Fondi europei, promossa la Regione Campania: raggiunti e superati tutti i target di spesa

Fondi europei, promossa la Regione Campania: raggiunti e superati tutti i target di spesa

Il 2018 della Regione Campania si chiude con un altro impegno rispettato: raggiunti e superati tutti i target di spesa previsti dal Por Campania 2014/2020. Attraverso un intenso lavoro degli uffici delle Direzioni Generali e della Programmazione Unitaria, coadiuvati dalle strutture dell’assistenza tecnica, la Regione Campania ha raggiunto tutti gli obiettivi di certificazione della spesa fissati dalla Commissione Europea (N+3) con scadenza 31 dicembre 2018, in relazione a tutti i fondi europei 2014-20 (FESR – fondo europeo di sviluppo regionale, FSE – fondo sociale europeo e PSR – Programma di sviluppo rurale).

Per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR), i target erano già stati raggiunti e superati fin dal mese di settembre-ottobre (FSE 141 milioni – PSR 389 milioni), mentre l’obiettivo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) è stato centrato nell’ultima decade di dicembre. L’andamento della certificazione della spesa è stato condizionato dal ritardo di circa due anni, ereditato dalle precedenti gestioni, con cui questo programma è partito. Per il POR FESR 2014/2020 al 31/12/2018 era stato fissato un target di 649 milioni di euro. La Regione Campania ha raggiunto i 651 milioni di euro di spesa certificata, evitando così il disimpegno automatico (la perdita) delle risorse.

Questo obiettivo è stato garantito attraverso le sinergie e le azioni messe in campo dall’amministrazione regionale, che hanno portato progressivamente all’eliminazione di tutte le criticità passate.

L’intenso lavoro messo in campo ha prodotto spese relative ad operazioni rientranti nei seguenti ambiti tematici:

  • Ricerca e Innovazione: 59,1 Mln/€;
  • ICT e Agenda Digitale: 23,2 Mln/€;
  • Competitività del sistema produttivo: 39,7 Mln/€;
  • Energia sostenibile: 105,9 Mln/€;
  • Prevenzione dei rischi naturali e antropici: 63,2 Mln/€;
  • Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale: 238,6 Mln/€;
  • Trasporti: 54,3 Mln/€;
  • Inclusione Sociale: 18,4 Mln/€;
  • Infrastrutture per il sistema regionale dell’istruzione: 32,1 Mln/€.

Il risultato (a cui vanno aggiunti i fondi della certificazione per il rafforzamento amministrativo-assistenza tecnica) è stato ottenuto senza ricorrere alla riserva, quantificata in circa 100-130 Mln/€, costituita dagli interventi programmati sul POR FESR 2014-2020 ed interessati da effetti cosiddetti sospensivi (eccezione prevista dall’art. 87 c.1 lettera a. del Reg. (UE) n. 1303/2013 secondo cui l’importo interessato dal disimpegno automatico si intende ridotto degli importi equivalenti alla parte dell’impegno di bilancio per la quale le operazioni sono sospese).

In pratica, la Regione Campania si è attenuta pianamente alle indicazioni della Commissione europea e allo spirito della Politica di Coesione senza ricorrere a meccanismi contabili. In tutto sono stati utilizzati, tra FESR, FSE e PSR, circa 1.180 milioni di euro.

C.S.

Annunci

Camerota, dalla Regione più di un milione e mezzo per realizzare una palestra a scuola

scuola_media_camerota

Dopo la pioggia di fondi per la messa in sicurezza del Ciglioto, il finanziamento per la realizzazione della strada Camerota-Lentiscosa e quello destinato alla costruzione del museo del Mare e della Pesca, arriva una nota del Miur (Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca) che svela a quanto ammonta l’ennesimo finanziamento ricevuto dall’Amministrazione Comunale di Camerota. Sono infatti oltre 1.600.000 i fondi messi a disposizione dalla Regione Campania per i ‘Lavori di realizzazione della palestra comunale annessa alla scuola media Angelo Poliziano di Marina di Camerota’. Il progetto è già esecutivo. Il finanziamento ricevuto dal Comune di Camerota è il più alto tra quelli dei paesi elencati nella lista pubblicata nella sezione ‘Edilizia Scolastica’ (https://is.gd/J6rIEq) sul sito istituzionale della Regione.
«Un altro grande risultato che ci da’ stimoli, forza e ripaga il nostro incessante lavoro che ogni giorno ci viene riconosciuto – ha dichiarato Mario Salvatore Scarpitta, Sindaco di Camerota -. Ringrazio il presidente della Regione Vincenzo De Luca e quanti lavorano per il Comune di Camerota. Stiamo ottenendo risultati straordinari che vanno al di là delle nostre aspettative. Rispondiamo con i fatti a chi oggi prova a rincorrerci con comunicati e andando nelle tv locali cercando di sminuire in modo patetico i risultati di questa Amministrazione. Realizzare un’opera per i ragazzi, dando loro opportunità di sviluppo e crescita, ci rende orgogliosi».

