Santa Marina: “Ti brucerò”. Frasi minacciose al sindaco Giovanni Fortunato

Attualità “Ti brucerò”. Frasi minacciose al sindaco Giovanni Fortunato
  Condividi:  
438 24/09/2021
“Nella serata di giovedì 23 Settembre, in alcune zone di Policastro, sono state scritte su muri o su mezzi di lavoro parole come “ FORTUNATO CAPO DEI CAPI, STAI ATTENTO”, “TI BRUCERÓ”, “BASTARDI”, “MORTE” ed altre ingiurie intollerabili.
In questa tornata elettorale avevo scelto, – scrive il primo cittadino Giovanni Fortunato in merito a quello che è accaduto  a Santa marina-  in condivisione con il mio gruppo, di non rispondere agli attacchi ed alle offese costanti da parte di alcuni candidati e dei loro (pochi) sostenitori, per non alimentare o creare un clima d’odio che onestamente non serve, dato che questa volta, ancor più delle altre, sono i fatti e la vicinanza al cittadino negli anni a permetterci di non acquisire consenso con attacchi od offese, ma solo esponendo cosa fatto e cosa ancora da fare.
Purtroppo -continua Fortunato- dall’altra parte questo silenzio, unito ad una ormai accettazione del risultato elettorale, sta letteralmente logorando i tutti, creando i presupposti, con le parole pronunciate dal vivo o sui social, a queste situazioni vergognose.
Il tanto decantato rispetto viene sempre meno quando poi si parla di me e delle persone a me vicine.
Ovviamente la totalità della popolazione ha già preso o prenderà, appena appresa la notizia, le distanze da tutto questo ma soprattutto da certi personaggetti che vorrebbero basare una campagna elettorale sulla “guerriglia” alimentando la vena esibizionistica di qualche scheggia impazzita che vorrebbe spaventarmi con queste minacce ed offese.
Avviso tutti che è stata già preparata una denuncia che verrà prontamente inviata alla Procura ed al Prefetto ed aggiungo che tra queste scritte, quella fatta al porto, è stata realizzata proprio sotto la video-sorveglianza del Comune.
Alle 12:00 di quest’oggi Conferenza Stampa nella quale approfondiró la situazione e vi darò maggiori dettagli in merito, Vi aspetto”.