Camerota non è solo estate, Amministrazione pubblica il calendario degli eventi invernali

Logo Camerota è Vacanza - Inverno

 
E’ stato pubblicato sul sito istituzionale dell’ente il calendario ‘Camerota è vacanza – Inverno 2017/2018’, l’elenco di eventi e manifestazioni organizzati da privati e da associazioni del territorio, per puntare alla destagionalizzazione. «Camerota con le sue splendide quattro frazioni non può permettersi più di fare turismo solo d’estate» afferma il sindaco MarioScarpitta. Per questo l’Amministrazione da lui guidata, tramite il delegato allo Spettacolo ManfredoD’Alessandro, ha calendarizzato tutti gli appuntamenti e ha pubblicizzato tramite i social il programma invernale che è molto vario e ricco di appuntamenti. «’Camerota è vacanza’, anche d’inverno. Non a caso il cartellone degli eventi è stato rinominato in questo modo – sottolinea D’Alessandro – puntiamo ad un turismo invernale nel nostro comune e gli eventi in programma organizzati da associazioni, comitati e privati, saranno d’aiuto alla destagionalizzazione. Invitiamo i turisti, quindi, a trascorre le vacanze natalizie nel nostro comune, vivendo la magia del Natale in compagnia della propria famiglia, partecipando a concerti, mercatini, sagre, tombolate e commedie teatrali».
Si parte nel giorno dell’Immacolata a Camerota con l’accensione dell’albero e i mercatini di Natale. In serata a Lentiscosa il memorial dedicato a due ragazzi scomparsi, Michael e Valentina. Il giorno successivi ancora mercatini a Camerota capoluogo. Domenica 10 dicembre a Marina la sfilata dei Babbi Natale in bicicletta. Il 13 dicembre la Cicciata a Lentiscosa e il 16 e il 17 ancora mercatini a Camerota. Sabato 17 sul lungomare di Marina di Camerota, il concerto del trio cilentano ‘Vibrazione Positiva’ e street food con salsiccia e caciocavallo impiccato.
Il 21 dicembre, sempre a pochi passi dal mare, la casa di Babbo Natale. Il 22, invece, una mega tombolata. Lo stesso giorno partono gli eventi anche a Licusati con una serata animata e con l’arrivo di Babbo Natale per i più piccoli. Sabato 23 concerto di Dutty Begle sul porto di Marina. L’orario H.ora.hope organizza a Camerota il presepe vivente che andrà in scena sempre il 23 dicembre.
Nel giorno della Vigilia di Natale consueto fuocarazzo a Marina di Camerota e zeppolata organizzata dal coro polifonico ‘Bianca Maria Gigi’. Babbo Natale prima di consegnare i doni a tutti nella sua notte, arriva in piazza a Camerota e a Licusati. Gli eventi continuano anche a Santo Stefano con il concerto dei Rittoantico a Camerota capoluogo e con il musical ‘Peter Pan e il Natale ritrovato’ a Marina. Il 30 dicembre spettacolo ‘Ricordano Filippo’ a Camerota mentre a Licusati un karaoke con la compagnia di Giuliana Arena, ritrattista ed esperta in caricature. Il 4 gennaio a Marina di Camerota arriva la Befana, mentre il 5 spettacolo a Camerota a cura dell’associazione ‘La meglio gioventù’. Il programma si chiude il 6 gennaio con il concerto delle Kamaraton sisters.
C.S.

Camerota, sindaco pronto a tagliare il nastro, sul porto nasce il ‘Centro Pescatori Anziani Sacro Cuore di Gesù’

