Agropoli, si opera alla ‘Malzoni’ e muore presso il Cardarelli di Napoli 

 

malzoni-817x404_c.jpg
Una donna di 54 anni di Agropoli muore a seguito di un intervento chirurgico la notte di Natale. Il fatto è accaduto presso l’ospedale ‘Cardarelli’ di Napoli dove la paziente era stata ricoverata dopo alcune complicanze postoperatorie sorte a seguito di un intervento chirurgico alle ovaie eseguito presso la casa di cura ‘Malzoni’ di Avellino. La struttura sanitaria è di proprietà del Gruppo Malzoni lo stesso che amministra la clinica privata sita nella città di Agropoli. I familiari della vittima hanno sporto denuncia ai carabinieri per capire cosa sia realmente accaduto. Sul caso stanno indagando i carabinieri di Napoli e nei prossimi giorni dovrebbe essere eseguita l’autopsia sul corpo della donna per risalire alle cause che hanno condotto al decesso della 54enne.

REDAZIONE

CARABINIERI DI MONTELLA (AV) – ARRESTATO SPACCIATORE E SEQUESTRATA DROGA A 5 STUDENTI

montella-carabinieri-e1444819566383

Nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale di Avellino, finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montella hanno effettuato mirati controlli nei pressi delle scuole e dei luoghi di maggiore ritrovo per gli adolescenti di Montella, per la lotta a quella deplorevole piaga rappresentata dal traffico di stupefacenti, specialmente tra le fasce della popolazione giovanile.
Dopo i 6 giovani che pochi giorni fa sono stati trovati in possesso di hashish e marijuana e segnalati alla Prefettura di Avellino quali assuntori, i Carabinieri di Montella hanno arrestato lo spacciatore, un 40enne nativo di Caserta ma da tempo residente a Montella.
In particolare, nella giornata di ieri, nel contesto di specifici servizi sono stati individuati 5 studenti, di età compresa tra 16 e 20 anni residenti in Montella, Bagnoli e Nusco, presumibile acquirenti dell’arrestato. Gli stessi, all’uscita dalle scuole, nei pressi delle fermate degli autobus, nel corso di controlli sono stati trovati in possesso di alcune dosi di hashish e di spinelli di marijuana già confezionati. Per i 5 ragazzi è scattata dunque la segnalazione all’Autorità Amministrativa ai sensi dell’articolo 75 del D.P.R. 1990, n.309.
La conseguente attività d’indagine ha avvalorato le ipotesi che il presunto spacciatore potesse identificarsi nel citato 40enne. Infatti, a seguito di servizi d’osservazione, pedinamento e controllo che si concludevano nella serata di ieri, si addiveniva all’individuazione del sospettato spacciatore. Lo stesso veniva quindi bloccato e perquisito. All’interno dell’autovettura, ben occultato nel cruscotto, si rinvenivano circa 10 gr. hashish. La medesima operazione veniva quindi estesa anche al domicilio dove, nella camera da letto, dietro il cassetto del comodino, lo spacciatore celava altri 30 gr. di hashish, alcune dosi di cocaina e circa 2 gr. di crack, anche questa suddivisa in dosi da 0,2 gr. In un ripostiglio attiguo alla cucina, ben nascosti tra i barattoli delle conserve, è stato altresì rinvenuto un bilancino di precisione ed un coltello per il taglio in dosi dell’hashish. Avvolti in una bustina di cellophane di quelle utilizzate per alimenti, anche 250 euro in banconote di vario taglio (20, 10 e 5 euro). Tale somma si presume possa essere il provento della precedente attività di spaccio.
Alla luce delle evidenze emerse, l’uomo veniva tratto in arresto in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione di sostanze stupefacenti finalizzata allo spaccio e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa di giudizio da celebrarsi con la formula del rito direttissimo.

C.S.

