CASTELLABATE, IL 17 MARZO L’ INCONTRO DOVE SI PARLERA’ DI VIOLAZIONE DEI DIRITTI UMANI

Annunci

Cilento, Festa della Donna: ecco le diverse iniziative nel Cilento 

 

CILENTO FESTA DELLA DONNA INIZIATIVE
Oggi 8 Marzo ricorre la Giornata Internazionale della donna definita anche Festa della Donna per ricordare, come ogni anno, sia le conquiste sociali, economiche e politiche, sia le discriminazioni e le violenze di cui le donne sono state e sono ancora oggetto in quasi tutte le parti del mondo. A rappresentare simbolicamente questa giornata è la mimosa che fiorisce tra i mesi di Febbraio e Marzo. Secondo alcune versioni l’8 Marzo viene celebrato per ricordare la morte di centinaia di operaie nel rogo di una inesistente fabbrica di camicie avvenuto nel 1908 a New York. Ma in realtà con il passare del tempo si è persa la memoria storica delle reali origini della manifestazione, facendo probabilmente confusione con una tragedia realmente verificatasi in quella città il 25 marzo 1911, l’incendio della fabbrica Triangle, nella quale morirono 146 lavoratori. Diverse le iniziative che ogni anno vengono organizzate anche nel Cilento per ricordare i diritti e le conquiste sociali ottenute nel corso degli ultimi decenni dalle donne. Tra queste l’“Asl In Rosa”, la Settimana della Prevenzione Femminile promossa dall’Asl in occasione della Giornata Internazionale della donna e che prevede dall’8 al 15 Marzo presso gli ambulatori di tutti i Distretti Sanitari prestazioni gratuite inerenti agli screening dei tumori della cervice uterina e della mammella. Prevenzione anche nel comune di Trentinara dove per domani sono previste visite ginecologiche gratuite dalle 9.00 alle 12.00 presso lo studio medico di Trentinara in Piazza dei Martiri. Ad Agropoli invece è previsto oggi presso il comune “Premio Cilento Donna” un evento nel corso del quale viene dato un riconoscimento a diverse donne che si sono distinte in un particolare settore. Sempre ad Agropoli presso il liceo Scientifico “A.Gatto” è stato organizzato un incontro per discutere di violenza di genere con la nota penalista avv. Benedetta Sirignano. Anche a Paestum è previsto stesso in giornata un percorso tematico guidato con lo scopo di far riemergere i vari aspetti della vita femminile nell’antica città dei templi. Anche il comune di Perdifumo organizza la Festa della Donna 2018 prevista per domani alle 20.30 presso la tendostruttura comunale.Ricco programma di iniziative per il comune di Camerota per ricordare la memoria delle donne strambaie inghiottite dal mare nella Cala del Marcellino, nella costa del borgo marinaro di Camerota nel 1867. Una giornata in rosa all’insegna dell’avventura sul Monte Cervati con escursione e pranzo sulla vetta più alta della Campania. Per l’occasione il comune di Sant’Arsenio ha invece organizzato un convegno dal titolo “Differenza Donna” per riflettere sulla violenza di genere.

REDAZIONE

CAPACCIO PAESTUM, DOMENICA 26 NOVEMBRE LO SPETTACOLO TEATRALE “DONNA” PER DIRE NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE

 

CAPACCIO PAESTUM NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE
L’Associazione ‘La Resilienza’, presieduta da Marta Santoro in collaborazione con il Comune di Capaccio Paestum – Assessorato alle Politiche Sociali, presenta la prima edizione di ‘Non una di meno’, giornata internazionale contro la violenza sulle donne. L’appuntamento è per domenica 26 Novembre presso il ‘Villaggio Oasis’ sito in località Laura a Capaccio Paestum. Si comincia alle ore 9.00 con sfilata presso i piazzali antistanti le chiese di Capaccio Paestum. Lancio di palloncini rossi legati con un filo bianco. Alle ore 15.00 è previsto un incontro dibattito nel corso del quale sono previsti diversi interventi. A seguire alle ore 17.00 si terrà il Premio concorso letterario ‘Violenza e società civile: analisi del fenomeno, proposte risolutive’. L’associazione culturale ‘Mineia’ presenta “Donna” un monologo scritto e interpretato da Biancarosa di Ruocco. Per finire alle ore 18.15 teatro musica Kintsugi di Giampietro Marra, Carmen Amoroso e Carmine Maria Pinto. Musical dal vivo di Angelo Marino. Si esibiranno le scuole di danza: Mary Dance – “Quello che le donne non dicono” di Fiorella Mannoia; Associazione ‘Cordace’ di Maria Grazia Lettieri con danze popolari del sud Italia e danze del mondo. La manifestazione si concluderà con la partecipazione canora di Emanuela Fuiani.