locandina comune di camerota
«E’ un’emozione incredibile poter donare a queste persone un luogo dove saranno libere di svolgere le proprie attività a due passi dal mare, quel mare che fa parte della loro vita da sempre». E’ quanto afferma il sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, alla vigilia dell’inaugurazione del ‘Centro Pescatori Anziani Sacro Cuore di Gesù Marina di Camerota’, che sorge sul porto turistico del borgo cilentano grazie all’impegno dell’Amministrazione, al contributo dell’assessore Esposito e alla rinuncia dello stipendio del primo cittadino, con il quale sono stati acquistati vari oggetti d’arredo. «Finalmente per uno scopo concreto si apre uno di quei locali rimasti chiusi ormai per troppo tempo – aggiunge Scarpitta – riportarli a casa loro, ovvero sul porto dove hanno vissuto per una vita facendo il loro lavoro, è una delle priorità che mi sono prefissato da quando li ho visti perdere la loro prima sede storica». Il taglio del nastro è previsto per venerdì 8 dicembre alle ore 16.00.«Il mio obiettivo è quello di trasformare pian piano questo circolo in un polo culturale che racconti la storia marinaresca della nostra terra e racchiuda le tracce del passato della Marina che fu – sottolinea l’assessore alla Cultura e al Porto Teresa Esposito -. Una testimonianza, una tecnica di pesca non più utilizzata oppure una fotografia: il circolo oltre ad essere un punto di ritrovo deve essere un punto di partenza per questo territorio, un contenitore pieno di emozioni e di storie che finora sono rimaste custodite in fondo al mare». Sulle pareti del locale sono state già affisse diverse foto storiche che raccontano, in parte, la storia dei pescatori di Marina di Camerota. Il centro, interamente realizzato senza toccare i fondi dalle casse dell’ente, conta già oltre 100 iscritti.«E’ doveroso ringraziare l’Amministrazione comunale di Camerota e il sindaco – sottolineano all’unisono i pescatori – per troppo tempo siamo stati sballottati da un locale all’altro. Per anni abbiamo passato i pomeriggi invernali al gelo, giocavamo le nostre partite a carte sotto un porticato. Ora la musica cambia e siamo felici di avere un posto tutto nostro, come avveniva qualche anno fa prima di essere cacciati via dalla nostra sede storica>>.

C.S.

Camerota, decoro urbano: amministrazione incontra commercianti per nuovo piano dehors

render-progetto-dehor-6
 
Il sindaco di Camerota, Mario Scarpitta, e la delegata al Commercio, Giusy Cammarano, insieme a tutti i componenti dell’amministrazione comunale, hanno incontrato, nella sala consiliare del Comune, i commercianti di Camerota per parlare di decoro urbano e dehors. I dehors sono spazi all’aperto forniti di tavolini, caratteristici di bar e di ristoranti. Passeggiando nei centri storici di delle frazioni di Camerota e percorrendo il lungomare Trieste, se ne trovano diversi. Insistono quasi tutti su suolo comunale e sono, logicamente, in concessione. L’incontro tra gli amministratori e i commercianti si è rivelato davvero importante. Il sindaco, infatti, il giorno stesso ha fatto pubblicare, insieme alla giunta, una delibera di indirizzo con «l’aggiornamento e l’armonizzazione del regolamento che disciplina l’occupazione del suolo pubblico mediante l’allestimento di dehors».
 
Il primo cittadino, in contatto con la Sovrintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio, sta cercando di dare un volto nuovo alla perla del Cilento. Per farlo ha bisogno anche del contributo dei privati. I bar, gli alberghi e le strutture turistiche dovranno adeguarsi alle nuove direttive sostituendo i dehors esistenti con quelli della linea prescelta dalla Sovrintendenza. I materiali saranno scelti da ditte specializzate e sarà fatto un progetto unico per vari zone del paese. Stesse sedie, stesse strutture e stesse fioriere per tutti. I dehors potranno restare installati tutto l’anno e saranno chiusi con vetrate nei mesi più freddi. Il progetto cerca anche di restituire a Camerota quella leadership invernale. La cittadina cilentana, con locali ancora più accoglienti e riscaldati, sarà senza dubbio in grado di ricevere una maggiore mole di turisti anche fuori stagione estiva. Si punta già per quest’anno a realizzare il tutto. C’è stato grande entusiasmo da parte dei commercianti e una folta partecipazione all’incontro. «E’ interesse di tutti restituire a Camerota il volto pulito e ordinato che merita» fanno sapere gli amministratori di Terradamare.
C.S.

CAMEROTA, BENI CULTURALI PORTATI ALLA LUCE DA DEGRADO E ABBANDONO

Cappella Rupestre Camerota
E’ partita l’attività di pulizia dei beni culturali del Comune di Camerota e delle aree attigue, coordinata dall’assessore alla Cultura Teresa Esposito. Il servizio ha come obiettivo la realizzazione di interventi sui manufatti per contrastare l’avanzamento del degrado dovuto sia all’esposizione agli agenti atmosferici e alle specifiche caratteristiche ambientali dei singoli siti, sia alle problematiche collegate alla vulnerabilità antropica. Sono stati già realizzati alcuni interventi come la pulizia delle aree e dei percorsi di visita, la bonifica di alcune zone, la tosatura dei manti erbosi, la potatura di alberi e arbusti. «Stiamo portando all’attenzione di esperti i Beni Culturali del nostro Comune che fino ad oggi sono stati abbandonati e presi in considerazione molto poco – fa sapere l’assessore alla Cultura Teresa Esposito -. Tante opere non hanno ancora avuto la giusta valorizzazione, tante altre possono diventare un’attrattiva e un biglietto da visita notevole per Camerota. C’è bisogno di lavoro, sia dal punto di vista tecnico che dal punto di vista pubblicitario. Siamo sulla buona strada ma è giusto essere trasparenti e precisi con i cittadini: occorre del tempo, questo non è un’operazione che si svolge in un mese, né tantomeno in un anno» conclude Esposito.

