Agropoli, resoconto del consiglio comunale del 27 novembre 2017

consiglio comunale agropoli nov 2017

Il consiglio comunale di Agropoli del 27 novembre scorso ha discusso 7 argomenti all’ordine del giorno, approvandone 6, poichè il secondo trattasi di interrogazione del consigliere di minoranza Agostino Abate nei confronti del sindaco Adamo Coppola, in merito alla presenza di buche sui marciapiedi di Via Taverne. Il sindaco ha risposto che le buche sono state momentaneamente coperte, in attesa del completamento dei lavori previsti per il nuovo anno. In riferimento agli altri punti all’ordine del giorno, sono stati approvati i verbali delle sedute precedenti; l’accollo del debito dell’ Agropoli STU di circa 2 milioni e 625 mila euro che sarà trasferito al comune, perchè l’Agropoli STU, era una società partecipata dell’Ente. Consenso anche per il Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari – triennio 2017/2019, fortemente contestato da Abate. Il consigliere ritiene che alcuni beni inseriti nell’elenco, fanno parte di “Standard urbanistici” e quindi non indirizzati alla vendita. L’argomento è stato attenzionato anche dal consigliere di minoranza Consolato Caccamo che ha chiesto delucidazioni su alcuni appartamenti del comune in vendita. Sembrerebbe che gli stessi siano occupati ma il consigliere non ha ricevuto conferma, l’assessore Mutalipassi però ha ribadito che sono in corso accertamenti in merito. Approvato anche il nuovo regolamento per l’utilizzo dell’aula consiliare con una serie di tariffe per chi ne usufruisce. Esito positivo dell’assise comunale anche sugli oneri di urbanizzazione adeguati e aggiornati ai parametri Istat. Infine il consiglio ha approvato l’affidamento in concessione a ditta idonea esternalizzando il servizio di accertamento e riscossione dell’imposta comunale della Pubblicità (ICP), della Tassa Occupazione di Spazi e Aree Pubbliche (TOSAP) e del Diritto sulle Pubbliche Affissioni (DPA), della Riscossione Coattiva di tutte le entrate tributarie e patrimoniali del comune di Agropoli, del servizio di supporto all’accertamento evasione e o elusione dei tributi locali e supporto alla ricerca dell’evasione erariale, mediante gara ad evidenza pubblica. In quest’ultimo argomento, i consiglieri Caccamo e Abate hanno rivendicato la creazione di una capacità interna di gestione che potrebbe essere affidata ad esempio alla Cilento Servizi ma che non è stata presa in considerazione.

Gianni Petrizzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...