Vallo di Diano, Sabato 12 Agosto 3° edizione Museo d’Estate

Invito Montesano.jpg

L’avvocato Nicola Cestari, capo della municipalità di Montesano al tempo della Repubblica Napoletana del 1799, fu ferocemente assassinato il 17 febbraio 1799 (cioè dieci giorni dopo che era stato piantato l’albero della libertà) da alcuni concittadini suoi nemici che, in segno di estremo oltraggio, dopo avere reciso la testa, arrostirono e mangiarono un pezzo delle sue guance! Un pranzo macabro ed un triste rituale dettati dalla volontà di oltraggiare Nicola Cestari anche da morto.
Solo nel giugno del 1806 i figli maggiori di Nicola Cestari, Tommaso e Giuseppe, vincendo la tentazione di farsi giustizia da soli, riuscirono ad ottenere l’arresto di mandanti ed esecutori del delitto i quali, con decreto di Giuseppe Bonaparte del 14 agosto 1806, furono accusati ufficialmente di un eccidio di soldati francesi consumato il 24 febbraio 1799 a Casalbuono e in seguito, con decreto dell’8 dicembre 1806 anche dell’assassinio di Nicola Cestari.
Il processo si concluse il 28 gennaio 1807 con la condanna a morte dei principali imputati, riconosciuti colpevoli sia dell’assassinio di Nicola Cestari, sia dell’eccidio dei quattro soldati francesi a Casalbuono. I sei imputati, ritenuti responsabili, furono impiccati a Napoli, in Piazza Mercato, il 29 gennaio 1807.

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...