Velia, per la prima volta in mostra i reperti archeologici

 

velia-parco-archeologico
Oggi Giovedì 28 dicembre apre al pubblico la mostra “Velia…una città tra Essere e benessere”, fortemente voluta dal Comune di Ascea e realizzata in collaborazione con la SoprintendenzaArcheologia Belle Arti e Paesaggio di Salerno e Avellino. L’esposizione, allestita negli spazi di Palazzo De Dominicis – Ricci, residenza nobiliare nel cuore di Ascea, racconterà la storia della città di Elea-Velia, e in particolare un aspetto che la rese celebre nell’antichità, lo stretto legame tra paesaggio, filosofia e medicina. Questa mostra rappresenta uno sforzo per rendere in qualche modo “visibile” il sostrato culturale di Elea-Velia, in parte fatto di tracce “immateriali”. Inoltre, questa iniziativa ha consentito di esporre per la prima volta molti reperti che fino ad ora erano conservati nei depositi del Parco Archeologico.”È un momento storico per la nostra comunità – dice il sindaco di Ascea Pietro D’Angiolillo – che realizza il sogno di veder esposti i reperti di Elea – Velia nelle sale di Palazzo De Dominicis – Ricci, rendendo possibile, tra l’altro, un maggior flusso turistico distribuito sul territorio ed un percorso integrato tra cultura, paesaggio, enogastronomia. Tutto ciò contribuirà alla destagionalizzazione del turismo e ad un maggior sviluppo del nostro paese”. La mostra illustra – attraverso videoproiezioni narrate, immagini ricostruttive e reperti – la storia e lo sviluppo della città che diede i natali a Parmenide e Zenone e allo stesso tempo offre ampi approfondimenti sui temi centrali dell’esposizione che restituiscono un quadro completo di quanto rappresentato da Velia in antico, non solo in termini di testimonianze materiali e monumentali. Il racconto della mostra toccherà, inoltre, anche un altro aspetto per cui Velia divenne celebre in tutto il mondo antico come luogo di benessere per il corpo e per lo spirito: l’ambiente naturale in cui sorgeva la città, percorsa da acque dalle proprietà terapeutiche che alimentavano le terme, e in cui crescevano erbe utilizzate anche a scopi medici. Il secondo piano del Palazzo sarà infine riservato al Cilento, territorio cui naturalmente Velia appartiene, con un’ampia sezione dedicata al paesaggio vegetale e alle produzioni agricole chesin dall’antichità lo hanno caratterizzato.

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...