Vallo della Lucania, la spesa del Piano di Zona S8 non convince il M5S, Aloia “nessuna spesa inappropriata” 

VALLO DELLA LUCANIA PIANO DI ZONA S8

Il Piano di Zona S8 finisce nel mirino del M5S di Vallo della Lucania (SA).
Il gruppo pentastellato esamina lo strumento di programmazione locale rivolgendo un occhio alle scelte intraprese e un altro ai risultati raggiunti.
Attraverso una lettera scritta dai consiglieri comunali di opposizione, Pietro Miraldi e Anellina Chirico, la contestazione raggiunge i Sindaci dei Comuni afferenti al Piano di Zona S8.
“Il Piano di Zona S8 di cui il suo Comune è aderente nasce per gestire, programmare ed erogare in modo associato interventi e servizi sociali” – la premessa della lettera.
Riflettori puntati su due Determine: la prima, con la quale si destina la somma di circa € 11.000, sul concesso finanziamento del Piano di Zona S8, per l’effettuazione di lavori e per l’acquisto di arredi volti alla realizzazione di uffici da destinare al Segretariato sociale/back office del Piano di Zona S8 e la Determina n.18, dell’ufficio lavori pubblici del Comune di Vallo della Lucania, che certifica l’esecuzione e la perfetta regola d’arte di lavori e acquisto di arredi da destinare al Segretariato sociale. Precisata, nella stessa Determina, la natura della spesa finanziata (fornitura di tende, impianti elettrici e parquet).
I consiglieri di minoranza, Miraldi e Chirico, intendono portare a conoscenza dei destinatari della lettera informativa la loro versione dei fatti: i lavori sono stati realizzati in spazi che appartengono al gabinetto del Sindaco e non nelle stanze destinate agli uffici del Segretariato sociale del Piano di Zona S8.
Nella lettera, il M5S di Vallo della Lucania rivolge un invito ai primi cittadini: “Verificare se la somma di cui al concesso finanziamento del piano di Zona S8 sono state correttamente impegnate per effettuare lavori ed arredare uffici del segretariato e non, come sembrerebbe, di stanze adiacenti il gabinetto del sindaco del comune di Vallo della Lucania”.
Entra nel merito della questione il Sindaco di Vallo della Lucania, il dott. Antonio Aloia, contrariato dal modo di fare politica del gruppo pentastellato: “Loro sono abituati a fare questo, a strumentalizzare delle notizie dandone un’interpretazione tutta personale rispetto a quella che è di fatto la verità oggettiva”.
“Noi abbiamo deciso di ubicare gli uffici del Segretariato sociale, degli uffici di Piano, nella sede centrale del Comune perché questo avrebbe dato un maggiore decoro agli uffici e una maggiore funzionalità a tutto quello che è il corpo dell’Ufficio di Piano”, precisa il Sindaco, ed aggiunge: “Il Piano di Zona rappresenta 37 Comuni ed è difatti il piano regolatore dei servizi sociali, per cui abbiamo ritenuto opportuno allocarli in ambienti di lavoro più idonei a tale funzione e abbiamo allestito in ottica di economia diretta, mediante quindi personale comunale, questi uffici limitando la spesa al solo acquisto di materiale tecnico e di arredi strettamente necessari. Tra l’altro, sono stati allestiti 5 nuovi uffici dell’Ufficio di Piano, del Piano di Zona, e solo una sala è adiacente alla mia perché era quella più funzionale per essere destinata a sala riunione, a sala dove poter ricevere le persone che vengono spesso al Segretariato sociale”.
“Non è stata fatta nessuna spesa inappropriata”, tuona l’amministratore della Città.
Dalle sue parole trapela la volontà di creare uffici decorosi, funzionali e dignitosi, che possano soddisfare le esigenze del lavoratore ed accogliere al meglio chi vi si reca.
“Si possono visitare i luoghi dell’Ufficio di Piano e ci si rende immediatamente conto di quello che è stato compiuto”, chiosa il primo cittadino vallese.

