II EDIZ. DEL PROGETTO ” VELE SPIEGATE”: 400 VOLONTARI IMPEGNATI IN ATTIVITA’ DI PULIZIA E RICERCA SCIENTIFICA NEL CILENTO

Presentato questa mattina il progetto “Vele spiegate” di Legambiente

Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa di presentazione del progetto “Vele spiegate” di Legambiente. Si pone l’obiettivo di effettuare un monitoraggio specifico su marine litter, biodiversità e sensibilizzazione ambientale, con pulizia delle spiagge dai rifiuti lungo la costa cilentana e campana. Presso la sede della Lega Navale di Agropoli erano presenti: Giulio Cimmino, neo comandante dell’Ufficio Circondariale marittimo di Agropoli; Maria Teresa Imparato, presidente di Legambiente Campania; Francesco Lo Schiavo, presidente FIV (Federazione Italiana Vela) Campania; Eugenio Benevento, assessore al Porto e Demanio del Comune di Agropoli. Una barca a vela dell’associazione ambientalista da questa mattina è ormeggiata nel porto di Agropoli, dove permarrà fino a domenica 1 luglio. Da qui il viaggio proseguirà poi lungo le coste del Cilento, fino a Sapri. I volontari, con l’ausilio di tender, si recheranno sulle spiagge, per lo più su quelle non raggiungibili via terra, per raccogliere eventuali rifiuti presenti. «Nell’appuntamento di questa mattina – spiega l’assessore Eugenio Benevento – oltre a sottolineare la valenza del progetto di Legambiente, ho voluto rimarcare ancora una volta, il silenzio da parte del Ministero dell’Ambiente rispetto al problema della posidonia spiaggiata, più volte sottoposto allo stesso dai rappresentanti dei Comuni del Cilento costiero, che vengono lasciati soli di fronte ad una problematica annosa». «L’attenzione verso l’ambiente e la sua salvaguardia – spiegano il Sindaco Adamo Coppola e l’assessore all’Ambiente, Elvira Serra – partono dalla sensibilizzazione. Far comprendere che ogni rifiuto non opportunamente raccolto e differenziato può venire disperso nell’ambiente, con le conseguenze in termini di danni che tutti conosciamo, è il primo passo per mutare la mentalità e poter sperare in un futuro migliore per i nostri figli. Bisogna insistere e pretendere il rispetto di regole basilari da parte di tutti, affinché si possano davvero cambiare le cose».

C.S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...