LIONI (AVELLINO) – ATTIVITÀ DI PREVENZIONE AI FURTI DA PARTE DEI CARABINIERI, ALLONTANATI CINQUE RUMENI

carabinieri agropoli

Continua incessante l’azione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare a quella deplorevole piaga rappresentata dai delitti commessi in danno del patrimonio.
Negli ultimi giorni, nell’ambito del regolare servizio di perlustrazione del territorio altoirpino, i Carabinieri della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi hanno proceduto al controllo di una Opel Astra che si aggirava nei pressi del centro cittadino di Lioni, con a bordo cinque persone.
Insospettiti per la presenza di quel mezzo a notte inoltrata in quella zona, i militari dell’Arma procedevano a fermare il veicolo. Dagli accertamenti è emerso che i cinque, tutti di origine rumena e residenti nel casertano, avevano a loro carico svariati precedenti di polizia per reati di tipo predatorio.
Poiché gli stessi non riuscivano a fornire alcun valido motivo circa la loro presenza in quel luogo, venivano dunque allontanati con foglio di via obbligatorio.

C.S.

AVELLINO: I CARABINIERI ESEGUONO SERVIZIO DI CONTROLLO AD “ALTO IMPATTO”: UN ARRESTO, 31 DENUNCIATI E 34 ALLONTANATI CON FOGLIO DI VIA

CARABINIERI

Proseguono i controlli da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino che durante lo scorso fine settimana sono stati ininterrottamente impegnati sull’intera provincia in un’operazione ad “alto impatto” finalizzata a garantire sicurezza e legalità. A tal fine Comando Provinciale ha messo in campo tutto il personale disponibile delle sue 68 stazioni disseminate su tutta la provincia, i Nuclei Operativi e Radiomobile ed Investigativo.
Il servizio, teso a massimizzare l’attività preventiva e, se del caso, repressiva, ha interessato tanto le aree rurali quanto le vie cittadine e le principali arterie, rese sicuramente più caotiche dai numerosi turisti che, approfittando anche delle belle giornate di quest’“estate di San Martino”, hanno affollato non poche località della provincia, in particolare l’altopiano del Laceno, la valle del Sele e la zona del serinese, ma soprattutto Montella che è stata invasa da migliaia di visitatori accorsi in occasione della nota kermesse “La sagra della castagna Igp”.
Particolare attenzione è stata rivolta anche ai controlli nelle strade della movida, sempre meritevole di attenzione come dimostrano le risultanze operative emergenti al termine delle attività.
Oltre che alla velocità, rilevata con autovelox, le pattuglie hanno proceduto a numerose perquisizioni nonché alla verifica della soglia di alcool degli automobilisti e centauri con l’ausilio di etilometro.
È stato dunque un fine settimana sotto la lente degli equipaggi delle Gazzelle dell’Arma: circa 5000 sono state le persone controllate, a bordo di oltre 3500 veicoli. 31 persone deferite in stato di libertà, circa 25mila euro contestati per violazioni alle norme del Codice della Strada con 9 patenti ritirate o sospese nonché 16 veicoli privi di copertura assicurativa e 14 quelli sottoposti a sequestro o fermo per altre irregolarità riscontrate. Inoltre 5 persone sono finite nei guai in quanto fermate alla guida prive di patente poiché mai conseguita ovvero revocata: per loro, trattandosi di fattispecie penalmente rilevante, è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica.
La segnalazione all’Autorità Giudiziaria è scattata anche per 10 automobilisti sorpresi alla guida dei propri veicoli con tasso alcolemico notevolmente superiore al limite consentito.
Ad Ariano Irpino i militari della locale Stazione hanno proceduto al controllo di un 51enne di origini marocchine, che sulla pubblica via tentava di vendere ad alcuni passanti materiale audiovisivo e musicale contraffatto. Fermato e controllato veniva trovato in possesso di una decina di puntatori laser, una ventina di occhiali da sole con marchio contraffatto e circa 500 tra cd e dvd, privi del marchio S.I.A.E. e delle varie autorizzazioni previste, riguardanti la riproduzioni di film recenti, album musicali di cantanti famosi e videogiochi. Lo straniero, accompagnato in caserma, veniva pertanto deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento e tutto il materiale rinvenuto in suo possesso sottoposto a sequestro.
Non è mancato un arresto eseguito dai Carabinieri della Stazione di Avellino cha hanno rintracciato un 42enne del luogo sul cui capo pendeva un ordine di esecuzione per la carcerazione. Il provvedimento restrittivo, emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli, è scaturito in seguito di condanna in via definitiva pari a 9 anni e 4 mesi di reclusione per delitti in materia di stupefacenti. L’arrestato, dopo le formalità di rito è stato tradotto in carcere.
I controlli, condotti anche attraverso l’impiego di personale in abiti civili che ha perlustrato le aree maggiormente interessate dall’aggregazione giovanile, hanno consentito di sorprendere 6 giovani che facevano uso di hashish e marijuana: per tutti è scattata la segnalazione alla Prefettura di Avellino ai sensi dell’articolo 75 del D.P.R. 309/1990.
Infine 34 pregiudicati sono stati allontanati con foglio di via obbligatorio poiché, controllati mentre con fare sospetto si aggiravano nei pressi di esercizi commerciali o di abitazioni lasciate incustodite, non erano in grado di giustificare la loro presenza in quei luoghi.
La imponente attività di controllo ha permesso così di limitare al massimo la commissione di reati predatori in quest’ultimo fine settimana. I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni per garantire sicurezza e serenità.