Norma De Martino

Agropoli, un incontro pubblico per raccontare i primi 6 mesi di attività consiliare per il M5S

AGROPOLI INCONTRO 5 STELLE
Un incontro pubblico con la cittadinanza organizzato dal M5 Stelle di Agropoli per raccontare i primi sei mesi di attività consiliare. Per l’occasione erano presenti il consigliere 5 Stelle Consolato Natalino Caccamo, i componenti del locale Meetup pentastellato e il portavoce in senato Andrea Cioffi. Nel corso dell’incontro si è fatto un bilancio su quanto è stato realizzato finora, oltre a trattare dei prossimi progetti in programma. Attualmente il M5S di Agropoli ha un proprio presidio in comune, dove i suoi componenti svolgono le diverse attività e dove è possibile trovarli il martedì e il giovedì pomeriggio. “La prima operazione realizzata è stata l’operazione trasparenza: infatti tutti i documenti e gli atti che ho ricevuto li ho resi noti alla cittadinanza attraverso la nostra rete Agropoli Collabora-ha spiegato Caccamo- nel vivo dell’attività consiliare abbiamo fatto diverse interrogazioni su varie tematiche quali ad esempio il ripascimento del lungomare San Marco, le misure di protezione civile in occasione degli incendi, le elezioni dei componenti dell’Unione dei Comuni, l’utilizzo degli impianti sportivi”. Il consigliere Caccamo ha tra l’altro precisato che un’ulteriore attività è data nelle Commissioni che sono “pubbliche” e quindi aperte alla partecipazione di operatori e cittadini. Per l’occasione il senatore 5 Stelle Andrea Cioffi ha invece trattato della nuova legge elettorale Rosatellum Bis mettendone in evidenzia “i meccanismi perversi finalizzati a raccattare voti e consensi e che come risultato porteranno solo incoerenza e perdita di rappresentatività dei cittadini”. Infine l’incontro si è concluso con un importante momento di solidarietà grazie al quale il “Centro Aiuto alla Vita” di Agropoli ha ricevuto in dono dagli ex candidati 5 Stelle le somme raccolte con autofinanziamento pari ad una somma di 400 euro destinata all’acquisto di pannolini ed omogeneizzati che il Centro distribuirà alle mamme ed ai bambini che ne hanno bisogno.

REDAZIONE

Vallo della Lucania, risarcimento TARI: assistenza gratuita del M5S 

VALLO DELLA LUCANIA RIMBORSO TARI M5S
Errore nel calcolo della Tari: è quanto emerso di recente in diversi comuni italiani e smascherato da un’interrogazione rivolta dal giovane deputato del M5S Giuseppe L’Abbate al sottosegretario all’Economia Pier Carlo Baretta per fare chiarezza su una serie di segnalazioni giunte da varie città della penisola. E così la tassa sui rifiuti è finita nella bufera. A tal proposito nel comune di Vallo della Lucania il Movimento 5 Stelle, attraverso i suoi portavoce Pietro Miraldi e Anellina Chirico e il gruppo di attivisti, ha deciso di fornire chiarimenti e assistenza per aiutare i cittadini contribuenti di tutti i comuni a verificare l’esattezza dei pagamenti Tari effettuati e richiedere il rimborso della quota non dovuta sulla tassa sui rifiuti. “Grazie ad un’interrogazione presentata dal Movimento 5 Stelle alla Camera-spiega Pietro Miraldi consigliere comunale del M5S di Vallo della Lucania- è emerso un errato calcolo della Tari: calcolo che ha indotto i cittadini a pagare più del dovuto per la tassa sui rifiuti-ha sottolineato Miraldi- Tra l’altro è venuto fuori che in diversi comuni è stato inserito nel conteggio anche la quota variabile per quanto riguarda le pertinenze, ovvero i garage, i box, le cantine, le mansarde, le soffitte. Ciò ha gonfiato di conseguenza la bolletta del contribuente”. Infine il consigliere rassicura che nel caso in cui i cittadini abbiano già pagato più del dovuto, possono essere rimborsati “nel caso in cui il suddetto valore illeggittimo sia stato già pagato, lo stesso può essere oggetto di risarcimento tramite un ricorso al Comune da effettuare con raccomandata A/R o attraverso protocollo” conclude così il consigliere comunale Pietro Miraldi.

