Salute: Rubrica “Nutrizione e Benessere”. L’alimentazione nel periodo estivo

Attualità Rubrica “Nutrizione e Benessere”. L’alimentazione nel periodo estivo
  Condividi:  
388 05/06/2020

 

Anche quest’anno sta per arrivare l’estate, portando con sé alte temperature, colori nuovi della natura, voglia di mare e di vacanze, voglia che in questo 2020 sarà ancora maggiore visto il periodo difficile che abbiamo attraversato in seguito alla pandemia scatenata dal coronavirus. Così, in questo appuntamento con la rubrica “Nutrizione e Benessere”, vedremo alcuni consigli nutrizionali utili per affrontare questo periodo. La stagione estiva, infatti, è anche il momento buono per pensare di più alla propria salute e al proprio stile di vita, a partire proprio dall’alimentazione, che sebbene sia doveroso curarla durante tutto l’anno, in questo periodo richiede delle attenzioni particolari, soprattutto quest’anno in cui il periodo di quarantena forzata ha squilibrato la dieta di tanti italiani.  L’estate offre l’occasione di poter non solo passeggiare e stare all’aria aperta, al mare o in montagna, ma anche di mangiare più spesso fuori casa e di allestire tavolate, grigliate e barbecue in giardino o in terrazza con amici e parenti, sempre con l’osservanza delle norme igienico sanitarie e dell’utilizzo di dispositivi di protezione individuali che siamo tutti chiamati a rispettare. Dobbiamo, però, tener presente che, a causa del caldo, d’estate i processi digestivi dell’organismo sono rallentati e che, attraverso l’aumentata sudorazione, c’è il rischio di disidratarsi e di perdere sali minerali e vitamine.  Quindi, alimentarsi in maniera appropriata e corretta è fondamentale, ma quali regole seguire? Innanzitutto, è importante assumere liquidi, preferibilmente acqua, per evitare la disidratazione, non solo quando si avverte sete ma durante tutta la giornata, soprattutto per bambini e anziani che avvertono meno lo stimolo della sete. L’acqua aiuta a reintegrare i sali minerali e va assunta, in media, nella quantità di circa 2 litri, non fredda (rischio congestione), ricordando che è solo un luogo comune la convinzione che bere col caldo faccia sudare di più. Meglio evitare bibite gassate e zuccherate, così come gli alcolici, mentre via libera a centrifugati/frullati di frutta e verdure e a tisane/ infusi rinfrescanti. Per contrastare l’abbondante sudorazione, è bene consumare alimenti ricchi di acqua, vitamine (A,B,C,E) e sali minerali quali potassio, sodio, magnesio, contenuti soprattutto in frutta e verdura, di cui si consigliano le 4/5 porzioni al giorno. Con il caldo, l’organismo consuma meno energia, quindi è opportuno moderare l’apporto calorico e per non rallentare la digestione, è opportuno consumare pasti leggeri e freschi, facilmente digeribili, con pochi grassi, conditi con olio e.v.o a crudo, preferendo tecniche di cottura in grado di mantenere inalterate le proprietà nutrizionali dei cibi.  No, dunque, a insaccati, fritture, formaggi grassi, salse e intingoli elaborati, si, invece, a insalate di pasta o riso, magari integrali, cerali conditi con verdure o piatti unici a base di legumi mentre, tra i secondi, via libera a pesce azzurro, carni bianche magre, formaggi freschi, uova e come spuntino yogurt senza zuccheri aggiunti. Per concedersi qualcosa di dolce, meglio un sorbetto artigianale alla frutta oppure una granita. È importante variare sempre il più possibile la scelta dei cibi, assicurandosi di variare anche il loro colore, che è dato dalle sostanze ad azione antiossidante (polifenoli, etcc…): più si variano i colori, più completa è l’alimentazione. Moderare il consumo di sale e rispettare le modalità di conservazione degli alimenti, mantenendo la catena del freddo per i cibi che la richiedono. Estate significa anche abbronzatura: per avere una pelle giovane e abbronzata è utile consumare cibi ricchi in beta-carotene, un pigmento arancione contenuto in molte varietà di frutta e verdura a cui conferisce un colore che varia dal giallo al rosso. Ne sono particolarmente ricchi frutti come le albicocche, meloni, pesche, arance e verdure come le carote, pomodori, zucca gialla, i peperoni rossi ma anche verdure a foglia verde come gli spinaci, i broccoli, le rape e la cicoria. Il beta-carotene, giunto nell’intestino, viene convertito, in parte, in vitamina A ma è importante sottolineare che un’eventuale integrazione di beta-carotene aiuta ad ottenere un bel colore dorato della pelle ma non protegge dai pericoli dei raggi solari, quindi vale sempre la pena di utilizzare creme solari adatte, su consiglio del dermatologo, evitare di prendere il sole nelle ore più calde e di fare delle maratone di esposizione solare, abituando, invece, progressivamente la pelle al sole. Oggi si conclude questa stagione 2019-2020 della nostra rubrica “Nutrizione e Benessere” ma, state tranquilli, torneremo a settembre, sempre su Cilento Channel! Buona estate a tutti!