Agropoli, il dott. Malandrino ritorna sulla questione “Fornace”

 

fornace1

Riceviamo e pubblichiamo quanto segue dal dott. Emilio Malandrino (Commissario Cittadino) :”Era lo scorsoMaggio, a pochi giorni dal termine della campagna elettorale per le Amministrative 2017, quando da Consigliere comunale, insieme ai colleghi Rizzo ed Abate, denunciammo pubblicamente il “sistema” delle innumerevoli e talvolta stucchevoli inaugurazioni ad orologeria di opere, strade, piazze, inizi lavori ecc, che si susseguivano negli ultimi giorni prima del voto.
Tra queste “performance” molto rumore fece la famosa “FORNACE” per la quale, in verità, apprezzavo ed apprezzo ancora la qualità del restauro, la importanza del significato storico e la rivalorizzazione della straordinaria validità archeologica, culturale ed architettonica.
Molto minore il mio apprezzamento per l’ennesima forzatura su quello che ho sempre considerato un sistema, una modalità ed un metodo lontano dalle normali regole amministrative e dal corretto rispetto delle leggi.
In verità quella struttura , i fatti lo dimostrano, veniva inaugurata priva delle normali autorizzazioni previste, quali il collaudo, l’agibilità, il parere dei Vigili del Fuoco ed altro.
Ciò nonostante si procedeva alla mega cerimonia di inaugurazione del “ FINE LAVORI” ( così definita da qualcuno dell’Amministrazione uscente ), tipologia a me sconosciuta fino ad allora.
Finito l’evento, ovviamente ricco di flash, tv, giornalisti, migliaia di ospiti ecc., la stessa sera dell’inaugurazione ( di cosa ????? Sic… ) su tutto calava il sipario e la bella struttura destinata a diventare polo museale, sala mostre, punto di aggregazione culturale, veniva regolarmente chiusa ed ancora oggi è un gioiello incompiuto ed inutilizzato ammirabile solo dall’esterno.
Forse è quasi giusto, per estremizzare il concetto, che “qualcuno” ne utilizzi almeno le aree esterne, e chissà nel futuro se non anche lo spazio interno.
Tanti ragazzi hanno invaso ormai quello spazio per utilizzarlo a loro piacimento e per svagarsi un po’anche come sportivi sia per il calcio che per ciclismo dilettantistico.
All’Amministrazione, infine, un invito a completare, in maniera seria, la definizione dell’opera ed a renderla fruibile per la Comunità.
Senz’altro si renderà un servizio migliore e più utile per i cittadini, sperando che per il futuro si possano continuare altre azioni di recupero, costruzione e progettazione di nuove opere e strutture ma guardando un po’ di più alla correttezza dei procedimenti ed un po’ meno ai proclami , alle pubblicità, alle pomposità, agli sfarzi ed altro che , in questi difficili momenti di crisi, sembrano un’ offesa a tanta parte della Comunità che soffre il disagio di un pur minimo vivere dignitoso”.

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...