REDAZIONE

Vallo della Lucania, Piano di Zona S8: il M5S disapprova la spesa finanziata per gli uffici del Segretariato e contesta la mancata trasparenza amministrativa

foto_1

La determina dell’Ufficio Tecnico, dello scorso maggio ma pubblicata solo in questi giorni, con la quale è stata liquidata una somma di € 10.771,00 per lavori e forniture effettuati per gli uffici del Segretariato del Piano di Zona, diventa argomento di contestazione e disappunto da parte del Movimento 5 Stelle di Vallo della Lucania.

Con un comunicato, a mezzo Facebook, il gruppo pentastellato pubblica l’importo e il dettaglio delle spese: € 2.867,00 per le tende, € 3.904,00 per l’impianto elettrico e € 4.000,00 per parquet.

Il consigliere comunale di minoranza del Movimento 5 Stelle di Vallo della Lucania, Anellina Chirico, raggiunta telefonicamente, interviene: “Il Piano di Zona dovrebbe servire ad altro”. Ed aggiunge: “A giudizio personale, ma credo facilmente condivisibile, non sono queste le spese necessarie da finanziare con il Piano di Zona”.

Il Responsabile dell’Ufficio di Piano, il dr. Mario Ogliaruso, raggiunto anche lui telefonicamente, non entra nel merito della polemica ma interviene sulla questione considerando questi lavori idonei a potenziare il servizio del Piano di Zona e del Segretariato e utili al fine di migliorare la vivibilità di un ufficio.

A suscitare la contestazione del Movimento 5 Stelle anche la mancata pubblicazione dei bilanci del Piano di Zona.

La portavoce del M5S, Anellina Chirico, precisa: “Abbiamo più volte chiesto i bilanci relativi alle attività del Piano di Zona ma non abbiamo mai avuto risposta. Vogliamo vedere i bilanci per poter controllare”.

La mancata trasparenza amministrativa si pone al centro dell’interrogazione a risposta scritta inviata, a mezzo pec, dai consiglieri comunali pentastellati, Pietro Miraldi e Anellina Chirico. Si richiede la pubblicazione immediata, sul sito istituzionale dell’ente Piano di Zona Sociale S8, dei bilanci preventivi e consuntivi relativi agli esercizi finanziari 2014-2015-2016 ed il rilascio delle copie dei suddetti bilanci in formato digitale.

L’interrogazione sarà discussa nel prossimo Consiglio Comunale.

Norma De Martino

Agropoli, “Agropoli Collabora”: tra le problematiche segnalate quelle relative alle attività scolastiche

 

