Camerota, sversamenti abusivi, Scarpitta:”chi uccide il nostro mare va sgominato”

 

mare-sporco-cosenza.jpg

«Questo lavoro non avrà sosta – ha dichiarato il sindaco – sono già tante le situazione scoperte e tanti sono i cittadini che collaborano con noi. Tra loro ci sono ex dipendenti di strutture balneari e turistiche che forniscono notizie. Chi uccide il nostro mare va sgominato, chi vuole fare questi atti criminali troverà un’amministrazione decisa e determinata. Ringrazio il comando dei vigili – conclude Scarpitta – che anche se di domenica e in un orario particolare si è fatto trovare pronto. I miei ringraziamenti li estendo anche alla capitaneria di porto e anticipo che ho già ricevuto altre segnalazioni e nelle prossime ore non sono esclusi ulteriori blitz».
In località Mingardo, lungo la strada regionale 562, all’altezza della Pineta di Marina di Camerota, la polizia municipale del comando locale, agli ordini del comandante Francesco Fiore, ha individuato e fermato uno sversamento abusivo di acque reflue, provenienti da un impianto di depurazione di una struttura ricettiva della zona, che scaricava direttamente su suolo di proprietà del demanio comunale. Alle operazioni, avviate dai vigili urbani, hanno preso parte anche gli uomini della capitaneria di porto dell’ufficio marittimo di Camerota agli ordini del comandante Amleto Tarani. Gli agenti Cammarano, Rizzuti e Garofalo sono giunti sul posto insieme al delegato alla Polizia municipale Manfredo D’Alessandro. «Continueremo a salvaguardare uno dei tratti di costa più belli e conosciuti d’Italia – ha affermato D’Alessandro – l’amministrazione comunale è impegnata giorno e notte al controllo delle strutture dislocate lungo il litorale per proteggere l’ambiente ed evitare disastri del genere». Lo sversamente è stato bloccato in modo definitivo. La sanzione amministrativa sarà consegnata al titolare della struttura dopo aver formulato il verbale di contestazione. Dei fatti è stato informato il sindaco di Camerota, Mario Scarpitta, e il delegato all’Ambiente, Josè Saturno.

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...