Salerno, presentazione del libro Doña Juana. La Engañadora de Salerno di Menotti Lerro

Menotti Lerro vicino alla statua di Don Giovanni a Siviglia.jpg

Il giorno 29 maggio, ore 19.00, il personaggio inventato da Menotti Lerro nel 2015 con la pubblicazione della commedia Donna Giovanna, l’ingannatrice di Salerno, uscito poi per le edizioni Zona anche nel 2016 in versione multilingue e nel 2017 come libretto d’opera, sarà presentato presso la Biblioteca Pública de Sevilla “Infanta Elena”, segnando, oltre che un simbolico incontro e fusione tra i due speculari libertini “Don Giovanni-Donna Giovanna” anche l’incontro tra le due città, Salerno-Siviglia e le loro istituzioni culturali.

Il testo: Con il personaggio dell’autore salernitano, la figura del Don Giovanni – inventata nel ‘600 da Tirso de Molina – muta profondamente la sua natura: da soggetto maschile eterosessuale a soggetto femminile omosessuale, determinando una vera e propria rivoluzione culturale. Per la prima volta la seduzione più selvaggia, cinica e fanfaronesca, viene affidata ad una donna che innova il sentire e le modalità di azione di un mito sempre moderno, ma pronto a cambiare il suo sentire e le sue maschere in linea con i mutamenti della società.  

Appuntamenti: Al ritorno da Siviglia ci saranno altri due affascinanti eventi per festeggiare il rinnovamento del mito. Il giorno 13 giugno, ore 18.00, i Maestri Alessandro Russo, Filippo Panseca e Gino Masciarelli presenteranno la loro artistica interpretazione della nuova “eroina” salernitana. Nella Galleria Vittorio Emanuele II di Piazza Duomo, presso la storica libreria Bocca, saranno mostrate le nuove opere scultoriche e pittoriche che gli sono state dedicate dagli illustri contemporanei.

Il viaggio proseguirà poi per Firenze nei meandri della prestigiosa Biblioteca Marucelliana. Appuntamento, quest’ultimo, fissato al 16 giugno, Ore 11.00.

L’autore: Menotti Lerro è nato a Omignano (Sa) nel 1980. Insegna Letteratura Inglese e Cultura e Civiltà Inglese presso un istituto universitario di Milano. Per la casa editrice Genesi di Torino dirige la collana di poesia “Poeti Senza Cielo”. Tra i suoi libri di poesia: Ceppi incerti (2003), Senza cielo (2006), Primavera (2008), Gli occhi sul tempo (2009), I Dieci Comandamenti (2009), Profumi d’estate (2010), Il mio bambino (2011), Nel nome del Padre (2012), Gli anni di Cristo (2013), Entropia del cuore (2015), Pane e Zucchero (2016), Decanto (2017). In prosa: Augusto Orrel. Memorie d’orrore e poesia (2007), Il diario di Mary e altri racconti (2008), Fuga da Orrel (2012), 2084. Il potere dell’immortalità nelle città del dolore (2013), Aforismi e pensieri (2013). Critica letteraria: I Poeti Senza Cielo (2007), Essays on the Body (2007), The Body between Autobiography and Autobiographycal novels (2007), L’io lirico nella poesia autobiografica (2009), La tela del poeta (2010), Raccontarsi in versi. (2012), Autobiographical Poetry in England and Spain, 1950-1980 (2017). Nel 2016 è stato insignito della “Menzione Speciale” nella sezione ‘Poesia e Narrativa’ nell’ambito del Premio Nazionale “100 Eccellenze Italiane”.

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...