12391092_10153881225729009_8726048335288241875_n
A pochi giorni dall’avvio del nuovo strumento di partecipazione “Agropoli Collabora” il Movimento 5 Stelle Agropoli, sempre vicino alle esigenze dei cittadini, ha già avviato l’iter di studio, risoluzione e risposta ad alcune importanti segnalazioni inoltrate dagli agropolesi.Tra le varie problematiche sollevate e fatte pervenire tramite email, di particolare rilevanza ed urgenza sono apparse, vista l’imminenza della ripresa delle attività scolastiche, quelle riguardanti le politiche e gli indirizzi sulle agevolazioni scolastiche per le famiglie e gli intendimenti attuativi in merito agli obblighi vaccinali previsti con legge 119/2017.Tenendo presente che a breve inizierà il nuovo anno scolastico 2017-18 e che sono tante le famiglie che dovranno effettuare esborsi consistenti per acquisti di libri scolastici e altro materiale didattico, è stata predisposta un’interrogazione a risposta orale, per sapere se ci sarà l’erogazione di voucher specificatamente per nuclei familiari con figli iscritti alle scuole primarie ma anche alle secondarie di primo e secondo grado.Con la stessa interrogazione indirizzata all’assessore alla pubblica istruzione dott.ssa Rosa Lampasona si è inoltre affrontata altra tematica delicata che sta preoccupando non pochi genitori del comune agropolese ovvero quella dell’obbligo vaccinale. Dall’entrata in vigore della legge 119/2017 sull’obbligo vaccinale per l’accesso a scuole dell’infanzia e asili nido, diversi obiettori si sono chiesti quali fossero gli orientamenti del Comune di Agropoli sul delicato tema. In molti hanno palesato al portavoce Caccamo la contrarietà ai dettami della legge che a loro dire potrebbe creare gravi discriminazioni fra i minori per quanto riguarda l’accesso ai servizi educativi per l’infanzia.
Per tale ragione e considerando l’aspetto non secondario della pendenza di un giudizio di costituzionalità instauratosi in seguito a ricorso della Regione Veneto, e tenendo presente altresì che diversi comuni italiani stanno prendendo posizioni nette sul punto, il Movimento 5 si è voluto fare portavoce di tali esigenze intermediando nella richiesta di chiarimenti sui propositi sul punto. Nell’interrogazione orale si fa presente che il Comune potrebbe intervenire con un’ordinanza contingibile e urgente che stabilisca di non applicare la norma sulla base di ragioni di ordine pubblico sancendo una moratoria di un anno nell’attuazione di essa oppure emanando una delibera di giunta o di Consiglio Comunale.
Considerando che gli obiettori vaccinali agropolesi non sono cittadini di serie B ma famiglie la cui volontà e libertà di autodeterminazione merita attenzione, il Movimento si augura di ottenere nel prossimo Consiglio risposte utili.
Il Consigliere Caccamo ha inoltre preso contatto con i dirigenti dei vari istituti scolastici ubicati sul territorio agropolese chiedendo agli stessi un’ audizione ed un confronto utile a venire a conoscenza dello stato attuale degli edifici scolastici e della loro sicurezza sperando di poter poi intervenire, laddove necessario, per sollecitare pronti interventi strutturali che mettano realmente al sicuro i nostri figli.

C.S.

Campania, M5S: Legge Bullismo e cyberbullismo approvata grazie a contributo del Movimento 5 Stelle

 

 giunta-regione-campania

“Il Movimento 5 Stelle dopo un lungo e rigoroso lavoro in VI Commissione e nella Sottocommissione oggi in Consiglio regionale della Campania ha votato a favore della legge ‘Disposizioni per la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo’ approvata all’unanimità. Nel corso dei lavori in aula abbiamo indotto la maggioranza a ritirare l’emendamento 7.2 che andava a intervenire sul fondo per la lotta al bullismo minacciando da vicino l’efficacia della nuova legge. Auspichiamo che la Giunta regionale renda operativa e concreta la legge nella sua applicazione dotandole degli strumenti per farla funzionare”. Lo dice Luigi Cirillo, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle che sottolinea come “Il lavoro del nostro gruppo consiliare è sempre migliorativo e di merito dei testi di legge – continua – ora auspichiamo la corretta e immeditata attuazione nel merito del provvedimento. Non tollereremo ritardi da parte della Giunta come è accaduto per la nostra proposta d’istituire un osservatorio permanente sull’omofobia”. “Questa è soprattutto una nostra legge dove il M5S ha coofirmato il testo e introdotto importanti elementi di sostanza – prosegue Cirillo – come rivolgersi non solo agli autori e alle vittime ma anche agli spettatori di fenomeni di bullismo, oppure rivelante è aver spinto per la formazione dei genitori sull’uso dei social così da prevenire che i loro figli siano vittime di cyberbullismo”. “Ribadiamo è una buona legge che testimonia come il M5S – conclude Cirillo – da sempre lavora e coinvolge cittadini, associazioni, comitati ora ci aspettiamo che il Fondo per la lotta di cui art 7 abbia sufficiente capienza per far fronte alla programmazione di progetti soprattutto di durata almeno biennale per essere davvero efficaci”.

C.S.