REDAZIONE

Capaccio Paestum, Lunedì 10 Aprile un incontro delle donne per le donne

comune-capaccio

Non solo nomi per riempire i posti riservati alle quote rosa. Le donne candidate nella coalizione guidata da Franco Sica sono persone attive e sensibili rispetto alle problematiche delle altre donne. Ed è anche per loro che hanno deciso di candidarsi: per dare sostegno ad altre donne, partendo dai problemi più piccoli fino ad arrivare a quelli più seri che richiedono il coinvolgimento di figure professionali.
Le tematiche da affrontare possono essere tante e diverse: dalla necessità di un servizio di assistenza per le donne che non hanno nessuno che badi ai loro figli negli orari di lavoro, alle problematiche che riguardano il mondo della scuola, fino ad arrivare a temi come la salute e la prevenzione.
Per questo si è pensato ad un incontro aperto a tutte le donne che vorranno partecipare, per discutere assieme delle principali problematiche che riguardano il mondo femminile, per potere analizzare le varie tematiche da più punti di vista e iniziare anche a pensare a come affrontarle.
L’appuntamento è per lunedì 10 aprile alle 20.30, nella sede della coalizione in via Magna Graecia a Capaccio Scalo.

C.S.

Agropoli, 25 Marzo il convegno”Le donne vittime non sono sole: parliamone”

17342021_10209095208119452_1303250343_o.jpg
Il Lions Club Agropoli in collaborazione con l’Associazione Manden ed il patrocinio del comune di Agropoli ha organizzato un convegno dal titolo “Le donne vittime non sono sole: parliamone”. L’evento è previsto per Sabato 25 Marzo alle ore 17.00 presso la sala consiliare del comune di Agropoli. I saluti saranno tenuti dal sindaco della città Franco Alfieri, dall’Assessore alle politiche per l’Identità Culturale Franco Crispino e dal Presidente del Lions Club Agropoli Prof.ssa Maria Rosaria Verrone. Interverranno Filomena Lamberti nel ruolo di testimone, la Dott.ssa Ester Apolito psicologa dell’età evolutiva esperta in violenza di genere, la Dott.ssa Monia Monzo assistente sociale esperta in violenza di genere, Socio Fondatore dell’Associazione Manden e la Dott.ssa Grazia Biondi Presidente dell’Associazione Manden. Modera l’ Avv. Nadia Malandrino cerimoniere del Lions Club Agropoli. Le conclusioni sono invece affidate alla Dott.ssa Rita Franco Presidente della V° Circoscrizione del Distretto ITALIA 108 YA (Campania, Calabria e Basilicata) del Lions Club International.

REDAZIONE

PAESTUM, GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA DONNA: 2 VISITE GUIDATE AI DEPOSITI

Locandina 8 Marzo_corretta.jpgfb_copertina_8_marzo.jpgpost_8_marzo.jpglogo_8_marzo.jpg


8 marzo, un appuntamento che il MiBACT dedica tradizionalmente alle donne offrendo l’ingresso gratuito a tutti i musei, aree archeologiche e monumenti.

Paestum partecipa con un programma che si sviluppa durante l’intera giornata: la mattina due visite guidate ai depositi e, nel pomeriggio, una conferenza curata dell’Associazione Femminista Artemide.

Il tema dell’incontro è ben sintetizzato da Eva Cantarella: Ripercorrere la storia delle donne nell’antichità greca e romana non è semplice curiosità erudita… Osservare la vita e seguire le vicende di organizzazioni sociali come quella greca e quella romana aiuta a svelare, se non il momento nel quale nacque la divisione dei ruoli sociali, il momento nel quale questa divisione venne codificata e teorizzata: e cominciò quindi a essere vista, invece che come un fatto culturale, come la conseguenza di una differenza biologica, automaticamente tradotta in inferiorità delle donne”. (L’ambiguo malanno. Condizione e immagine della donna nell’antichità greca e romana, Roma 1981).

Analizzare il genere come un prodotto culturale, – concorda il direttore Gabriel Zuchtriegel – non vuol dire negare l’esistenza del corpo biologico, ma prendere consapevolezza che ogni realtà esterna è accessibile e comunicabile solo attraverso la lingua, l’arte e la cultura, che determinano il mondo in cui viviamo”.

Per tutte le donne è riservata una dolce sorpresa.

