Agropoli : Il primo pesce “mangia-plastica” posizionato sulla spiaggia di Trentova

Attualità Il primo pesce “mangia-plastica” posizionato sulla spiaggia di Trentova
  Condividi:  
1760 10/04/2021

 

Ogni anno, circa 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare, mettendo in serio pericolo l’intero ecosistema marino, rovinando spiagge e danneggiando la salute umana; quest’inquinamento è diventato così rilevante da non riuscire più a controllarlo. Il sacerdote Don Pasquale Luzzo di Lamezia, per cercare di sensibilizzare i cittadini  e mettere in risalto questo problema, ha avuto l’idea del “pesce mangia-plastica”, progetto promosso e poi realizzato dalla comunità Masci Lamezia Terme L’iniziativa è stata apprezzata da molti, iniziando a mettere i “pesci mangia-plastica”, sulla maggior parte delle spiagge d’Italia.

Anche lassociazione genesi di Agropoli, ha lavorato su questo progetto per sensibilizzare tutti i cittadini del Cilento,proponendo il posizionamento di 10 “pesci mangia-plastica” sulle spiagge nei tratti: Baia di Trentova- tre pesci, Spiaggia Marina- un pesce, Spiaggia Furano- un pesce, Lungomare San Marco- quattro pesci e Torre San Marco- un pesce.

Questa mattina l’associazione Genesi  ha donato il primo pesce al comune di Agropoli e la mascotte dell’associazione, Sergio Lanzini, ha spiegato al sindaco Adamo Coppola l’importanza della catena alimentare e ha messo in risalto la perdita delle grandi proporzioni di fauna e flora locale, ma che i danni maggiori sono nel cuore del mare. La presenza di rifiuti che stallano nella pancia di questi pesci ha la capacità di far riflettere sulla problematica legata all’accumulo di plastica non solo intorno alle specie marine, ma anche dentro di esse, di conseguenza compromette la salute dell’uomo qualora si ciba di pesci contaminati.

Un progetto molto importante per la città che mira a sensibilizzare i cittadini, ma anche i turisti che affollano le nostre spiagge ogni estate, a salvaguardare la risorsa mare dalla plastica .

Questa mattina Gerardo Scotti insieme ad altri cittadini che fanno parte dell’associazione Genesi dell’ambiente ha consegnato il primo pesce “mangia plastica” all’ente agropolese.

Il progetto proseguirà con l’installazione di altre strutture che saranno posizionate su tutte le spiagge cittadine. Questa iniziativa  sarà proposta anche alle vicine città di Capaccio Paestum e Castellabate 

 

Articolo di Lucina Bruno