CAPACCIO PAESTUM, NASCE L’ASSOCIAZIONE FAREBENE “FRANCO PALUMBO”

Franco Palumbo con la figlia Sabrina.JPG
“Con Franco Palumbo si è aperta ufficialmente l’era del cambiamento nella Città di Capaccio Paestum. Il processo di crescita avviato durante il suo mandato amministrativo è irreversibile ed è visibile negli atti amministrativi e nei progetti lasciati in eredità, ove sono contenuti pezzi di futuro e una visione strategica della Città dei Templi così come l’aveva immaginata e disegnata lui. Il nostro obiettivo, che diventa  anche un dovere morale e politico, è quello di dare continuità e concretezza ai suoi progetti, di portare avanti le  idee e soprattutto i valori , la legalità e il senso di responsabilità su tutti . Il patrimonio umano e politico di Franco Palumbo non morirà mai , perché rappresenta l’esempio più nitido e bello di come si amministra un territorio”.

Si presenta così la neocostituita associazione Farebene “Franco Palumbo”, dedicata all’ex sindaco di Giungano e di Capaccio Paestum venuto a mancare nei giorni scorsi all’affetto dei suoi cari, che ha il desiderio di portare avanti le idee di uomo e di un politico che si è sempre speso con competenza e con amore per la sua terra.

A fondare l’associazione è un gruppo di amici e fidati collaboratori di Franco Palumbo, composto durante il mandato amministrativo all’ombra della Città dei templi dal capostaff avv . Riccardo Ruocco, dal responsabile comunicazione Nicola Palma, dall’addetto stampa Antonio Vuolo, dall’ex candidata nella lista “Farebene” Carla Marrazza, nonché dall’avvocato Sabrina Palumbo, figlia del primo cittadino di Capaccio Paestum scomparso prematuramente all’età di 54 anni.

Tutti i dettagli saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa che il gruppo associativo organizzerà nei prossimi giorni a Capaccio Paestum.

C.S.

CAPACCIO PAESTUM, ARRIVA PER I CITTADINI LA CARTA D’IDENTITA’ ELETTRONICA

 

c2f2ef4a-af0b-4a9d-a538-3ada6b046aaa

 

Il Comune di Capaccio Paestum rilascerà, a partire dal prossimo 3 aprile, la carta d’identità in formato elettronico (CIE). Potranno richiedere la nuova Carta d’Identità elettronica i cittadini italiani e stranieri residenti a Capaccio Paestum che hanno la carta d’identità scaduta o in scadenza (da 180 giorni prima della data di scadenza), hanno smarrito la loro carta d’identità o ne sono stati derubati, hanno deteriorato la loro carta d’identità.

La nuova Carta d’Identità Elettronica si può richiedere presso il Servizio Anagrafe di Capaccio Scalo e di Capaccio Capoluogo. Il rilascio della CIE avverrà su appuntamento, dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 12.00, e nel pomeriggio del martedì e giovedì, dalle 15.30 alle 17.00.

Gli appuntamenti possono essere presi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.00 e nel pomeriggio di martedì e giovedì, dalle 15.30 alle 17.00 con le seguenti modalità:

  1. telefonicamente, chiamando, ai seguenti numeri 0828.812340 – 0828.812247;

  2. direttamente allo sportello;

In alternativa, in qualunque momento, si può prendere appuntamento inviando una mail ai seguenti indirizzi, lasciando un recapito telefonico al quale essere contattati per definire l’appuntamento:

  1. demograficics@pec.comune.capaccio.sa.it (Anagrafe Capaccio Scalo);
  2. demograficicc@pec.comune.capaccio.sa.it (Anagrafe Capaccio capoluogo);

Per i cittadini, il monitoraggio dello stato di spedizione delle CIE è possibile registrandosi presso il sito Agenda CIE selezionando il pulsante “Cerca carta” ed inserendo il codice fiscale ed il numero della CIE. La nuova Carta d’identità elettronica costa €. 22,20 che vanno versati in contanti allo sportello al momento della richiesta.