C.S.

Agropoli, in arrivo fondi per lavori di ristrutturazione a favore di alcuni istituti scolastici della città

 

scuola_mozzillo_anna
Sono previsti fondi per lavori di ampliamento e ristrutturazione a favore di alcuni istituti scolastici della città di Agropoli: tra questi la scuola elementare e materna in località Cannetiello, la scuola dell’infanzia “A.Mozzillo” sita in Piazza Mediterraneo e la scuola elementare “Cafarelli” in località Moio. Per la prima, il progetto avrà un costo pari a 2.500.000,00 euro, per la scuola dell’infanzia “Mozzillo” sono previsti fondi per l’importo di 1.413.000,00 euro e per la scuola elementare in località Moio saranno utilizzati 2.953.600,00 euro. Ciò in ragione del fatto che il POR Campania FESR 2014/2020 prevede, nell’ambito dell’Asse 9 “Infrastrutture per il Sistema di Istruzione Regionale”, l’Obiettivo Specifico corrispondente alla priorità di investimento che mira allo sviluppo delle infrastrutture scolastiche e al miglioramento e innovazione del percorso formativo. Inoltre, attraverso l’azione equivalente ad interventi di riqualificazione degli edifici scolastici (come efficientamento energetico, sicurezza, attrattività e innovatività, accessibilità, impianti sportivi, connettività), anche per facilitare l’accessibilità delle persone con disabilità, si vuole raggiungere e migliorare la qualità complessiva degli edifici scolastici in termini di sicurezza e di efficienza energetica anche come misura di contrasto al fenomeno dell’abbandono e della dispersione scolastica.Visto che la Regione Campania, ha disposto l’avvio della Programmazione regionale in materia di edilizia scolastica per il triennio “2018-2020” e ha approvato l’Avviso pubblico per la formazione di una graduatoria volta alla concessione di contributi straordinari per la messa a norma antincendio, l’Amministrazione Comunale di Agropoli in tale ottica ha aderito al medesimo Avviso e avviato una adeguata programmazione che prevede interventi di ricostruzione e ampliamento per i suddetti edifici scolastici.

REDAZIONE

Centola, finanziamenti per la messa in sicurezza delle scuole e per il recupero del Castello Medievale di San Severino 

1200px-centola

Cinque i progetti finanziati dai Ministeri dell’Interno e dell’Economia e delle Finanze al Comune di Centola. Infatti sono stati messi a disposizione quattro milioni e 500mila euro per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici scolastici di Centola, Foria e Palinuro. E’ previsto anche il recupero del Castello medievale di San Severino per un importo pari a 797mila euro. Si tratta di un risultato importante di cui si dichiara soddisfatto il sindaco Carmelo Stanziola – La sicurezza nelle scuole, la creazione di strutture adeguate per i ragazzi sono stati da sempre una priorità per tutti noi-ha dichiarato il primo cittadino- finalmente con questi finanziamenti potremo restituire alla comunità ed in particolar modo agli studenti, edifici scolastici sicuri e accoglienti”. Per quanto riguarda invece il recupero del castello medievale di San Severino ha così commentato:”Sul borgo medievale di San Severino daremo nuovamente vita allo straordinario castello che sovrasta le gole del Mingardo- ha sottolineato Stanziola- diventerà un luogo da visitare e da valorizzare, tappa obbligatoria per i turisti diretti lungo la costa. Il Comune di Centola nel giro di pochi mesi acquisterà ancora maggiore prestigio sui canali turistici nazionali ed internazionali”.

