“Il Sentiero del Maestro”, si organizzerà tra Cannalonga e Rofrano la due giorni dedicata al Maestro Angelo Paolino

CatturaI.JPG

Il week end del 14 e 15 ottobre 2017 sarà all’insegna dell’escursionismo e del ricordo e coinvolgerà i due paesi cilentani, Cannalonga e Rofrano (SA).

Il G.E.T – Gruppo Escursionistico Trekking CULTNATURA – di Rofrano, associazione affiliata alla Federazione Italiana Escursionismo, organizza l’evento “Il Sentiero del Maestro”, patrocinato da diversi Enti.

Si ripercorre, fisicamente ed emotivamente, il tragitto che il giovane Maestro Angelo Paolino, con sacrificio e spirito di abnegazione, percorreva per raggiungere la scuola dove insegnava, ubicata a Sella dell’Orco (Cognulo dell’Orco), una località di montagna tra Cannalonga e Rofrano.

Domenico Pandolfo, Presidente G.E.T. Cultnatura Rofrano e FIE, introdurrà la prima giornata dell’evento che si terrà sabato 14 ottobre, alle ore 16.30, presso la Chiesa Parrocchiale di Cannalonga.
Saranno presenti all’incontro il Sindaco di Cannalonga, il dr. Carmine Laurito, il Sindaco di Rofrano, il dr. Nicola Cammarano e il Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni, il dr. Tommaso Pellegrino.
Ad omaggiare l’esperienza professionale ed umana del Maestro Paolino, raccontata nel suo libro “Sella dell’orco – Solo le bestie non sperano”, interverranno Don Luigi Rossi, storico e parroco della Chiesa di Cannalonga e l’architetto Francesco Ruocco.
Seguirà la consegna del premio “Il Sentiero del Maestro” che, alla sua prima edizione, vuole riconoscere chi, con impegno e passione, dedica la propria attività alla montagna per mantenerne vivi cultura e tradizioni.
A conclusione dell’incontro, la proiezione di alcune immagini del film girato a Cannalonga, scritto da Giovanni Laurito e diretto dal regista Gianni Petrizzo.

Domenica 15 ottobre 2017 sarà la giornata dell’escursione.
Con raduno alle ore 08.30, nella piazza centrale di Cannalonga, s’intraprenderà il tragitto che, attraversando boschi di castagne, ontani e faggi e superando comodi tornanti, condurrà allo “Scavalco di Cannalonga” (1.337 m) per raggiungere, infine, la sorgente di Crepaboi, punto di arrivo dell’escursione.

Durante il percorso si posizioneranno le tabelle che segneranno il “Sentiero del Maestro”, così nominato in onore di Angelo Paolino.

Norma De Martino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...