C.S.

PRATOLA SERRA : LITE TRA VICINI – I CARABINIERI ARRESTANO TRE PERSONE

1-1

Nella giornata di ieri, in Pratola Serra, a seguito di lite condominiale che stava avvenendo nel centro del paese, i militari del locale Comando Stazione prontamente intervenivano sul posto dove costatavano che era in corso una furibonda rissa, scaturita da motivi riconducibili a rapporti di vicinato: tre ragazze, di età compresa tra i 22 ed i 32 anni, si colpivano ripetutamente con calci, schiaffi e pugni.
Nel tentativo di porre fine al violento litigio, i militari venivano aggrediti dalle stesse donne le quali venivano bloccate anche grazie all’ausilio dell’equipaggio dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Mirabella Eclano che si trovava in zona, nell’ambito di servizi predisposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino.
Ad avere la peggio erano due delle tre donne che, trasportate presso l’ospedale di Avellino, venivano refertate con prognosi di giorni 10 e 7.
Anche due dei militari intervenuti erano costretti a ricorrere alle cure dei sanitari.
Al termine degli accertamenti le tre ragazze venivano tratte in arresto per i reati di rissa aggravata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, con rito direttissimo che si è celebrato questa mattina presso il Tribunale di Avellino dove, dopo la convalida degli arresti, sono state rimesse in libertà in attesa di sentenza che verrà pronunciata in altra data.

ARIANO IRPINO – I CONTROLLI DEI CARABINIERI SI FANNO SEMPRE PIÙ SERRATI: UN ALTRO ARRESTO PER DROGA.

 

1 (9)

I carabinieri della Compagnia di Ariano Irpino hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 26enne di Ariano Irpino. In particolare, nell’ambito dei servizi preventivi di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino, particolarmente sensibile a questa tipologia di reato, i militari notavano che presso l’abitazione dell’uomo, già noto alle Forze di Polizia, vi era un via-vai di giovani assuntori che, verosimilmente, si approvvigionavano di sostanza stupefacente. I carabinieri del Nucleo Operativo davano quindi il via ad una mirata attività grazie alla quale ottenevano riscontro a quanto ipotizzato. Nella disponibilità dell’uomo infatti sono stati rinvenute ben 126 dosi di sostanza stupefacente del tipo marijuana, purissima. La droga era ben nascosta in più punti dell’abitazione, camuffata tra oggetti di uso quotidiano. In esito a quanto accertato il giovane veniva tratto in arresto, convalidato dal G.I.P. del Tribunale di Benevento che, accogliendo le tesi degli investigatori, confermava quindi la misura restrittiva.

C.C.AV.