La nuova Carta ha l’aspetto e le dimensioni di una carta di credito. È dotata di un microprocessore che memorizza in modo sicuro le informazioni necessarie alla verifica dell’identità del titolare, compresi fotografia e le impronte digitali. Essa riporta il codice fiscale e vale come documento di identità e, solo per i cittadini italiani, come documento di espatrio in tutti i Paesi dell’Unione Europea e nei Paesi Extra Unione Europea che la accettano al posto del passaporto.

La nuova Carta d’Identità, inoltre, contiene l’eventuale consenso o diniego alla donazione di organi o tessuti in caso di morte che ogni cittadino può esprimere al momento della richiesta. Eventuali modifiche della volontà espressa potranno essere effettuate in qualsiasi momento. Il modulo dedicato è disponibile allo sportello. Chi volesse avere maggiori informazioni in proposito può trovarle nel sito ufficiale del Centro Nazionale Trapianti (COME DONARE).

Per tutte le info, i cittadini possono collegarsi al seguente link sul sito web dell’Ente: https://www.comune.capaccio.sa.it/files/2018/03/Carta-d%E2%80%99identit%C3%A0-elettronica-CIE-%E2%80%93-Attivazione-del-servizio-dal-03-Aprile-2018.pdf

C.S.

Cilento, ore di panico e angoscia ad Agropoli e Capaccio Paestum

 

20186986_10210173239269557_1820937735_o.jpg20139915_712261002308360_4559736452859045056_n.jpg20136373_928236023983933_22046813_n.jpg20205599_10210173239149554_2098408646_o.jpg
Una domenica da dimenticare quella vissuta ieri nelle località di Agropoli e Capaccio Paestum dove si sono sviluppati diversi incendi. Ad Agropoli il rogo si è originato nei pressi della struttura Elysium in località Mattine. A causa del forte vento che soffiava in quelle ore l’incendio si è poi propagato per chilometri fino a raggiungere colle San Marco minacciando in serata il Parco Sogno e alcune case che si trovavano nei pressi del residence Le Terrazze. La situazione è diventata talmente critica da evacuare alcune famiglie residenti nell’area. Nonostante l’intervento dei vigili del fuoco che hanno riscontrato non poche difficoltà a domare le fiamme a causa del forte vento, una cabina Enel è stata colpita dalle lingue di fuoco provocando un black-out nella zona delle Terrazze. Alcune persone prese dal panico, sono scese in strada gridando e piangendo. Grande lavoro da parte degli uomini della protezione civile di Agropoli, dei vigili del fuoco e dei carabinieri della Compagnia di Agropoli che si sono prodigati enormemente per contrastare l’incendio. Inoltre tanti volontari si sono attivati per sostenere le famiglie in preda all’angoscia, donando bottigliette d’acqua. Non pochi problemi sono stati causati dal fumo tant’è che alcune persone sono state costrette a ricorrere a cure sanitarie per intossicazioni. Tutt’ora l’incendio non è stato ancora domato, ma a tenere sotto controllo la situazione ci sono i vigili del fuoco . Diversi ettari di terreno e molti ulivi sono andati distrutti. Bruciate alcune auto di turisti (ne risultano due). Situazione drammatica anche a Capaccio Paestum dove il sindaco Franco Palumbo ha attivato la macchina dei soccorsi e ha seguito in prima persona l’evolversi della vicenda. L’incendio ha interessato tutta l’area sud di Santa Venere, lungo la strada Linora che va dall’incrocio di Santa Venere fino alla centrale elettrica in zona Licinella. Le fiamme hanno colpito i terreni a lato sud della strada, avvicinandosi anche ad abitazioni di residenti e turisti, costringendo tante persone per via del fumo a ad evacuare. Oltre cinquanta persone sono state tratte in salvo dagli agenti della Polizia Locale. Altresì, le fiamme hanno minacciato numerose aziende agricole e un caseificio. Sono intervenuti gli uomini della Protezione Civile, i vigili del fuoco e gli operai della Comunità Montana Calore Salernitano. Erano presenti anche l’assessore Franco Sica e diversi esponenti dell’amministrazione comunale per seguire da vicino l’evolversi della vicenda. “È stata una giornata infernale, che non avevo mai vissuto né da uomo né da politico-ha diciarato il sindaco Palumbo- Tre fronti di fuoco, hanno distrutto ettari di verde, costretto molti residenti e turisti a lasciare le proprie case, e danneggiato diverse aziende agricole. Abbiamo dovuto evacuare tra abitazioni e bungalow circa mille persone”. Intanto a Teggiano è stato arrestato un piromane 24enne di origini romene con l’accusa di aver appiccato un incendio in un’area boschiva ricadente nel Parco Nazionale del Cilento, Alburni e Vallo di Diano.

