SOFTWARE HOUSE, MAURANO:” DA SISTEMA INTEGRATO A GESTIONE INTRICATA

1497733_10202097358028764_1281364706_n

“Da mesi sentiamo il Sindaco Spinelli portare come esempio positivo la software house (sistema informativo integrato) ho cercato di capire quali reali vantaggi ha prodotto alla vita amministrativa del Comune di Castellabate”.

-Inizia così la nota stampa del consigliere di opposizione luigi Maurano in merito al sistema informativo integrato che serve all’attività informativa amministrativa dei vari uffici comunali-
L’anno scorso  fu indetta una gara con base d’asta di 207.000 euro per garantire una gestione integrata dei software che servono per l’attività amministrativa dei vari uffici e quindi sostanzialmente per i servizi ai cittadini.
“La gara d’appalto prevedeva un’offerta economica e un’offerta tecnica. Per capirci, – prosegue Maurano- per la prima venivano assegnati più punti alla ditta che presentava un prezzo inferiore rispetto a quello delle altre; per la seconda invece veniva dato un punteggio superiore in base alla qualità del servizio (usabilità dell’interfaccia, modularità e scalabilità, pubblicazione automatica di documenti sui portali istituzionali etc..).
La ditta che ha vinto la gara è risultata essere l’ultima per offerta tecnica (quindi per qualità), garantendosi però l’appalto grazie all’offerta economica più vantaggiosa (18.000 euro in meno).
Doveva, pertanto, garantire dal 1 Luglio 2017 una serie di servizi volti ad adeguare la pubblica amministrazione ai tempi. A titolo esemplificativo: sportello virtuale, portale del contribuente, permessi ZTL. In questo modo il cittadino in ogni istante avrebbe potuto interagire con l’Ente senza doversi recare per forza presso gli uffici.
Questa ditta, invece, non solo ancora non ha attivato tali servizi ma addirittura non ha garantito nemmeno quelli elementari come la pubblicazione degli atti nella sezione Amministrazione Trasparente o le classiche procedure d’ufficio. Infatti a Marzo il Comune ha dovuto affidare la gestione delle procedure informatiche dell’ufficio elettorale ad un’altra ditta per garantire un servizio oggetto di gara .
In più, onestamente, – conclude il consigliere- non si capisce come mai nonostante il Comune spenda 189.000 euro più iva (41.000 euro circa) alcuni software non rientrano nell’appalto, facendo registrare, tra acquisto e manutenzione, altre spese di migliaia di euro.
Non doveva essere una gestione integrata del software? Da integrata insomma è diventata intricata.

REDAZIONE 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...