Agropoli, ancora nulla di fatto sull’installazione della targa dedicata al ten. Gino Landolfi presso l’ex campo sportivo

26693918_10213087899979569_1436103244_n18765342_10209709470955639_78012350_o
I familiari del Tenente Gino Landolfi, eroico e decorato figlio della città di Agropoli, si chiedono ancora una volta perchè finora non sia stata installata una targa, mancante da ben 10 anni, che possa essere di riferimento per l’identificazione di un luogo, ex campo sportivo ora parcheggio, da sempre intitolato alla memoria del Ten.Landolfi. Tra l’altro solo di recente sono state poste delle strisce blu in loco per rendere fruibile il parcheggio a pagamento. In tale contesto l’amministrazione comunale retta dal sindaco Adamo Coppola avrebbe potuto cogliere l’occasione per poter installare la targa. Da diversi mesi i familiari del tenente agropolese si sono sempre dichiarati disponibili a sostenere le spese di tale targa che identifichi un luogo storico per Agropoli e i suoi abitanti. Ma ad oggi ancora nulla di fatto. L’ex campo sportivo adibito poi a parcheggio dall’amministrazione Alfieri circa una decina di anni fa, fu intitolato a Gino Landolfi nel lontano 1953 dal sindaco Urti per ricordare un agropolese che si distinse per le sue grandi qualità di uomo e di militare. Dal vecchio campo è sorto poi un parcheggio di circa 300 posti con l’intento di decongestionare il traffico veicolare.Non vedere più quella targa in suo ricordo rappresenta una mancanza non solo per i familiari, ma anche per tutti quanti coloro che vogliano rendere onore ad una figura illustre per la cittadina agropolese. Infatti il tenente Landolfi ancora oggi è ricordato con grande stima e rispetto dai suoi concittadini. A lui, sempre nel 1953, fu intitolata la strada dove si trova la casa nativa e nel 1974 anche la scuola elementare Gino Landolfi sita in Piazza della Repubblica. Restituire all’ex campo sportivo la sua targa significherebbe molto per tanti cittadini agropolesi. Intanto si confida nella sensibillità e disponibilità dell’Amministrazione Comunale retta dal sindaco Adamo Coppola affinchè possa provvedere al più presto a restituire la targa all’ex campo Landolfi.

REDAZIONE

Agropoli, messa in sicurezza e riqualificazione energetica della scuola elementare”Gino Landolfi”

 

SAMSUNG
Considerato che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha indetto l’Avviso pubblico del 16 Agosto 2017 per la realizzazione di interventi di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico, l’amministrazione comunale della città di Agropoli retta dal sindaco Adamo Coppola ha intenzione di parteciparvi. In particolare l’obiettivo è infatti quello di approvare il progetto definitivo per la “Realizzazione di interventi strutturali di messa in sicurezza e riqualificazione energetica della scuola Gino Landolfi”. Si tratta di un progetto redatto dall’ing. Niggio Bonadies e che prevede un importo pari a 3.200.000,00 euro, di cui 2.350.000,00 per lavori e 850.000,00 per somme a disposizione dell’Amministrazione. Ma l’ente comunale, non avendo a disposizione i fondi del bilancio comunale per l’esecuzione dei suddetti interventi, ha candidato il progetto a finanziamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che stanzia fondi per interventi che interessano gli edifici adibiti a sedi scolastiche. Il geometra Sergio Lauriana invece, Funzionario dell’Area Lavori Pubblici Tecnico – Manutentiva Porto e Demanio, in qualità di Responsabile Unico del Procedimento, dovrà provvedere all’individuazione dei successivi livelli di progettazione, anche con riferimento alla partecipazione di richieste di finanziamento. Solo di recente la scuola elementare Gino Landolfi è stata al centro di numerose polemiche per via di una sua possibile instabilità considerato che la struttura, la cui costruzione risale agli anni ’50, esige di adeguate opere di riqualificazione.

REDAZIONE

Agropoli, cerimonia commemorativa per il centenario del Tenente Gino Landolfi

18765342_10209709470955639_78012350_o.jpg

La Direzione Didattica 1° Circolo di Agropoli ha organizzato con il patrocinio del comune di Agropoli la cerimonia commemorativa per il centenario del tenente Gino Landolfi. L’evento è previsto per Martedì 30 Maggio alle ore 11.00 presso la Scuola Primaria Gino Landolfi. Luigi Landolfi conosciuto da tutti come Gino, era un maestro di scuola elementare e fu inviato al fronte russo, al comando di una brigata della 26° Divisione Torino. Il suo eroico comportamento in battaglia, fu insignito della Croce di Guerra al Valore Militare, nel Novembre del 1942. Il 5 Gennaio del 1943, colpito in fronte da una pallottola, immolò la sua giovane vita con moltissimi altri suoi sfortunati commilitoni. Gino aveva solo 26 anni e ancora oggi è considerato un eroe dai suoi concittadini. Oggi le spoglie del caro Gino si trovano nel locale cimitero e il suo ricordo rimane ancora vivo nel cuore di numerosi agropolesi come simbolo di vita e di amore per la patria.