PROGRAMMA
ore 11.00 e ore 15.00:
Due speciali visite guidate ai depositi museali alla scoperta delle immagini femminili sulle lastre tombali.

ore 17.30:
Eva Cantarella: TACITA MUTA. Le donne nella città antica.
Gabriel Zuchtriegel: OLTRE IL MITO. Cosa Ermafrodito ci dice sull’identità femminile

Intervento artistico di Pina Nuzzo:
“SEGNI CHE FONDANO IL MONDO”

Iniziativa inclusa nl biglietto d’ingresso e nell’abbonamento Paestum Mia

Ingresso gratuito per le donne

Informazioni e prenotazioni: tel. 0828 811023, mail: pae.promozione@beniculturali.it

L’iniziativa è realizzata con il contributo di: Floràn Fioreria Capaccio e Mobili Martino

C.S.

PAESTUM, “NATALE IN CASA DI DONNE” SETTIMA RASSEGNA TEATRALE INVERNALE “DAL MITO A + ∞”

locandina_8_dicembre.jpg

Foto_presepe_rid.jpg

Per il giorno dell’Immacolata, tradizionalmente dedicato a completare il presepe e l’albero che avviano i rituali natalizi, anche al Museo si può vivere l’atmosfera di questi giorni con “Natale in casa di donne”, uno spettacolo teatrale liberamente tratto da “Natale in casa Cupiello”, celebre commedia tragicomica scritta da Eduardo De Filippo nel 1931.

In “Natale in casa di donne”, che Sarah Falanga ha adattato e diretto, saranno tutte donne ad interpretare i personaggi della celebre piece di Eduardo

Regia: SARAH FALANGA

Disegno luci: CHRISTIAN MIRONE

Costumi: LETICIA CRAIG

Cast: Compagnia stabile dell’ACCADEMIA MAGNA GRAECIA

L’iniziativa inclusa nel biglietto d’ingresso e nell’abbonamento annuale PAESTUM MIA.

C.S.

GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE: CASTELLABATE NON E’ INDIFFERENTE

locandina Castellabate contro la violenza sulle donne_evento.jpg

Venerdì 25 novembre si celebra la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, promossa dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: Castellabate non è indifferente. L’Assessorato alle Pari Opportunità del comune ha programmato un incontro volto a sensibilizzare la società su questa piaga. L’evento si terrà venerdì 25 novembre alle ore 17 presso la Sala Don Felice Fierro a San Marco di Castellabate, in collaborazione con le professionalità presenti sul territorio, e vuole essere un momento di riflessione per sensibilizzare le future generazioni sul tema. All’incontro dal titolo “Non restare indifferente – vittima e carnefice” interverranno il Sindaco Costabile Spinelli e l’Assessore alle Pari Opportunità Elisabetta Martuscelli, la Psicologa e Psicoterapeuta Familiare Ursula Russo, che fornirà degli strumenti conoscitivi per comprendere le dinamiche e sapere come affrontare la problematica, la Psicologa e Operatrice Clinico di Training Autogeno Cinzia Guariglia, che spiegherà le tecniche di auto distensione per poter contenere ansia e paure e interverrà il Personal Trainer Andrea Aiuto. La cittadinanza è invitata a partecipare. «Dire no alla violenza sulle donne vuol dire battersi in nome della dignità umana e portare avanti una battaglia in nome della civiltà, e di quei principi e valori che nella nostra società vengono spesso calpestati», dichiara l’Assessore delegato alle Pari Opportunità Elisabetta Martuscelli: «Castellabate non è indifferente e, attraverso il lavoro sul territorio svolto dal segretariato sociale, intende essere sempre vicino alle donne e a coloro che sono purtroppo vittima di violenza».

C.S.

VIOLENZA SULLE DONNE: “UN MESSAGGIO ASSORDANTE CONTRO OGNI BARBARIE”, IL CORO DEI “A TOYS ORCHESTRA”