C.S.

Camerota, Comune mette a disposizioni terreni demaniali per progetti giovani

manifesto comune di camerota terreni
L’amministrazione comunale di Camerota, guidata dal sindaco Mario Scarpitta, in ottica di quello che era il programma reso noto alla cittadinanza in campagna elettorale, tiene fortemente alla valorizzazione del patrimonio rurale e del paesaggio, mettendo in primo piano i giovani e il loro futuro. Il Comune, infatti, metterà a disposizione dei ragazzi residenti, i terreni da dare in concessione. Ognuno di loro potrà creare la propria azienda, potrà sviluppare la propria idea o la propria start up.
Il primo cittadino e l’assessore all’Agricoltura Giovanni Saturno, insieme a tutta la giunta, hanno deliberato la «predisposizione di un avviso esplorativo per manifestazione di interesse progetti innovativi, volto alla realizzazione di un modello integrato di intervento nel settore agro-alimentare con valorizzazione del patrimonio rurale e del paesaggio».
E’ intenzione dell’amministrazione comunale promuovere un utilizzo dei beni pubblici in chiave produttiva, con l’obiettivo di concorrere, mediante l’assegnazione di terreni demaniali, al potenziamento del sistema produttivo locale e nello specifico del settore agricolo, pastorale, agroalimentare e della green economy, favorendo l’insediamento e la permanenza di giovani imprenditori. Tale intento si inserisce nel percorso intrapreso dall’amministrazione comunale, al fine di implementare una gestione dei beni demaniali e patrimoniali improntata a criteri di diligenza economicamente orientata, ponderando i vari interessi in gioco e stabilendo congrui canoni in linea con i piani di investimento presentati.
Ma l’amministrazione non si preoccuperà di fornire ai giovani del territorio “solo” uno spazio dove poter costruire il proprio futuro. A dicembre sarà organizzato un importante incontro con la Coldiretti che porterà a Camerota dieci esempi virtuosi di giovani che hanno fatto la loro fortuna in questo campo. Gli imprenditori mostreranno come sono riusciti da zero a diventare agricoltori, allevatori e proprietari di aziende di ogni genere.
Questa azione mira anche alla valorizzazione del territorio. In seguito nasceranno nuovi percorsi turistici, nuove attrattive e nuove aziende da visitare. I turisti che giungeranno a Camerota avranno modo di capire come si fa il formaggio, come si trasforma l’uva in vino e cosa vuol dire lavorare la terra nel Cilento. Dall’altro lato i giovani avranno la possibilità di produrre ortaggi, vino, uova, olio: tutto a chilometro zero. Avranno la possibilità di allevare specie di animali biologici, di sperimentare nuove tecniche.
All’incontro di dicembre con la Coldiretti, prenderanno parte anche esperti finanziari di diverse banche locali. A loro il compito di guidare i giovani interessati e fornire assistenza su come, ad esempio, recepire finanziamenti o chiedere prestiti agevolati.
I progetti presentati verranno comunque selezioni in due fasi:
• La prima fase, in cui dovrà essere richiesta una illustrazione sintetica dell’idea progettuale, in base alla quale l’Ente potrà selezionare le istanze ed individuare le aree demaniali idonee alle proposte pervenute, determinando il canone adeguato alle caratteristiche delle stesse, da prevedere contenuto nella fase di start up della proposta progettuale e da integrare nella misura completa, nella successiva fase in cui l’attività andrà a regime;
• La seconda fase, in cui i proponenti saranno invitati a presentare i progetti in una versione più avanzata e di dettaglio, sulla base dei quali l’Ente selezionerà, tramite una Commissione formata da esperti nel settore, all’uopo costituita, i progetti meritevoli in quanto innovativi e contestualmente valutati fattibili;
«Questo fa parte del nostro programma della campagna elettorale – spiega il sindaco Mario Scarpitta -. I giovani sono stati sempre al centro dell’attenzione di questa Amministrazione. Questa è una opportunità che mira sia alla valorizzazione del patrimonio ma soprattutto alle opportunità di sviluppo affinchè i giovani possano restare a Camerota facendo impresa e rompendo gli schemi dell’assistenzialismo. Mi auguro – chiosa il primo cittadino – che tanti di loro colgano questa occasione che creerà oltre alla possibilità di sviluppo economico e finanziario per i privati, anche a nuovi indotti e nuove opportunità per tutto il territorio». Grande soddisfazione espressa anche dall’assessore Saturno: «Per me si realizza un piccolo sogno e una speranza per i giovani dell’entroterra. Il mio impegno per lo sviluppo dell’agricoltura passa attraverso l’intento di dare lavoro ai tanti giovani che spesso sono costretti ad andare via. Li invito a prendere parte agli incontri e a esporre le loro idee che l’Amministrazione con attenzione valuterà dando loro tutte le opportunità possibili».