REDAZIONE

Agropoli, l’1 Gennaio 2017 ricorrerà il centenario del tenente agropolese Luigi Landolfi 

gino landolfi in collegio a Salerno.jpginsegannte in Rutino.jpgUntitled-Scanned.jpgUntitled-Scanned-04.jpgUntitled-Scanned-05.jpgUntitled-Scanned-07.jpg

g landolfi in divisa.jpg

In occasione del centenario del tenente agropolese Luigi Landolfi che ricorrerà il primo Gennaio 2017, la redazione di Cilento Channel ha voluto ricordare un uomo considerato ancora oggi un eroe dai suoi concittadini. Luigi, conosciuto da tutti come Gino, nacque ad Agropoli il 1 gennaio del 1917, figlio di Vincenzo Landolfi ed Emilia Angrisani. Conseguì il diploma di maestro elementare a Salerno e insegnò con passione, vera e propria dedizione, in varie scuole del Cilento. Chiamato a frequentare il corso allievi ufficiali a Salerno, ben presto si distinse per le sue grandi qualità di uomo e di militare.Ricorda la sorella Anna Landolfi che Gino venne inviato ad Agropoli per effettuare un campo di addestramento e fu oggetto dell’invidia di molti concittadini per la fortuna di poter stare a casa sua. Ma, ben presto, si compì il suo triste destino, fu inviato al fronte russo, al comando di una brigata della 26° Divisione Torino ed il suo eroico comportamento in battaglia, fu insignito della Croce di Guerra al Valore Militare, nel novembre del 1942.Nel libro di Giulio Bedeschi “Centomila gavette di ghiaccio”, viene data testimonianza del valore e dell’eroismo del giovane ufficiale agropolese, che tentò in tutti i modi di spronare i soldati del suo battaglione a resistere al gelo, agli stenti, alle insidie dei combattimenti. Il giovane tenente era sempre in prima fila nel disperato tentativo di proteggere la ritirata dei 228 valorosi uomini a lui affidati.Il 5 gennaio del 1943, colpito in fronte da una pallottola, immolò la sua giovane vita con moltissimi altri suoi sfortunati commilitoni. Gino aveva solo 26 anni. Pur conoscendo il luogo dove le spoglie del Ten. Landolfi riposavano, a causa della “cortina di ferro” russa, non fu possibile ottenere alcuna notizia. Finalmente, con il miglioramento dei rapporti diplomatici tra il governo russo e italiano e le incessanti richieste e i contatti, il 16 settembre 1995, l’urna con i resti dell’ufficiale agropolese fu trasferita dal cimitero militare di Certkovo al Sacrario Militare di Redipuglia in Friuli Venezia Giulia. La mattina di Lunedì 29 aprile 1996, finalmente la piccola urna, con i resti del caro Gino, avvolta nel drappo tricolore, arrivò ad Agropoli, accolta dai suoi cari e dalla sua gente. Per tale occasione, la città di Agropoli alla presenza del sindaco dell’epoca Bruno Mautone, rese omaggio al ritorno di Gino con una processione partita da via Risorgimento e giunta presso la Chiesa di Santa Maria delle Grazie dove fu celebrato il rito religioso da don Cesare Caradonna. Tantissimi furono gli agropolesi che presero parte all’evento per rendere omaggio all’uomo e all’eroe. Alla cerimonia presero parte anche gli alunni della scuola elementare Gino Landolfi dedicata all’illustre ufficiale. Oggi le spoglie del caro Gino si trovano nel locale cimitero e il suo ricordo rimane ancora vivo nel cuore di numerosi agropolesi come simbolo di vita e di amore per la patria. Fiduciosi che in un prossimo futuro l’attuale amministrazione o quella che verrà possa dedicare una cerimonia in onore del compianto Gino in occasioni quali ad esempio la festa delle Forze Armate per ricordare una figura illustre come quella del tenente agropolese.

REDAZIONE

AGROPOLI- DISTRIBUZIONE DI LATTE FRESCO E BISCOTTI PER GLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA

 

Questa mattina, in Piazza della Repubblica, gli alunni della Scuola dell’Infanzia Centro e della Scuola Primaria Landolfi hanno potuto consumare una merenda sana e nutriente.

Grazie all’iniziativa, promossa dall’ASS. PEGASUS  di Agropoli nell’ambito della 13ª edizione della Stracittadina che si terrà domenica 17 aprile 2016, la Centrale del Latte di Salerno, nella persona del Dott. Alfinito, ha organizzato la distribuzione di latte fresco e biscotti per gli alunni della scuola.

Un’esperienza “salutare” sia per la qualità della merenda sia per l’opportunità di condividere con i bambini e con i genitori l’importanza di una corretta educazione alimentare.

REDAZIONE