Montano Antilia, la “Festa dell’emigrante” raggiunge la sua 4^ edizione.

Cattura.PNG

Appuntamento a Montano Antilia, sabato 12 e domenica 13 agosto 2017, per la caratteristica “Festa dell’Emigrante”.

Situato ad oltre 700 m s.l.m, Montano Antilia è il borgo abitato più alto del Cilento.

Un paese immerso nel verde: vasti boschi e colture di castagni e faggi. Terreno di noci, olive e uva.

Montano Antilia apparteneva, in origine, al territorio di Cuccaro Vetere. In età moderna ottenne la sua autonomia.

Inizialmente chiamato Montana, fu poi cambiato in Montano, a cui si aggiunse Antilia, la cui etimologia appare ancora incerta. Più probabile l’ipotesi di far discendere la denominazione dall’unione di due parole greche: ante lios ossia avanti al sole.

Una posizione favorevole, baciata dal sole in ogni ora della giornata. Il centro abitato di Montano Antilia si estende alle pendici del Monte Antilia (1316 m). Dalle sue terrazze il paese regala un panorama suggestivo. Nelle giornate più limpide è possibile ammirare il Golfo di Palinuro da un lato, quello di Policastro dall’altro e arrivare a scorgere con lo sguardo i profili della costa calabra.

Agli inizi del ‘900 anche Montano Antilia è stata scena del fenomeno dell’emigrazione, dapprima  verso le Americhe, successivamente verso il Nord Europa e il Nord Italia.

“La Festa dell’emigrante” è una festa popolare, un momento di aggregazione sociale dove sapori, suoni e racconti rievocano le esperienze di quanti sono stati costretti ad abbandonare la propria terra natia per cercare fortuna altrove. Una festa celebrata fino agli anni ’90. Dopo una lunga assenza è stata rilanciata nel 2014, grazie alla volontà di un gruppo di amici riuniti nell’associazione no profit “GRUPPO L’EMIGRANTE”.

Oggi, la festa, giunge alla sua 4^ edizione.

I montanesi e i tanti visitatori, durante le due serate, saranno catturati dal profumo della cultura enogastronomica, piatti che, per l’occasione, preservano la loro dicitura dialettale:

tipici Cauzuncieddi ri ricotta a lu sugo;

cavatieddi a lu Sugo o cu Spaari;

casicavaddo ‘mpiccato;

Purpette ri Carne ‘mmiscata;

‘Nzalata ri l’Uorto Nuosto;

Panini cu Sauzicchio;

Patane Fritti Paisane;

Scauratieddi;

Rurci.

Pietanze accompagnate da Vino Niuro Paisano e Birra Bionda e Speciale.

Una festa popolare all’insegna della musica della tradizione locale:

Sabato 12 agosto: alle ore 21.00 concerto live di etno-music  de “I NOVA FELIX”.

Domenica 13 agosto: alle ore 21.00 spettacolo live “I MILLE TONI” Terry & Paco, revival anni ‘70/’80/’90.

Alle ore 22.30 spettacolo di NANDO VARRIALE, comico cabarettista ospite delle trasmissioni televisive Zelig e Made in Sud.

 

La festa si svolge presso lo spiazzo delle ex scuole medie.

L’intero ricavato verrà reinvestito in opere di riqualificazione del paese.

Seguiranno l’evento le telecamere di Cilento Channel.

Cilento Channel, l’informazione del Cilento sul web (www.cilentochannel.it e facebook) e in televisione sul canale 636 del digitale terrestre.

Norma De Martino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...