AGROPOLI, I DONATORI DI SANGUE HANNO RISPOSTO ALL’EMERGENZA

89475078_2737028183241949_3508174629342543872_o

Salve a tutti, da molti anni ormai dedico la mia vita alla lotta all’emergenza sangue, anche e soprattutto attraverso il mio impegno attivo all’interno dell’AVIS e devo dire che ogni giorno c’è qualcosa che mi sorprende e mi ripaga dei tanti sacrifici a cui quotidianamente sottopongo sia la mia famiglia che la mia vita di pensionato.” Esordisce così Rosario Capozzolo, Presidente dell’Avis Comunale di Agropoli, in un post su Facebook, parlando della raccolta sangue avvenuta ieri, in un periodo di grave emergenza anche per la mancanza di sangue negli ospedali italiani.

Questa mattina abbiamo organizzato una raccolta sangue nella nostra sede di Agropoli e una raccolta a Piano Vetrale, nel Comune di Orria e con somma sorpresa, vista la straordinaria situazione in cui ci troviamo, abbiamo avuto un totale di 71 donatori, tutti idonei tra cui 11 persone alla loro prima donazione. Tra i tanti Donatori accorsi questa mattina c’è stato anche l’Assessore e amico, dott. Roberto Antonio Mutalipassi, con il quale ci siamo trovati a parlare del numero carente di mascherine, non solo nelle farmacie ma purtroppo anche presso i Centri Trasfusionali. Personalmente ho provato nei giorni scorsi a porre rimedio a questa emergenza senza però risolvere questo problema, di fatto le mascherine non sono mai abbastanza. Al termine della donazione Roberto ci ha salutato ed è andato via. Neanche dieci minuti dopo averlo salutato ricevo una sua telefonata “Rosario esci, voglio presentarti un amico”, fuori alla porta ad attendermi oltre a Roberto c’era Stefano Tozzi della ditta Exyn che non avevo ancora l’onore di conoscere. Stefano, con grande umiltà e spirito altruistico ha voluto donare 150 mascherine ai donatori dell’AVIS Comunale di Agropoli. A quest’uomo e a tutti quelli che come lui in un momento del genere antepongono la collettività ai propri interessi va a nome mio e dell’intera famiglia Avis il più sincero e profondo ringraziamento. Sono gesti come questo a dare speranza e a ricordarci che siamo innanzitutto esseri umani e che non esiste un IO senza un NOI.”

Dai donatori agropolesi, arriva una grande risposta di donazioni, non solo di sangue, nel nome della solidarietà e dell’impegno comune in una situazione critica per la nostra Nazione.

REDAZIONE