Vallo della Lucania, sold out per la prima del film il “Maestro+ Margherita”

48373463_10217338284830401_4517471972304617472_o

Sold Out, posti a sedere tutti esauriti, con spettatori all’impiedi per la prima cinematografica de “Il Maestro + Margherita” proiettato presso il cineteatro “La Provvidenza” di Vallo della Lucania. Circa 700 persone hanno applaudito più volte durante la proiezione del film girato nel Cilento, a Cannalonga in provincia di Salerno, segno che l’opera prodotta da Film Studio di Agropoli, scritta da Giovanni Laurito per la regia di Gianni Petrizzo è arrivata dritta al cuore. Emozioni a non finire, commozione, comicità intelligente e raffinatezza stilistica nel racconto, questo il contenuto di un lungometraggio che ha entusiasmato dall’inizio alla fine.
Per l’occasione erano presenti l’ideatore del progetto Don Luigi Rossi parroco del paese cilentano dove è stato interamente girato il film, sua Eccellenza il Vescovo Mons. Ciro Miniero, lo sceneggiatore Giovanni Laurito, il regista Gianni Petrizzo, il montatore del film Andrè Giaccio, gli attori protagonisti Antonio Vita e Antonia Tomeo, Daniele Sottolano, Bartolo De Vita, Antonino Nese e Francesco Maio, e diversi componenti dello staff tecnico che hanno contribuito alla realizzazione del lungometraggio.
“Il Maestro + Margherita” che ha visto anche la partecipazione straordinaria di Vittorio Sgarbi è un film che, tra momenti di ironia e leggerezza, vuole mettere in risalto l’importanza dell’appartenenza territoriale. Volutamente girato sullo stile della commedia degli anni ’60 in bianco e nero. Una favola antica che evoca il Cilento arcaico e rurale, le sue tradizioni, i poveri e semplici, l’inganno, l’amore, la trasgressione e la delicatezza dei primi baci, i desideri e la poesia. Un incanto, una malìa in bianco e nero che fa riflettere, ridere, sperare.
Il film uscirà il prossimo 9 Gennaio nelle sale partendo dal cineteatro Eduardo De Filippo di Agropoli proseguendo poi in tutte le sale del Cilento, del Vallo di Diano, nel Salernitano, nel napoletano e nell’avellinese.

Raffaella Giaccio

Annunci