AGROPOLI, MEETUP 5 STELLE: AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DEGLI ASSESSORI E DELLO STAFF DEL SINDACO

avviso_assessori_m5s_agropoli-02-01-01.jpg

 

1. PREMESSA
Il Movimento 5 Stelle di Agropoli indice, per la prima volta nella storia della città, una
chiamata pubblica al fine di selezionare le persone che saranno chiamate a ricoprire la carica di
Assessore Comunale e dei componenti dell’ufficio di staff del Sindaco in caso di vittoria alle
prossime elezioni amministrative comunali.
La Giunta sarà composta da un massimo di 5 Assessori, rispettando la rappresentanza di genere.
L’ufficio di staff del Sindaco da ulteriori 2 unità.
Ai singoli Assessori saranno conferite deleghe di natura politica essenzialmente come compito di
sovrintendenza, stimolo e controllo sugli specifici ambiti tematici del Programma politicoamministrativo
del M5S Agropoli, definendo gli obiettivi e i programmi da attuare e adottando gli
altri atti rientranti nello svolgimento di tali funzioni, e verificando la rispondenza dei risultati
dell’attività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti.
La chiamata pubblica è aperta a tutti coloro che abbiano conseguito opportuna formazione ed
Avviso pubblico per la selezione degli Assessori e dello staff del Sindaco 1 di 4
esperienza nei seguenti ambiti tematici:
Assessorati
Denominazione assessorati Competenze richieste
– AMMINISTRAZIONE
E TRASPARENZA
Gestione delle Società Partecipate; Tributi; Efficienza
della Pubblica Amministrazione; Attivazione di strumenti
di Partecipazione popolare; Controllo dell’operato dei
singoli funzionari.
– SVILUPPO E
OCCUPAZIONE
Politiche del lavoro; Attività produttive; Turismo;
Commercio; Impieghi socialmente utili; Reddito di
cittadinanza.
– SICUREZZA E
SERVIZI
Politiche per l’assistenza sanitaria, la sicurezza e la tutela
del cittadino; Mobilità urbana e trasporto pubblico; Asili
nido, scuole materne, servizi e opportunità per l’infanzia
e l’adolescenza.
– AMBIENTE E
TERRITORIO
Urbanistica e pianificazione strategica; Riqualificazione,
rigenerazione e decoro urbano; Ambiente; Gestione dei
rifiuti, energia, qualità dell’aria, igiene urbana; Verde
pubblico, benessere e tutela degli animali.
– EDUCAZIONE E
PROMOZIONE
SOCIALE
Cultura, creatività e promozione artistica; Musei,
biblioteche e manifestazioni culturali; Sport, tempo
libero, eventi e promozione sportiva; Politiche sociali, di
cittadinanza, per la famiglia, pari opportunità e
integrazione; Associativismo, volantariato e Protezione
Civile.
Ufficio staff del Sindaco
Componenti Competenze richieste
– COMUNICAZIONE Esperto di comunicazione e marketing territoriale;
Relazioni con gli organi di stampa e informazione;
Gestione degli strumenti di comunicazione (social
network, e-mail, blog, etc.).
– ATTIVITA’ DI
SEGRETERIA
Assistenza personale, coordinamento e ausilio alle
funzioni del Sindaco; Organizzazione e planning delle
attività istituzionali e informali.
Avviso pubblico per la selezione degli Assessori e dello staff del Sindaco 2 di 4
2. REQUISITI PER LA CANDIDATURA
I candidati devono avere i seguenti requisiti:
– Aver titolo, formazione, esperienza e motivazione negli ambiti tematici di candidatura;
– Non aver riportato condanne in sede penale ed erariale, con sentenze anche non definitive;
– Non essere iscritto ad alcun partito politico e non aver avuto nomine o mandati politico
amministrativi negli ultimi 5 anni;
– Impegnarsi ad attuare i contenuti del Programma Elettorale del Movimento 5 Stelle di
Agropoli relativamente ai punti di propria competenza o relativi all’assessorato per il quale
si intende concorrere;
– Accettare e sottoscrivere gli impegni contenuti nel Codice Etico e di Comportamento del
Movimento 5 Stelle Agropoli.
3. MODALITÀ’ DELLA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE
La presentazione delle domande dovrà pervenire unicamente al seguente indirizzo email
movimento5stelleagropoli@gmail.com a partire dalla pubblicazione del presente avviso fino a
15 giorni dalla data delle votazioni amministrative.
È obbligatorio segnalare nell’oggetto dell’email “Candidatura ad Assessorato/Staff” e
indicare nel corpo dell’email i propri contatti e l’ambito tematico di interesse. Per valutare nel
dettaglio le specificità dei singoli ambiti tematici degli assessorati visitare la sezione specifica al
link: https://cinquestelleagropoli.blogspot.it/p/programma-partecipato-2017.html.
4. LA SELEZIONE
La selezione verrà gestita dal candidato Sindaco del Movimento 5 Stelle che garantirà la
riservatezza del trattamento dei dati sensibili dei candidati.
La nomina dello staff e degli Assessori che andranno a far parte della squadra di governo verrà
effettuata in modo trasparente con una selezione di evidenza pubblica che terrà conto di una serie
di criteri preferenziali in riferimento, alla competenza nelle specifiche materie, all’aderenza al
progetto amministrazione della città, all’attivismo dimostrato nel tempo e alla dedizione alle
materie che verranno delegate.
I profili individuati come idonei verranno pubblicati sul sito http://www.agropoli5stelle.it prima della data
Avviso pubblico per la selezione degli Assessori e dello staff del Sindaco 3 di 4
delle votazioni amministrative.
In caso di vittoria elettorale, il procedimento di selezione e nomina dei candidati inizierà dal giorno
successivo alla proclamazione.
5. IMPEGNI
I candidati saranno tenuti ad impegnarsi:
– a seguire e dare supporto alle attività di costruzione del programma elettorale e di sua
divulgazione;
– a garantire, durante la campagna elettorale, la propria presenza alle riunioni e agli incontri
nei quali, per competenze e materie, è richiesta;
– a coordinarsi con il candidato sindaco nei rapporti con i media e la stampa e di attività di
organizzazione generale e di comunicazione.
Il venire meno del legame fiduciario tra gli Assessori, le unità di staff e il Sindaco può comportare il
ritiro delle deleghe conferite.

