AGROPOLI, MISSIONE UMANITARIA NEI CAMPI PROFUGHI SAHARAWI, TANTE EMOZIONI PER I VOLONTARI PARTITI IL 23 FEBBRAIO 


Sono passati solo pochi giorni da quando il 23 Febbraio scorso il parroco della chiesa Sacro Cuore di Agropoli Don Nicola Griffo e quattro volontari dell’ass. Piccoli Ambasciatori di Pace, sono partiti per una missione umanitaria nei campi profughi Saharawi. Tra questi Antonio Giacco presidente A.P.A.P., Francesca de Padova volontaria e responsabile Accoglienza, Luisa Piscopo volontaria e responsabile dei volontari e Matteo Corona volontario e responsabile dei rapporti istituzionali A.P.A.P. Il primo giorno della missione i volontari hanno visitato l’ospedale di Bol-la, dove Rossana, una donna dall’immenso coraggio, ha offerto loro l’opportunità di visitare una struttura straordinaria che ospita 8 bambini disabili. Nel pomeriggio invece hanno incontrato il governatore di Smara che ha esposto e descritto ai volontari i problemi che affliggono il popolo di quel posto. La serata si è conclusa poi con una cena a base di cammello. Nel corso del giorno seguente invece i protagonisti di questa missione umanitaria hanno visitato una fabbrica di ceramica a El Aiun che ha mostrato loro la voglia di rivalsa di questo popolo. In questa fabbrica le donne stavano ultimando le medaglie della Sahara maraton che si è tenuta il giorno successivo. Nel pomeriggio i volontari hanno incontrato alcuni bambini che sono stati ospiti nella città di Agropoli ed è stata una forte emozione per loro vedere come nonostante la vita difficile siano cresciuti. Infatti ogni anno nella cittadina agropolese vengono accolti diversi gruppi di bambini provenienti da quei luoghi, per lo più da accampamenti profughi. Poichè il Popolo Saharawi è stato allontanato dalla sua terra natia ed è costretto a vivere in campi profughi nel deserto del Sahara, dove d’estate le temperature raggiungono i 60 gradi, per tale ragione diversi Paesi e associazioni umanitarie attivano progetti per far andare via i bambini da quel luogo, per il mese di Agosto. Il caldo eccessivo potrebbe ucciderli. Così, una volta accolti nelal città di Agropoli, i bambini hanno la possibilità di visitare il Cilento e le bellezze del territorio, fare attività di animazione e stringere nuove amicizie con i bambini agropolesi. I volontari della missione umanitaria faranno rientro il prossimo 5 Marzo.

REDAZIONE

Annunci