Ads VIlla Franca Liungo

Agropoli: Ospedale Civile, dopo le 20 il nulla… Due testimonianze di cittadini agropolesi

Attualità Ospedale Civile, dopo le 20 il nulla… Due testimonianze di cittadini agropolesi
  Condividi:  
1204 16/07/2020

 

“Lunghe ore di attesa, assistenza scarna e poca organizzazione” . E’ questa la denuncia di un cittadino agropolese sull’esperienza avuta da lui e sua moglie al Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Agropoli, che ad una settimana dalla riapertura presenta ancora varie criticità.

La vicenda è accaduta nella mattinata di ieri: “Mia moglie si è recata in Pronto Soccorso alle ore 8 e 30 in seguito ad una brutta botta al mignolo. Dopo la radiografia, è stata fatta attendere fino a mezzogiorno per avere un esito. Chi si è presa cura di lei non sapeva nemmeno dove portarla nella struttura, ha vagato per l’Ospedale per più di un’ora. Una volta avuto l’esito, ho dovuto lasciare il lavoro per recarmi a Vallo, vista la mancanza di un ortopedico ad Agropoli. Mia moglie ha riportato una frattura scomposta, e dovrà essere operata”.

Non mancano anche altre testimonianze da parte di altri cittadini riguardanti l’impossibilità di fare radiografie nelle ore serali in seguito a delle cadute, visto che la radiologia è attiva fino alle ore 20.

E’ il caso di un’altra cittadina di Agropoli che nella serata di ieri intorno alle 21.30 si è recata presso il Pronto Soccorso in seguito ad una caduta. Alla richiesta di assistenza il personale del PS ha risposto che bisognava portare la donna a Vallo perchè il reparto di radiologia è funzionante fino alle 20.00. Frattura al Metatarso, questa la risposta di stamattina del referto medico al  San Luca di Vallo della Lucania. La donna attualmente è ancora nel pronto soccorso del presidio ospedaliero vallese in attesa della visita dell’Ortopedico. Al momento nel nosocomio agropolese non si effettuato radiografie dopo le 20, ma non c’è neanche la possibilità di essere ingessati.

I problemi nella struttura appena “riaperta” dal Governatore Vincenzo De Luca non sembrano voler terminare, le critiche sulla funzionalità e sui disagi della struttura sono ormai sempre più insistenti, e questo evidenzia ancora di più lo stato di “precarietà” nel quale è stato attivato il presidio ospedaliero di Agropoli.

Delle novità e delle promesse tanto decantate riguardo la struttura nemmeno l’ombra, per ora solo criticità e malumori, e cosa ancora più triste, dopo le 20 il nulla…