C.S.

Ambiente, M5S: Inquinamento fiume Sele. La Regione Campania cosa fa?

sele_5 (1).jpgsele_8.jpg

“Ci preoccupano le condizioni del fiume Sele e ancora di più ci preoccupa il silenzio assordante della Giunta De Luca che a distanza di quasi un anno non ha trovato il tempo di dare risposte ai cittadini”. L’affondo è del consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Michele Cammarano che dopo aver presentato un’interrogazione, lo scorso 4 luglio, sull’inquinamento del fiume Sele, di fronte alle sollecitazioni dei comitati civici e associazioni ha depositato una richiesta di audizione in III Commissione speciale per capire lo stato di salute in cui è il corso d’acqua. “Recenti monitoraggi degli scarichi di acque reflue in diversi comuni – sottolinea Cammarano – hanno fatto emergere l’inadeguatezza dei depuratori preposti allo smaltimento degli scarichi urbani e industriali”. “Segnalo che è particolarmente alto il rischio di contaminazione mediante lo scarico di fanghi e acque non trattate nel bacino idrografico del fiume Sele – spiega il consigliere regionale – ad oggi risulta difficoltoso il reperimento dei dati conoscitivi, delle informazioni e delle relazioni aggiornate sullo stato di qualità delle acque”. “E’ diffusa e profonda la preoccupazione per la tenuta complessiva dell’ecosistema – aggiunge – in uno dei luoghi a più alto valore naturalistico della Campania”. “Da alcuni giorni registriamo numerose proteste dei cittadini residenti nelle zone limitrofe del fiume Sele – evidenzia – che segnalano la presenza di schiuma e di liquami di colore marrone nel corso d’acqua”. “Come MoVimento 5 Stelle abbiamo ritenuto giusto anche in previsione dell’estate e delle non risposte della Giunta De Luca – conclude Cammarano – di formalizzare una richiesta di audizione in III Commissione del Consiglio regionale per capire lo stato di salute in cui versa attualmente il Fiume Sele”.

