Capaccio Paestum: Carcassa di bufalino morto ritrovata su spiaggia di Paestum lo scorso 19 gennaio non ancora rimossa

Attualità Carcassa di bufalino morto ritrovata su spiaggia di Paestum lo scorso 19 gennaio non ancora rimossa
  Condividi:  
244 08/02/2021

Gli attivisti e le attiviste di Salerno Animal Save e Salerno Climate Save, il giorno 19 Gennaio 2021, durante lo svolgimento di una giornata di perlustrazione in spiaggia, si sono imbattuti nel ritrovamento della carcassa di un bufalino in località Licinella.

Si è provveduto tempestivamente ad allertare e segnalare l’accaduto alle Guardie Eco-Zoofile di Salerno e Provincia una prima volta il giorno 19 Gennaio e una seconda volta dopo circa una settimana.

Nonostante le segnalazioni e le rassicurazioni ricevute in merito alla rimozione del corpo del bufalino, nella giornata di sabato 06 Febbraio, siamo ritornati in spiaggia e abbiamo constatato che la carcassa del bufalino è ancora abbandonata nello stesso punto del primo ritrovamento, ormai in avanzato stato di decomposizione, recintata da un semplice nastro a strisce rosse e bianche, tra i numerosi passanti che sono soliti passeggiare sulla spiaggia. E’ possibile verificare la veridicità di quanto affermato dalla testimonianza video che abbiamo registrato e che è possibile visionare al seguente link:https://www.facebook.com/salernoanimalsave/videos/244077683855672 

Ieri pomeriggio abbiamo inviato una lettera al Sindaco del Comune di Capaccio-Paestum, Avv. Francesco Alfieri, in quanto prima autorità responsabile della Salute Pubblica dei propri concittadini e al Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Salerno, chiedendo un intervento  immediato che porti alla rimozione del corpo del bufalino e alla sanificazione dell’area interessata. Stiamo vivendo un’emergenza sanitaria dovuta all’attuale diffusione del coronavirus e chiediamo alle istituzioni competenti di prendersi la dovuta responsabilità sull’abbandono di una carcassa in avanzato stato di decomposizione su una spiaggia dove tanti cittadini sono soliti recarsi.

Contiamo nel pronto intervento e nella diffusione delle verità da parte delle istituzioni pubbliche perché i cittadini hanno il diritto di conoscere le crudeltà che si nascondono dietro la produzione della mozzarella di bufala e il tasso di inquinamento dell’aria, del suolo e delle acque provocato da queste industrie. Come movimento auspichiamo ad una riconversione di queste realtà in produzioni etiche e sostenibili.

Ascolta l’intervista dei volontari di  Salerno Animal Save e Salerno Climate Save