Sanità: Guardia medica e 118 sul territorio del Parco, Codacons :” La tutela della salute non è un favore ma un diritto”

Attualità Guardia medica e 118 sul territorio del Parco, Codacons :” La tutela della salute non è un favore ma un diritto”
  Condividi:  
199 22/06/2022
Cilento Channel in Regione Campania sul canale 180 dal 1° luglio 2022

« il Codacons chiede, per il periodo estivo, rassicurazione al direttore generale dell’ASL SA, su guardia medica e 118 sul territorio del Cilento, Vallo di Diano, Alburni e Golfo di Policastro al fine di garantire ai cittadini un servizio efficiente e di qualità »

« In seguito a delle notizie diffuse dai mass media e le segnalazioni ricevute in merito ad episodi legati ai servizi di emergenza sanitaria, in alcuni comuni del Cilento, che hanno generato preoccupazione e indignazione tra i cittadini ho chiesto chiarimenti urgenti al direttore generale dell’Asl di Salerno Mario Iervolino e al direttore sanitario dell’ Ospedale di Vallo della Lucania sull’organizzazione e funzionamento delle guardie mediche e del 118 – afferma il responsabile del Codacons Cilento Bartolomeo Lanzara – Considerato che il servizio di Guardia medica (Servizio medico di continuità assistenziale) garantisce l’assistenza medica gratuita di base ambulatoriale, o a domicilio, per situazioni che rivestono carattere di urgenza e che si verificano durante le ore notturne, nei giorni festivi e prefestivi. Insomma, una rete assistenziale composta da diverse sedi di guardia medica che sono un punto di riferimento per la popolazione locale, la quale vi si rivolge in situazioni di urgenza senza essere costretta a recarsi presso il pronto soccorso degli ospedali spesso, soprattutto nel periodo estivo, intasati per la forte presenza di turisti nelle località turistiche. Per la comunità del Cilento è importante potenziare il servizio di ambulanza e 118 offerto, principalmente, dalle associazioni di volontariato, in convenzione, che dovrebbero garantire la presenza a bordo del personale tecnico infermieristico e del personale medico. Pertanto, è necessario garantire un adeguato livello di assistenza sanitaria in maniera omogenea e capillare in tutto il territorio e, in particolar modo, nei territori dell’interno già pesantemente penalizzati dalla carenza di strutture e servizi sanitari e da una obsoleta rete stradale ».

« Pertanto ho chiesto quali atti si intendono porre in essere per garantire che il servizio 118 e guardie mediche venga attivato nei territori che ad oggi sono privi di presidio – prosegue Lanzara – Quale è l’organico assegnato al servizio 118 e cosa si sta facendo per far fronte alla carenza di risorse umane e quali iniziative si intendono adottare, sia d’urgenza, sia sul piano della programmazione territoriale in merito all’organizzazione estiva del servizio di guardia medica e i presidi del 118 sul territorio del Cilento, Vallo di Diano, Alburni e Golfo di Policastro al fine di garantire ai cittadini un servizio efficiente e di qualità ».