CAPACCIO PAESTUM, DAL 26 AL 29 OTTOBRE LA XX EDIZIONE DELLA BMTA TRA LE NOVITÀ GLI SHORT MASTER UNIVERSITARI E IL “MEET PAESTUM”

 

Aprea (1)

Si apre il sipario a Capaccio Paestum sulla XX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, salone espositivo dedicato al patrimonio archeologico. Dal 26 al 29 ottobre, il Parco Archeologico, il Museo Archeologico Nazionale e la Basilica Paleocristiana ospiteranno le numerose iniziative della Borsa. La BMTA, promossa e sostenuta da Regione Campania,Comune di Capaccio Paestum, Parco Archeologico di Paestum, è organizzata dalla Leader srl con la direzione di Ugo Picarelli.  «Venti anni rappresentano un traguardo importante che viviamo non tanto come celebrazione, ma come stimolo per una proiezione dell’importante kermesse verso il prossimo ventennio. – afferma l’assessore alla Cultura, Claudio Aprea – Se i primi venti anni sono serviti a lanciare la manifestazione sotto il profilo mediatico, si avverte oggi il bisogno di vedere maturare effetti più concreti e tangibili, anche attraverso una maggiore consequenzialità nell’azione inter-istituzionale rispetto alle premesse. La Borsa, infatti, dovrà essere d’ora innanzi un momento fondamentale per far sì che l’attenzione delle Istituzioni europee, ministeriali e regionali, verso Capaccio Paestum, si concretizzi in azioni ad hoc in grado di rendere la Città dei Templi un vero e proprio esempio di territorio vocato ad un’economia basata sulla conoscenza e sui valori culturali, immateriali e materiali, che rappresentano le leve del turismo archeologico». Intanto, a Palazzo di Città, già si lavora anche per risolvere definitivamente il problema della logistica. «E’ ormai chiaro che l’evento, per le sue proporzioni attuali e per le previsioni di crescita, non potrà più svolgersi in strutture provvisorie. – continua Aprea – Occorre che sia messo a disposizione un luogo fisico che, oltre a garantire una migliore fruibilità e gestione, permetterà di elaborare strategie che la rendano un vero e proprio motore permanente d’innovazione in seno al turismo archeologico e culturale, un laboratorio d’impresa culturale creativa, una centrale per Master Universitari nazionali e internazionali dedicati all’archeologia e alle scienze turistiche, una redazione di storytelling da porre al servizio della filiera turistica, una piattaforma sistemica capace di elaborare strategie di sviluppo pubbliche e private, una sede di continuo confronto istituzionale. Per questo motivo non abbiamo esitato nel ribadire a più riprese, in sedute chiuse e aperte, che di certo questa ventesima edizione sarà l’ultima che si farà secondo lo schema usuale. Di certo, niente più tendostrutture tra le colonne doriche di Paestum. Su questo siamo tutti d’accordo. Stiamo lavorando per inquadrare in brevissimo tempo alternative su cui puntare e, nello stesso tempo, stiamo elaborando un aggiornamento del sistema BMTA al fine di riefficentarla secondo le più recenti logiche del mercato e renderla ancora più partecipata dalla cittadinanza e dai nostri operatori; per incrementare la portata delle ricadute che genera introducendo indicatori misurabili; per renderla capace di fornire spunti tesi a migliorare la produzione culturale del territorio, anche in termini d’impresa. Insomma, un nuovo percorso da intraprendere insieme alle Istituzioni, agli operatori, alle associazioni,alla cittadinanza». Intanto, per quest’edizione, ci saranno già delle novità che presentano un primo esempio delle leve su cui l’Amministrazione comunale sta puntando per consegnare alla direzione organizzativa delle linee d’indirizzo che aprono una nuova fase. Infatti, tra i vari eventi, ci saranno gli Short Master Universitari organizzati con Uni Pegaso ed il “Meet Paestum”, un b2b accreditato Enit, dedicato solo agli operatori di Capaccio Paestum e gratuito.  «Ci sarà anche più attenzione e spazio per i giovani – conclude l’assessore alla Cultura – con l’incremento dei laboratori di archeologia, sulla qual cosa punteremo molto per gli anni a venire ed un focus sulla presentazione di start-up culturali e creative, settore che intendiamo incentivare seguendo fitti programmi di formazione d’impresa, di emersione delle vocazioni e d’informazione sulle opportunità di finanza agevolata. Nel frattempo, tutto è pronto per goderci questa pregevole ed intensa edizione, considerando il compimento del ventennale come punto di partenza».

c.s.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...