Cilento, l’economista Persico ed il naturalista Di Novella immaginano il futuro del Parco Nazionale del Cilento

valorizzazione cercati 1.jpg

 Acqua, terra, uomo rurale, paesaggio. Sono questi i temi di approfondimento alla base del grande progetto di valorizzazione e sviluppo del territorio di Sanza sul quale è impegnata l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Vittorio Esposito. Ha preso il via ieri sera, presso l’aula consiliare, il laboratorio progettuale per la realizzazione della strategia di rilancio del Monte Cervato. L’economista e docente universitario, il prof. Pasquale Persico ed il naturalista Nicola Di Novella, hanno incontrato l’amministrazione comunale per un confronto sui temi dello sviluppo locale. Per l’occasione è ritornata a Sanza, dopo due mesi di esposizione, la mostra fotografica e concettuale, curata dal Comune di Sanza, “fiori spontanei del Monte Cervato”, in visione per oltre un mese al Castello Macchiaroli di Teggiano con un grande successo di pubblico e di critica. Un grande progetto di valorizzazione del Monte Cervato per riattivare il sistema economico locale. E’ questa la visione dell’amministrazione Esposito che si avvarrà del supporto operativo dell’economista persico e dell’esperto conoscitore dei luoghi, Nicola Di Novella. “Siamo pronti a sviluppare un progetto di interconnessione tra agricoltura, natura e turismo, dove al centro di tutto ci dovrà essere l’uomo e le sue caratteristiche di abitante dei luoghi – ha commentato il vicesindaco Antonio Lettieri – attraverso le Misure del PSR attueremo iniziative di rilancio del sistema agricolo locale puntando sulle eccellenze agroalimentari che dovranno accompagnare il sistema di valorizzazione turistica del Cervato” ha aggiunto Lettieri. Un lavoro complesso che si svilupperà nell’ottica di un Progetto Integrato che metta al centro il Grande Attrattore Naturalistico della Campania: il Monte Cervato. “La nostra visione di futuro passa dalla costruzione delle rete ecologica locale che individua nella ruralità, nella natura e nella fede i tre punti cardini su cui sviluppare un progetto che dovrà essere condiviso con le comunità che orbitano intorno al Cervato – ha aggiunto il sindaco Esposito – Non grandi infrastrutture ma interventi in connessione che rendano il sistema economico del basso Cilento e Vallo di Diano un prodotto unico da proporre al mercato del turismo nazionale ed internazionale. Questo è il primo passo, un passo importante, che mette un punto fermo sul percorso che intendiamo seguire nei prossimi cinque anni” ha aggiunto il sindaco Esposito.

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...