CASTELLABATE, SEQUESTRATI I DEPURATORI COMUNALI

depuratore castellabate.jpg

Criticità messe in evidenza dal consigliere di opposizione del comune di Castellabate Luigi Maurano suI depuratori comunali.

“Di solito nei giorni immediatamente antecedenti il 15 di Agosto eravamo abituati ai post del Sindaco sulla depurazione con foto e video dei depuratori. Quest’anno quindi mi sono preoccupato nel non vedere tale propaganda autoreferenziale. Ma cosa sarà successo? Mi son detto. Allora, sono andato di persona per capire se era una mancanza di segnale dei telefoni istituzionali o c’erano altri motivi.
Ebbene ho potuto constatare come i depuratori siano circondati dai nastri della guardia costiera. Perché? Perché sono SOTTO SEQUESTRO per motivi di tutela ambientale”.

-A metttere in risalto tale situazione è Luigi Maurano consigliere di opposizione dle comune di castellabate con un post sul suo profilo facebook-.
I fatti che hanno portato al sequestro- continua il consigliere nella sua nota stampa-  sono riferiti a mancanze, criticità e problemi riconducibili agli anni 2016,2017 e 2018. In pratica a quegli anni in cui il Sindaco postava foto e video, auto elogiandosi per il funzionamento degli impianti.
Era solo propaganda. Vuota e menzognera propaganda. Già in una nostra interrogazione di Febbraio 2017 segnalavamo l’urgenza di interventi al sistema depurativo. Ma niente. Per la maggioranza era tutto in ordine.
Mai nella storia del Comune di Castellabate erano stati sequestrati i depuratori. MAI.
Ricordo che nel 2017 ci furono 30 casi di allergia a dei bambini che frequentavano una zona specifica del Comune di Castellabate. Ma anche allora la maggioranza disse che erano notizie false e infondate. Eppure le carte parlano proprio di mancanze igienico ambientali riscontrate in quei luoghi.
E allora,- conclude Maurano-  alla luce degli ultimi avvenimenti “social” in tema di ambiente mi chiedo dove sono i giornali, i media, il Presidente del Parco, il Consigliere Regionale, il Ministro? Dov’è l’indignazione e il senso civico ostentato? Dov’è la giusta voglia di giustizia e di pene esemplari per chi inquina il nostro territorio?
Non ci può essere un’indignazione di serie A e una di serie B sulle tematiche ambientali. Chi sbaglia deve renderne conto, a tutti i livelli. Che sia un imbecille su di una barca o che sia un politico con una fascia.

REDAZIONE 

Annunci