AGROPOLI, AREA PIP IN LOCALITA’ MATTINE, CACCAMO CHIEDE CHIARIMENTI SULLA MANCATA REALIZZAZIONE DELL’OPERA 

agropoli area pip caccamoagropoli caccamo area pip

Sempre più frequenti sono gli incidenti stradali che si verificano in località Mattine ad Agropoli, una tra le zone della cittadina agropolese dove troppo spesso si registrano eventi simili. A mettere in risalto la problematica è stato il consigliere del comune di Agropoli Consolato Natalino Caccamo che ha inviato una nota agli uffici comunali per avere chiarimenti riguardo i lavori di realizzazione dell’Area Pip per la quale sono stati spesi 5 milioni di euro con l’intento di garantire un miglioramento della viabilità sul posto. “Da allora i circa 5 milioni di euro sono andati e gli incidenti in quel dannato incrocio di via mattine sono continuati inesorabilmente per l’assenza della rotonda che era da realizzarsi-ha messo in evidenza attraverso un post l’esponente del M5S Caccamo-tanti cittadini contribuenti attendono ancora risposta di ritardi e rinvii” ha sottolineato il consigliere. Ad oggi infatti a distanza di circa 4 anni dalla cerimonia del taglio del nastro, l’opera non è ancora stata completata. Era l’Aprile del 2015 quando presero ufficialmente il via i lavori per il miglioramento e la messa in sicurezza della viabilità, riqualificazione dell’arredo urbano e potenziamento dei servizi della località Mattine. Tra gli interventi previsti la realizzazione di una rotatoria nei pressi dello svincolo di Mattine, la messa in opera di un parco pubblico, la costruzione di un incrocio canalizzato in via Malagenia e la realizzazione di marciapiedi. I lavori di realizzazione dell’area PIP avrebbero dovuto dunque migliorare la vivibilità dell’area, la viabilità d’accesso alla zona industriale agropolese e soprattutto avrebbe dovuto offrire maggiori servizi per la rete produttiva ed artigianale e per i residenti di una zona che è posta al confine tra i comuni di Giungano, Capaccio, Ogliastro Cilento e Cicerale. Ora si attende la risposta degli uffici comunali per chiarire le ragioni per le quali le opere non sono state portate a termine.

REDAZIONE

Annunci