C.S.

CAPACCIO “PRESA D’ASSALTO” DAGLI ATTIVISTI DI TUTTA LA PROVINCIA

IMG-20170327-WA0009.jpgIMG-20170327-WA0002.jpg
Ieri, presso l’Hotel Calypso, si è tenuta l’Assemblea provinciale degli attivisti del M5S.
Attivisti e simpatizzanti, arrivati da tutta la provincia di Salerno, si sono riuniti per discutere i 9 punti all’OdG, che riguardavano tre diverse tematiche: “Problematiche Ambientali, Amministrative 2017 e Problematiche Socio-Economiche”.
Capaccio Paestum è stata quindi scelta – attraverso un sondaggio tenutosi su facebook che ha coinvolto tutti gli attivisti della provincia di Salerno – come location per ospitare questo importante evento provinciale.
I Cittadini 5 stelle Capaccio Paestum sono soddisfatti e onorati per questa scelta, perchè ci conferma che gli attivisti di Capaccio Paestum stanno lavorando nella direzione giusta, considerando anche che sono più di 2 anni che il gruppo è attivo in modo costante sul territorio con azioni, iniziative e manifestazioni, locali e non.
Ci avviamo, pertanto, verso le elezioni Comunali del 2017. All’assemblea sono intervenuti, oltre al nostro candidato Sindaco Antonio Bernardi, anche tutti gli altri candidati della Provincia di Salerno (Capaccio Paestum, Agropoli, Roccapiemonte, Bracigliano, Castel San Giorgio, Nocera Inferiore e Mercato San Severino) per il movimento 5 stelle.
Importanti indicazioni sono state date nei loro interventi dai nostri portavoce, tra cui quello di Michele Cammarano, Consigliere Regionale.
L’obiettivo è quello di creare sinergia, coordinamento e una collaborazione forte e proficua tra i futuri rappresentati dei Comuni che andranno a breve al voto, accomunati dal simbolo del Movimento 5 stelle e dalle idee che esso trasmette.

C.S.

Agricoltura, M5S: Indennizzo emergenza cinipide. L’elemosina della giunta

 

michele-cammarano-candidato-elezioni-europee-movimento-5-stelle-.png
“Un rimborso della Regione Campania pari a 28 euro ad azienda. Questa è l’esigua somma formato sfottò che si sono visti riconosciuti i territori salernitani danneggiati dal cinipide galligeno del castagno”. Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano criticando il provvedimento licenziato dalla giunta che riconosce il diritto all’indennizzo alle imprese agricole nei cui territori delle dodici Comunità montane hanno subito danni alle coltivazioni di castagno. “Il presidente De Luca e il fido consigliere all’agricoltura Alfieri dal cilindro hanno cacciano – sottolinea Cammarano – un salvifico provvedimento di liquidazione degli aiuti alle aziende castanicole che hanno subito danni dal cinipide e relativo all’anno 2014”. “Il decreto della giunta De Luca liquida alle comunità montane la somma complessiva di 1.270.217,80 euro come indennizzi – sottolinea – da corrispondere alle aziende agricole castanicole”. “Leggendo nel dettaglio si scopre che per la sola provincia di Salerno – evidenzia il consigliere – ad esempio, sarà liquidata la somma di 140.000 euro”. “Tenendo conto che le aziende agricole del comparto salernitano sono all’incirca 5000 – aggiunge – si tratterebbe di un compenso medio di 28 euro ad impresa agricola, o se vogliamo 28 euro a ettaro, visto che le superfici in questione ammontano appunto a 5000 ettari all’incirca”. “Questo è il ‘generoso’ sostegno che il Presidente De Luca concede agli agricoltori salernitani – spiega – questo è l’aiuto al ‘comparto di pregio’ più volte descritto dall’indaffarato Alfieri”. “La crisi castanicola causata dal cinipide perdura da molti anni – conclude Cammarano – ci sono voluti ben 3 anni per risarcire di una sola annata i nostri agricoltori figuriamoci se la Regione Campania è in grado di risolvere il problema alla base”.

C.S.