ANIMALI VAGANTI AD AGROPOLI: I CITTADINI CHIEDONO AL SINDACO PROVVEDIMENTI

“Il 23 aprile scorso 115 elettori di Agropoli, avvalendosi della facoltà consentita dall’art.49 del vigente statuto comunale, hanno consegnato agli uffici del Comune una proposta per contrastare il fenomeno dei cosiddetti animali vaganti. Da allora nulla è cambiato perchè negli ultimi tempi il fenomeno non è cessato.

Animali abbandonati a se stessi, privi apparentemente di proprietari . Pericolosi per loro è per i cittadini. La cronaca di questi ultimi anni racconta spesso, purtroppo, di incursioni nelle vie del centro, nel quartiere della Madonna del Carmine, nella contrada Marrota, nelle aree di balneazione della Baia di Trentova , nei sentieri di Tresino frequentati dai trekking team e dalle mountain bike e recentemente nel fondo di Trentova di proprietà del Comune di Agropoli acquistato col danaro dei contribuenti.
Questi episodi sono stati ripetutamente documentati da giornali e televisioni locali oltre che oggetto di reiterate segnalazioni e denunce presentate dai cittadini e dai proprietari dei fondi agricoli che subiscono danneggiamenti continui.
Gli animali vaganti sfuggono ai controlli poiché non è possibile verificare la presenza del marchio auricolare. In questo stato di cose non è garantita la salute degli animali né quella dei consumatori anche perché esposti a macellazione clandestina.

I sindaci hanno la competenza ai sensi dell’art. 7 bis e 54 c.2 del D.Lgs. 18.8.2000 n.267 all’adozione di provvedimenti contingibili ed urgenti al fine di prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità dei cittadini.

Francesco Cavaliere, primo firmatario della proposta ha dichiarato: “La raccolta di firme ha riscosso finora 253 adesioni. Il Sindaco ha 30 giorni di tempo per rispondere agli elettori. Tempo più che sufficiente perché la legge attribuisce ai sindaci, in questi casi, la competenza e la responsabilità esclusiva e personale attraverso lo strumento dell’ordinanza sindacale. I cittadini agropolesi subiscono da dieci anni le sopraffazioni dei proprietari degli animali vaganti. La trasmissione “non è l’arena” di Massimo Giletti sta trattando da qualche settimana questo tema che, purtroppo, non riguarda solo Agropoli. Le cosiddette “vacche sacre” , secondo molti degli autorevoli interventi in trasmissione, sono lo strumento della criminalità per il controllo del territorio e l’imposizione delle loro leggi.
Anche ad Agropoli è così? Nel dubbio l’intervento del Sindaco è indifferibile”.

REDAZIONE

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...