REDAZIONE

 

CAPACCIO, FURTO DI LEGNA IN AREE DEMANIALI PROTETTE: DENUNCIATI DAI CARABINIERI

 

wp-1478247105951

Altro significativo risultato conseguito dai Carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretta dal Capitano Francesco Manna, nel contrasto al fenomeno dei reati predatori ed ambientali.
I Carabinieri del dipendente NOR – Aliquota Radiomobile, nel corso di mirato servizio teso alla repressione dei delitti contro il patrimonio, nella mattinata di sabato 11 marso u.s., hanno infatti deferito alla competente Autorità Giudiziaria per furto aggravato due persone di Albanella, sorprese nell’atto di caricare su di un camion utilizzato per trasportare il materiale, un grosso quantitativo di legna di pino, sottratto poco prima dalla pineta del litorale capaccese.
Nella circostanza, sia il mezzo utilizzato, che la legna tagliata ed il motosega sono stati sottoposti a sequestro.
Proseguono intanto i controlli da parte dei Carabinieri della Compagnia cilentana per contrastare i reati predatori lungo la fascia costiera e nell’entroterra.

C.S.

Festa di San Valentino: un weekend per gli innamorati tra Castellabate e Capaccio

Locandina-veglia-dei-fidanzati-2017-202x300.jpg

Weekend dedicato alle coppie di fidanzati e alle giovani coppie di sposi. L’Ufficio diocesano per la pastorale familiare della Diocesi di Vallo della Lucania, coordinato da Don Roberto Guida, ha infatti in programma due belle iniziative di preparazione spirituale in  vista della prossima Festa di San Valentino. Raccogliendo l’invito di Papa Francesco, l’intento è quello di ridare alla festa il suo valore profondo di gioia e di amore, sottraendolo allo sfruttamento esclusivamente commerciale degli ultimi anni. Pertanto sabato 11 febbraio alle ore 17,00 presso la Basilica Pontificia di Castellabate il vescovo S.E. Ciro Miniero incontrerà le coppie che si preparano a vivere il sacramento del matrimonio con una veglia di preghiera e, a seguire, la Santa Messa. Domenica 12 febbraio dalle ore 19.00 alle ore 21.30, presso il Santuario del Getsemani di Capaccio, è invece in programma il secondo appuntamento del cammino dal titolo “…ma tu mi ami?” rivolto alle giovani coppie di fidanzati o single, dai 18 ai 35 anni, che vogliono vivere più in profondità la ricchezza del tempo del fidanzamento o che vogliono conoscere e approfondire il Sacramento del Matrimonio, sotto la guida di Padre Adam Wojcikowski. Per l’incontro di domenica è possibile contattare Fabio e Ombretta (cell. 338.2821035).

C.S.

