Cilento

Attualità Vaccini anti Covid-19: le prime vaccinazioni anche nel Cilento
  Condividi:  
992 04/01/2021

Nei giorni scorsi sono state consegnate le prime dosi di vaccino anti-Covid nei 4 ospedali individuati come Hub Asl Salerno: Nocera Inferiore, Polla, Vallo della Lucania e Battipaglia. Si tratta di una prima consegna di 975 dosi di vaccino per ognuno dei quattro ospedali, per un totale di 3.900 fiale assegnate all’intera Azienda Sanitaria Locale di Salerno.

Come previsto dalle indicazioni del Ministero della Salute le prime vaccinazioni sono state destinate a una piccola parte di medici, infermieri e operatori sanitari che da quasi un anno combattono in prima linea contro il nemico invisibile. Tra i primi a vaccinarsi nel Cilento: Angela Di Pizzo, infermiera del pronto soccorso del PO “San Luca” di Vallo della Lucania, la quale durante la prima fase di pandemia risultò in un primo momento positiva al Covid-19. Adriano De Vita, sindaco di Novi Velia e direttore sanitario del San Luca; Antonio Aloia, primo cittadino di Vallo, medico dell’Utic Cardiologia e responsabile dell’U.O.S. di Emergenza-Urgenza Cardiovascolare; Raffaele Mondelli, sindaco di Omignano e infermiere del pronto soccorso di Vallo: “Oggi anch’io ho fatto il vaccino ‒ ha dichiarato sul suo profilo facebook ‒ Il vaccino rappresenta una speranza, vaccinarsi è fondamentale per noi, per le persone che amiamo e per la comunità in cui viviamo”. Michele Bosco, primario e direttore del reparto di rianimazione del San Luca; Enrico Gnarra, sindaco di Moio della Civitella e coordinatore infermieristico dell’Utic di Vallo: “Oggi ho fatto il vaccino ‒ ha postato sul profilo social ‒ Vaccinarsi significa voler bene a se stessi e agli altri. Facciamolo tutti”! Eros Lamaida, sindaco del Comune di Castelnuovo Cilento e neurochirurgo presso l’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania: “Vaccinarsi contro il COVID-19 è un dovere civile e morale. ‒ le parole di Lamaida sulla sua pagina facebook ‒ Con il cuore ed il pensiero a tutti coloro che sono stati molto meno fortunati di me, in Italia e nel mondo, perché sono stati strappati via dai loro affetti più cari. Con il cuore e con il pensiero a chi sta soffrendo in queste ore e muore, ogni santo giorno. Ancora! È per tutti questi nostri fratelli e sorelle che abbiamo il dovere di vaccinarci. Vaccinarsi ‒ ha aggiunto ‒ è: rispetto ed onore alla scienza e al futuro. E a questo presente di dolore.”

I vaccini all’ospedale di Agropoli sono iniziati e continueranno nei prossimi giorni mentre prosegue la campagna pro-vaccino di altri sindaci del Cilento, i quali invitano i cittadini alla prudenza e a vaccinarsi non appena sarà possibile.