REGIONE CAMPANIA, DANNO ALL’AGRICOLTURA DA 300 MLN. INTERVIENE MIGLINO

Distanza Ecoballe - Oasi WWF.JPG

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota stampa inviata alla nostra redazione da parte di Luca Miglino Dottore in Scienze Ambientali e Agrotecnico Consulenza e progettazione tecnica Agricoltura, Zootecnia e Ambiente, che risponde al consigliere regionale del M5S Michele Cammarano in merito al comunicato stampa :“Agricoltura, Cammarano attacca Alfieri e De Luca: “Causato danno da 300 mln”.

Essendo un Tecnico del Settore che segue numerose aziende del Cilento e Piana del Sele. Le mie vogliono essere solo delle considerazioni tecniche che vogliono far luce alle forvianti affermazioni del Consigliere Regionale Pentastellato che inducono i lettori e gli agricoltori in false idee del mondo del PSR- Piano di Sviluppo Rurale.

In primis la programmazione è 2014-2020 e non 2015-2020 è già qui mi pare che non sappia di cosa stia parlando il Consigliere.

Dopodichè c’è da dire che il compito della Regione, tramite i suoi dipendenti, è quella di Istruire le pratiche pervenute, effettuando operazioni di verifica dei requisiti e autorizzare in toto o in parte o bocciare alcune richieste di aiuto comunitarie agli investimenti aziendali.

La Regione dopo aver collaudato le opere e progetti, provvede a comunicare ad AGEA, l’organismo pagatore nazionale, l’importo da versare all’azienda, quindi è AGEA che eroga il contributo e non la Regione, anche nel caso di pagamento di contributi di compensazione come le misure 10, 11, 13 e 14 ecc…

Il progetto integrato giovani 412-611 si è chiuso solo a Luglio dello scorso anno, mentre la misura 411 è rimasta aperta da Agosto 2017 a Giugno 2018 è queste pratiche sono in via di ultimazione di istruttoria.

C’è da dire che di fronte ad un Bando rimasto aperto per più di un anno e alle numerossissime domande pervenute, la Regione ha messo in campo tutti gli Istruttori disponibili per il controllo delle pratiche, ma la dotazione organica Regionale è insufficiente vuoi per il blocco del turnover e per i concorsi mai banditi, riconosco agli istruttori che frequento quasi quotidianamente il grande sforzo di affrontare questa enorme mole di lavoro.

Per ultimo e non per importanza il Consigliere Cammarano in tempi non sospetti ha affermato che nell’Oasi di Persano c’erano le ecoballe. Parlando in qualità di socio WWF e guida volontaria dell’Oasi di Persano, ubicata in via Falzia del Comune di Serre, che nel perimetro dell’Oasi non c’è nenache un’ecoballa e che le stesse di cui fa riferimento il Consigliere sono ubicate all’interno del Comprensorio Militare di Persano, quindi invito il Consigliere anon confondere I “Persano”. Tali affemazioni politiche, rivolte al pubblico dei lettori che poco possono capire della differenza di Persano Militare (ovvero al di sotto della Traversa detta impropriamente Diga) e l’oasi che si sviluppa dalla “Diga” fino all’incirca all’usicta di Contursi, includendo il Lago e il fiume Sele e le sponde delle rive limitrofe. Ciò può danneggiare l’immagine di questa area naturalistica solo per farsi pubblicità politica.

COMUNICATO STAMPA

Annunci