Ads-Elysium-lunga

Cilento:  Strade dissestate, abbandonate,pericolose e difficili da percorrere 

Attualità  Strade dissestate, abbandonate,pericolose e difficili da percorrere 
  Condividi:  
23447 27/01/2021

Sono parole forti quelle che vengono esternate da un semplice cittadino cilentano, il quale attraverso una diretta facebook espone probabilmente un’opinione unanime. È Paolo Vigorito a denunciare le pessime condizioni di tenuta del nostro sistema stradale; precisamente percorre e mostra le condizioni della SS 166, via degli Alburni, sotto Castel San Lorenzo, fino all’inizio della SP ISCA – TUFALO, chiamata via Salvatore Valitutti, sotto il comune di Bellosguardo.

“Le strade sono diventate un fiume di acqua sporca” con questa esternazione il cittadino denuncia le condizioni della viabilità, che a causa dell’usura del tempo hanno inevitabilmente causato l’accumulo dell’acqua, rendendo il normale percorso, pericoloso e tortuoso, per tutti coloro che percorrono il tratto interessato. “La condizione di queste strade ‒ ricorda il cittadino ‒ è un fattore che riguarda tutto il territorio cilentano”.

Non mancano accuse verso la politica locale, che, a detta di Vigorito, non sarebbe vigile nel risolvere questa problematica, a differenza dell’attenzione rivolta per altre attività dispendiose come sagre e piazze.  In definitiva l’intento del mittente è di sollevare le sue perplessità e mettere in evidenza le sue preoccupazioni dinnanzi all’inefficienza di chi ha il ruolo di risolvere i problemi, ma che “ci lascia abbandonati a noi stessi e nessuno fa niente per pulire” ‒afferma il conducente. “Speriamo che oggi riusciamo a tornare a casa ‒ dichiara Vigorito ‒ sono anni che le cunette sono chiuse perché non vengono pulite, franeranno queste strade. I terreni sono abbandonati, la strada non si vede. Volevano mettere l’autovelox ‒ conclude ‒ farebbero bene a fare manutenzione e a sistemare”.

Il problema delle strade è una situazione evidente di molte zone del Cilento, soprattutto delle zone interne, impercorribili e spesso pericolose perché disseminate di ostacoli, in modo particolare quando è brutto tempo, proprio come in questi giorni, in cui la pioggia è stata protagonista. Si continua inevitabilmente a percorrere la strada, ogni giorno, con la speranza di poter evitare tragedie.