C.S.

CAMEROTA, PRESENTATO IL PROGETTO DI PALAZZO SALERNO

Si è tenuto mercoledì pomeriggio, nella chiesa di San Nicola a Camerota capoluogo, l’incontro tra i tecnici, l’Amministrazione Comunale di Camerota e i cittadini per presentare il progetto di riuso e riqualificazione di Palazzo Salerno. All’incontro hanno preso parte il sindaco di Camerota, Mario Scarpitta; l’assessore dott. Tere Esposito; il vicesindaco, l’avvocato Francesco Calicchio; l’ingegnere Alessandro Di Rosario, responsabile unico del procedimento; l’architetto Antonietta Coraggio (direttrice dei lavori); il collaudatore del progetto in corso d’opera l’ingegnere Giovanni Volpe; l’architetto Nicola Greco (supporto al R.U.P.). 
 
L’importo del contratto è di 645.814,86 € comprensivi di oneri di sicurezza. Il palazzo è stato già acquisito dal patrimonio del Comune per un importo di 250 mila euro già versato. La fine dei lavori è prevista per il 14 marzo 2018. 
 
« L’amministrazione comunale questa sera è qui – ha sottolineato il sindaco, Mario Scarpitta – per dare il via ai lavori di recupero e di riuso del palazzo Salerno, una delle dimore storiche del nostro Comune da troppi anni in disuso. Questa Amministrazione, che tra le sue prerogative si è posta quella della trasparenza e della partecipazione attiva della cittadinanza, vuole dare prova di quanto detto. Abbiamo voluto presentare in anteprima quella che sarà l’opera finita. Questo nuovo modo di rendere alla popolazione l’idea di quello che si andrà a realizzare va nella direzione della partecipazione condivisa. Questa azione – ha continuato il primo cittadino – è volta anche all’informazione e a coinvolgere la cittadinanza, la quale seppur consapevole dei disagi che si incorreranno durante il periodo di costruzione dell’opera, con quello che vi mostreremo stasera siamo sicuri ne varrà la pena». 
 
La realizzazione di Palazzo Salerno è un’opera dal forte impatto artistico culturale all’interno della quale sono previste attività sociali, sala polifunzionale per conferenze e cineforum, sala multimediale, schedari di lettura, consultazione per libri, una biblioteca sociale, un’emeroteca (raccolta ordinata di giornali e periodici messi a disposizione del pubblico per consultazione e lettura), spazio ricreativo per laboratorio artistico (lavorazione creta ad esempio), mostre permanenti, mostre temporanee, laboratorio artigianale, zone espositive e sala congressi. Dunque un vero e proprio contenitore socio-artistico e culturale. Una macchina a disposizione del territorio per poter promuovere il turismo culturale, soprattutto. 
C.S.

Camerota, demanio “Riolo”: l’Amministrazione comunale incontra i cittadini

spodicellaweb

L’amministrazione comunale rende noto che sabato 11 novembre, alle ore 17, presso il ristorante ‘La Locanda del Curato’ a Lentiscosa, si terrà un incontro pubblico per informare i proprietari di immobili realizzati sul demanio «Riolo», specificatamente in località ‘Spodicella’ di Lentiscosa, degli aspetti amministrativi e procedurali che l’amministrazione intraprenderà a seguito della delibera di Consiglio Comunale numero 33 del 21 novembre 2016 «Sdemanializzazione del demanio uso civico in località Spodicella», al fine di risolvere la problematica che interessa i proprietari di immobili realizzati sulla predetta area sin dal 1957.

Interverranno:

  • Mario Salvatore Scarpitta – Sindaco di Camerota (Apertura e conclusioni)
  • Vincenza Perazzo – Assessore del Comune di Camerota (Considerazioni sulla problematica)
  • Roberto Ciociano – Geometra incaricato problematiche demaniali
  • Antonietta Coraggio – Architetto Responsabile Settore Urbanistica e Demanio

 

C.S.