533838613_640

Oggi 25 novembre è la Giornata internazionale per combattere la violenza contro le donne. Non è una giornata qualunque, perchè è il ricordo di un atroce assassinio avvenuto nel 1960 nella Repubblica Dominicana quando tre sorelle, considerate rivoluzionarie, furone torturate, massacrate e strangolate. Purtroppo nulla è cambiato da quel giorno perchè è un tema che ricorre spesso, troppe volte e dev’essere una volta per tutte eliminato. Questa violenza non è altro che una spirale avvolgente attraverso cui l’uomo violento raggiunge il suo scopo di sottomissione della donna facendola sentire incapace, debole, impotente, totalmente dipendente da lui.
Da un post pubblicato su Facebook del noto gruppo Agropolese “A Toys Orchestra” molto apprezzato in tutto il mondo per i messaggi che attraverso la musica riescono a colpire l’animo umano, hanno ricordato questa giornata attraverso l’ultimo singolo intitolato “Wake Me Up”. Ma non solo, in aggiunta al video hanno speso un messaggio davvero apprezzabile: “Il 25 novembre non è solo un “promemoria” contro la violenza sulle donne, ma il simbolo di una dichiarazione di intenti e di un impegno che va perpetrato nel quotidiano.
Il 25 novembre non è solo un giorno preposto a rammentare la barbarie maschilista, ma una data che contiene un’appartenenza e un’intenzione che vanno messe in loop.
Il 25 novembre è un messaggio che va urlato in coro. Il cui eco dovrà protrarsi in eterno fino sfondare i timpani dell’abuso e assordare la brutalità che ogni giorno sporca le cronache.
Il 25 novembre è 365 giorni all’anno.
Ogni minuto.. ogni frazione di secondo.
Noi Toys (ci fosse ancora bisogno di dirlo) siamo stati, siamo e saremo sempre contro ogni violenza, razzismo, sessismo e discriminazione di sorta.. e il 25 novembre è a tutti gli effetti un giorno che ci appartiene. Love!”

Antonio Maria Ungaro

Di seguito vi proponiamo il singolo: “Wake Me Up

“It’s Pink Time. La prevenzione è glamour”, consegnato stamane, a Salerno, l’assegno devoluto alla LILT

DSC_0288

Questa mattina, nella  sala consilare della LILT “Antonio Polizio” di Salerno, Mariangela Mandia ha consegnato al dottor Pistolese, presidente della sezione LILT di Salerno, l’assegno di  2,729 euro, cifra raccolta durante l’evento “It’s Pink Time. La prevenzione è glamour”, tenutosi dal 22 al 31 ottobre,  nel ristorante “Cantina Segreta” di Eboli (Sa).
Presenti alla cerimonia di consegna, visibilmente emozionati, i rappresentanti del Consiglio Direttivo della sezione LILT di Salerno, Enzo Falcone, Ermanno Albano, Donnatella De Riso, Anna D’ Auria e l’ assessore alla Pubblica Istruzione e alle Pari Opportunità del Comune di Salerno, Eva Avossa, che hanno speso parole di grande apprezzamento per  l’encomiabile iniziativa portata avanti.
L’evento “It’s Pink Time. La prevenzione è glamour”, è stato ideato e realizzato dalla Project Fashion Event, Mariangela Mandia, che ha voluto avviare una raccolta fondi, destinati alla ricerca contro il tumore al seno, per far  capire come la moda, a sostegno della prevenzione, possa invogliare, ancora di più, le donne a prestare maggiore attenzione alla salute del loro corpo.
Pink, come il colore della tenerezza, che meglio di ogni altro, simboleggia l’emblema di un essere straordinario, chiamato DONNA, che racchiude in sè grandissime qualità: vivacità, forza, caparbietà e sacrificio.
Prestigiosi brand nazionali, leader  nel campo del fashion style, come “V73”, “Francesca Conoci”, “Happiness”, “Principessa Glam”, “Fefè, glamour pochette” e “Ranpollo”, sono stati presenti, con i loro articoli, all’interno della “Pink Boutique”, in cui  è stato possibile fare uno “Shopping coi fiocchi”, acquistando anche l’olio della salute LILT.
Un’iniziativa che ha voluto porre l’attenzione sull’autostima e sulla valorizzazione della femminilità , rivolta alle amanti della moda, che attraverso i loro acquisti, hanno contribuito a finanziare la ricerca oncologica, e, allo stesso tempo, alle tantissime donne, che, seppur colpite da patologie tumorali, hanno, sempre e comunque, il diritto di sentirsi belle e glamour.
Alla LILT è stato donato anche il ricavato delle vendite della  t-shirt “coi fiocchi”, disegnata personalmente dalla Mandia e realizzata da “Ranpollo”, che ha sposato in pieno la visione di Mariangela, secondo cui l’universale linguaggio della moda può  veicolare, con estrema facilità, messaggi a sostegno della prevenzione, per spingere le donne ad effettuare adeguati screening diagnostici, così come sottolineato, durante la serata inaugurale, dal dottor Pistolese e dalla dott.ssa Savastano, nel “Salotto Rosa”.
Un evento che si propone di ripetersi in tutt’Italia e non soltanto nel  mese di ottobre. La moda a sostegno della prevenzione, per tutte quelle donne, che, sono ancora capaci di  amare, lottare e vincere!

C.S.