Cilento: Le iniziative dei comuni cilentani per la Fase 2

Attualità Le iniziative dei comuni cilentani per la Fase 2
  Condividi:  
408 05/05/2020

E’ cominciata la Fase 2 e con il suo arrivo, vari comuni del Cilento, non si sono fatti trovare impreparati, attuando iniziative per affrontarla al meglio.

Il Comune di Castellabate, in vista di questa nuova fase, ha emanato un’ordinanza in cui specifica delle vere e proprie regole da seguire, come per esempio le visite ai congiunti che per i non residenti saranno limitate dalle ore 8.30 alle ore 19.30, permettendo l’accesso nei cimiteri a massimo 15 persone alla volta, riaprendo i mercati di vendita di soli generi alimentari, ma anche negando fermamente gli accessi alle seconde case e regolamentando le imprese esterne di edilizia a dover comunicare al comune l’arrivo nel paese almeno 48 ore prima.

Il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Alfieri, ha già annunciato un ulteriore intensificazione dei controlli già dai primi giorni della Fase 2. Così come il Comune di Centola, che in seguito all’eccessiva presenza di veicoli e persone di ieri sul territorio comunale, aumenterà i controlli e predisporrà la sanzione per chi non rispetta le distanze e non indossa la mascherina.

Il Comune di Piaggine, invece, ha previsto per l’anno 2020 la riduzione del 50% su TARI ed acqua, e l’esenzione totale della TOSAP per gli esercizi commerciali che hanno subito la sospensione obbligatoria delle attività.

Apertura dei cimiteri anche a Camerota e Roccadaspide, sempre con regolamentazioni precisi e l’obbligo di rispettare tutte le norme di sicurezza.