CAMEROTA, SPAZZATURA ABBANDONATA DOPO IL MERCATO: COMUNE MULTA AMBULANTI

 
Sono dovuti intervenire gli uomini del comando locale dei vigili urbani per sanzionare gli ambulanti protagonisti dello scempio post mercato settimanale a Licusati. I proprietari delle bancarelle, dopo aver smontato il tutto e lasciato il paese, hanno lasciato spazzatura di ogni genere abbandonata. La piazza si è trasformata in una discarica a cielo aperto. Pugno duro dell’amministrazione Scarpitta che ha prontamente inviato sul posto, insieme ai caschi bianchi, il delegato alla Polizia locale, Manfredo D’Alessandro, e la delegata al Commercio, Giusy Cammarano. I consiglieri hanno recuperato l’elenco degli ambulanti che partecipano al mercato di Licusati e hanno provveduto, tramite il comando dei vigili, ad inviare multe anche abbastanza salate. «Non permettiamo a nessuno di usufruire di uno spazio pubblico sul territorio di Camerota e di lasciarlo in queste condizioni» hanno precisato gli amministratori. 
C.S.

Area marina protetta e turismo attivo: a Camerota arrivano Legambiente e Parco per dibattiti e incontri

«Il buon turismo nasce dal mare» è l’incipt che fa da introduzione alla giornata di incontri e dibattiti che si svolgerà domani, venerdì 27 ottobre, a Marina di Camerota. Il convegno, fortemente voluto dal sindaco di Camerota Mario Scarpitta e dall’assessore alla Cultura e all’A.m.p. Teresa Esposito, avrà inizio alle ore 10 presso il cinema Bolivar. Toccherà al primo cittadino fare salutare e ringraziare per la partecipazione i presenti. Di fronte a lui Antonella Guerra di ViviItalia che avrà il compito di introdurre. Seduto al tavolo anche Sebastiano Venneri, responsabile Turismo Legambiente. Al primo dibattito prenderanno la parola: 

  • Stefano Donati, direttore dell’area marina protetta delle Isole Egadi (Trapani);
  • Alessandro Ciccolella, direttore area marian protetta Torre Guaceto (Brindisi);
  • Tonino Miccio, direttore area marina protetta Punta Campanella (Napoli e Salerno);
  • Gregorio Romano, direttore area marina protetta Costa degli Infreschi e della Masseta (Salerno);
  • Floriana Di Stefano, presidente associazione Scienze Ambientali;
  • Teresa Esposito, assessore di Camerota delegata all’area marina protetta;
  • Valerio Calabrese, direttore ecomuseo della Dieta Mediteranea di Pioppi.

Alle 12, al termine del primo convegno, una tavola rotonda dal titolo ‘Un’area marina protetta gestita e vissuta’. Modera Sebastiano Venneri. Mentre ne discuteranno:

  • Tommaso Pellegrino, presidente del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni;
  • Raffaele Esposito, presidente Confesercenti provinciale Salerno;
  • Tore Sanna, vice presidente Federparchi;
  • Mario Scarpitta, sindaco di Camerota.

Concluderà l’incontro Maria Carmela Giarratano, direttore generale Protezione della Natura, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

C.S.

Camerota, Giunta Scarpitta approva progetto per campo sportivo sintetico

campo sportivo camerota

 
Con delibera di giunta numero 00116/2017 del 19 ottobre scorso, l’amministrazione comunale di Camerota, guidata dal sindaco Mario Scarpitta, ha approvato la «manutenzione straordinaria campo da gioco, spogliatoi e aree pertinenziali dell’impianto sportivo di Camerota capoluogo». L’amministrazione, grazie anche al lavoro dell’assessore allo Sport Vincenza Perazzo, si è già occupata della situazione degli impianti sportivi in tutte le frazioni. Lavori sono stati effettuati a Lentiscosa, Camerota capoluogo e a Marina di Camerota. La giunta ha preso in considerazione la possibilità di accedere ai mutui agevolati dell’istituto per il credito sportivo per la realizzazione e/o manutenzione degli impianti sportivi ‘Iniziativa sport missione comune 2017’ e ha preso atto dello studio di fattibilità tecnico ed economica del progetto redatto dall’ufficio tecnico comunale. 
 
Il progetto, dal costo di circa 880 mila euro, è stato approvato e trasmesso al responsabile del Procedimento, l’ingegnere Alessandro Di Rosario. A Camerota capoluogo, dunque, verrà installato il manto di erba sintetica che andrà a sostituire la terra battuta. Interventi massicci saranno rivolti anche agli spalti (attualmente quasi inesistenti), all’impianto di illuminazione, agli spogliatoi e alle aree attigue.
C.S.