REDAZIONE

Regione, Fondi UE Agricoltura: verifica e nuove semplificazioni per i bandi

 

agricoltura
Si è svolta a palazzo Santa Lucia, convocata dal Presidente Vincenzo De Luca, una riunione operativa sul piano di semplificazione delle procedure che riguardano i bandi per l’agricoltura finanziati con fondi europei. Nel corso dell’incontro è stato fatto il punto sullo stato di attuazione generale delle politiche agricole e sono state adottate misure di ulteriore semplificazione rispetto ai bandi in corso e quelli successivi. Ci sarà inoltre il diretto coinvolgimento delle organizzazioni di categoria rispetto alle attività di espletamento delle procedure e di elaborazione degli stessi bandi. Ulteriore semplificazione, attenzione alla fase dei pagamenti grazie al rafforzamento del raccordo delle attività con Agea.

C.S.

Campania, promozione e progetti per il sistema turistico regionale

 

LETTA CAMPANIA PROGETTI TURISMO
La Giunta Regionale ha stanziato 5,5 milioni di euro – fondi vincolati e acquisiti dal Programma Operativo Interregionale tramite il Ministero per la Coesione Territoriale – destinati ad azioni di promozione turistica per la Campania.Trattandosi di risorse da attivare entro la fine dell’anno e quindi in tempi rapidissimi, considerato che sono in corso le procedure di liquidazione degli Ept, l’amministrazione regionale ha ritenuto di affidare alle strutture tecniche regionali, in via transitoria, il ruolo di soggetto attuatore, in attesa dell’imminente decollo formale dell’Agenzia regionale per la Promozione del turismo e dei beni culturali della Campania.

C.S.

Sanità, 169 milioni per gli ospedali della Campania. Fuori dai finanziamenti Agropoli, Polla e Sapri

 

Sanità-la-Puglia-investe-nell-assistenza-territoriale-gli-interventi-in-Capitanata-e1426625610300
E’ pari a 169 milioni di euro la somma destinata agli ospedali della Regione Campania. Infatti lo scorso 30 Novembre Vincenzo De Luca, commissario ad acta per l’attuazione del Piano di rientro dal disavanzo in Campania, ha emanato il decreto con cui si individuano interventi di ristrutturazione e di ammodernamento tecnologico del patrimonio sanitario pubblico per il triennio 2017/2019. Sono in tutto 47 gli interventi previsti per i presidi ospedalieri della provincia di Salerno. I primi che saranno interessati dai lavori sono gli ospedali di Roccadaspide, Oliveto Citra, Eboli, Battipaglia e Nocera Inferiore per i quali, attraverso un finanziamento pari a 1 milione di euro, verranno adeguati gli impianti tecnologici e rimodulati gli spazi interni. La seconda fase degli interventi invece riguarderà l’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania dove è previsto l’adeguamento impiantistico, la copertura delle sale operatorie, di Ostetricia e Ginecologia e l’acquisto di attrezzature per mezzo di fondi pari a 5 milioni di euro. Tagliati fuori dai fondi per l’edilizia sanitaria gli ospedali di Agropoli, Polla e Sapri. In particolare per quest’ultimo erano previsti 5 milioni di euro mai spesi e la cosa divenne oggetto di discussione. Così il decreto fa cadere anche l’ultima speranza su quei fondi su cui da tempo Sapri puntava. A Roccadaspide invece con circa un milione di euro si punterà al completamento delle opere a servizio del pronto soccorso, all’adeguamento della struttura e all’ammodernamento degli impianti con la conseguente trasformazione in ospedale di comunità con 20 posti letto di medicina generale.

REDAZIONE

Rofrano, “Suoni e sapori telethon”: una serata per raccogliere fondi 

ROFRANO TELETHON
“Suoni e sapori telethon” è l’evento in programma Sabato 23 Dicembre a partire dalle ore 19.00 in piazza Cammarano a Rofrano. Nel corso della serata è prevista l’esibizione della scuola di ballo del Maestro Antonello Calicchio e dei suoi meravigliosi alunni. In programma anche lo show di Franco Guzzo il Maresciallo d’Italia della Sai L’ultima?. Il ricavato della serata, all’insegna di canti , balli e specialità culinarie, sarà devoluto a Telethon organizzazione che promuove le iniziative di raccolta fondi, da destinare poi ad attività di ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare.

REDAZIONE