OMICIDIO VASSALLO, SI APRONO NUOVE PISTE GRAZIE ALL’INDAGINE DELLE IENE

Cattura.JPG

Continuano le indagini delle Iene sul caso Vassallo, il Sindaco di Pollica ucciso 9 anni fa, anni in cui la situazione è rimasta poco chiara e senza un colpevole.

La Iena Giulio Golia, nel servizio di ieri sera, si è concentrato sulle ombre lasciate su questo caso da vari uomini delle Forze dell’ordine, accusati di aver rapporti con personaggi mafiosi.

Nel servizio, Golia raccoglie testimonianza di varie persone vicine a Vassallo, come la moglie, la figlia, un ex segretario comunale, ma anche di figure ambigue e indagate, come il colonnello Cagnazzo di Castello di Cisterna, e soprattutto quella di un testimone rimasto anonimo, che potrebbe stravolgere le indagini, il quale accusa Lazzaro Cioffi, anche lui della stazione di Castello di Cisterna, un carabiniere infedele affiliato ai Fucito di Caivano, che attualmente è il principale indagato per l’omicidio del Sindaco pescatore.

Dopo il primo servizio delle Iene, il fratello di Vassallo, Dario, era stato ascoltato dall’Antimafia e il procuratore Greco, il quale avrebbe parlato con Vassallo la mattina del giorno dell’omicidio, si sarebbe presentato autonomamente alla magistratura per chiarire la sua posizione.

Si spera che con il lavoro delle Iene, si possa finalmente fare luce su questo caso irrisolto e che venga fatta giustizia per un uomo che ha dato tutto se stesso per Pollica e per il Cilento.

Per il servizio integrale cliccare qui

PASQUALE D’AGOSTINO

Annunci