“…Ma tu mi ami?”: i giovani fidanzati si incontrano domenica al Getsemani

itinerario-fidanzati2-29-genn (1).jpg
Vivere l’amore alla luce del Vangelo: è questa la straordinaria occasione rivolta alle giovani coppie di fidanzati o single, dai 18 ai 35 anni, che vogliono vivere più in profondità la ricchezza del tempo del fidanzamento o che vogliono conoscere e approfondire il Sacramento del Matrimonio. Il cammino dal titolo “…ma tu mi ami?” si sviluppa in tre appuntamenti ed avrà inizio domenica 29 gennaio 2017, presso il Santuario del Getsemani di Capaccio-Paestum, dalle ore 19.00 alle ore 21.30.  Come sottolinea Don Roberto Guida, responsabile dell’Ufficio Diocesano per la Pastorale Familiare, “l’iniziativa rappresenta un percorso di crescita umana e spirituale per tanti giovani delle nostre comunità che potranno essere stimolati dalla stimolante guida di Padre Adam Wojcikowski”. L’incontro si divide in vari momenti: dopo la messa delle 18.00, intorno alle 19.00 ci sarà l’accoglienza con la preghiera dei fidanzati e dei single, la presentazione dei ragazzi, la Lectio di Padre Adam sul tema dell’Amore, dopo di che verrà dato spazio al confronto. E’ possibile partecipare registrandosi direttamente domenica alle 19.00 presso il santuario del Getsemani. Per informazioni è possibile contattare Fabio e Ombretta (cell. 338.2821035)

C.S.

AGROPOLI-CAPACCIO: GIORNATA NAZIONALE COLLETTA ALIMENTARE: RACCOLTE CIRCA 7 TONNELLATE DI PRODOTTI

IMG_20161126_113022.jpgIMG_20161126_112640.jpg

Si è conclusa la giornata nazionale di raccolta di generi alimentari
promossa dal Banco Alimentare delle Caritas Parrocchiali di Agropoli.
Il cibo raccolto fornirà il Banco Alimentare regionale di Mercato San
Severino di prodotti di prima necessità, che a sua volta distribuirà
parte del donato nelle altre zone dell’area salernitana.

Circa sette tonnellate di generi alimentari è il bilancio della
raccolta organizzata sabato scorso dalla Caritas/Banco Alimentare nei
supermercati di Agropoli e Capaccio.

La raccolta alimentare ha visto quasi 100 volontari tra operatori
vari, dall’Associazione Nazionale Carabinieri alla Protezione Civile,
dal Gruppo Scout ai ragazzi del catechismo.

“La quantità e la tipologia di beni raccolti – ci ha spiegato Giuseppe
Di Lucia referente dell’Oratorio Padre Giacomo Selvi, presso la
Parrocchia del Sacro Cuore, base per lo stoccaggio dei prodotti
raccolti – è in linea rispetto a quella dello scorso anno. Anche i
generi raccolti, pasta, riso, zucchero, olio, biscotti, scatolame ed
altro ancora, questi in maggioranza i generi raccolti, che saranno poi
distribuiti mensilmente ai nuclei assistiti dal Banco Alimentari
Centrale. Famiglie di qualsiasi origine straniera o italiane, spesso
in difficoltà perché uno o più dei componenti ha perso il lavoro ed è
ora disoccupato.

C.S.

Ostruzione foce del fiume Sele: segnalazione del Comune di Capaccio Paestum agli organi competenti

 

 

fiume-sele.jpg

Il Sindaco del Comune di Capaccio Paestum, dottor Italo Voza, unitamente al responsabile del Servizio Comunale Manutenzioni e Protezione Civile, geometra Mario Barlotti, hanno inviato alla Regione Campania, Area 15 – Lavori Pubblici, Opere Pubbliche e Difesa del Suolo, alla Capitaneria di Porto di Salerno e all’Ente Riserva Foce Sele Tanagro la seguente missiva: “Si segnala agli uffici di competenza che la foce del fiume Sele, come rilevato a seguito di uno dei sopralluoghi che costantemente l’ente comunale dispone ed effettua, risulta di nuovo completamente ostruita o quasi da materiali sabbiosi e litoidi. Tale situazione preoccupa in ragione degli accadimenti degli ultimi anni, allorquando il territorio di Capaccio Paestum più vicino al fiume, nonché più produttivo dal punto di vista agricolo, è stato invaso dalle acque per ben tre volte dal 2010. Vogliasi accogliere la presente segnalazione quale invito e diffida ad effettuare i dovuti controlli specialistici di competenza ed adottare ogni misura preventiva conseguente, al fine di scongiurare il rischio in loco. In mancanza di ciò, stante la nota e riscontrata l’urgenza ed il rischio connesso per il territorio e i cittadini, l’ente comunale si riserva di porre in essere ogni più opportuna iniziativa”.

C.S.