Castellabate, manutenzione delle scuole, Maurano:”per questa amministrazione i ragazzi non sono la priorità”

1497733_10202097358028764_1281364706_n-e1530031216356

“Inizia il nuovo anno scolastico. E proprio per questo due settimane fa abbiamo presentato un’interrogazione per sapere se gli edifici scolastici fossero sicuri, agibili, confortevoli e per avere copia dei certificati di attestazione di tali caratteristiche-inizia così in una nota stampa il consigliere di minoranza del comune di Castellabate Luigi Maurano- Come ormai da due anni, nessuna risposta è arrivata da parte dell’Amministrazione-continua il consigliere- era stato segnalato anche un singolare problema di via di fuga all’edificio scolastico di Castellabate, in quanto la scala antincendio non comprende il piano della scuola materna.
Corre voce di un repentino cambio di collocazione degli alunni: in pratica i bambini dell’asilo saliranno al piano superiore e quelli delle medie scenderanno al piano senza via di fuga. Ma se il piano non è agibile per i bambini dell’asilo come può esserlo per i ragazzi delle medie?-spiega Maurano- inoltre, si dice che la motivazione data dal Sindaco per giustificare il mancato adeguamento alle norme di sicurezza e la mancata manutenzione delle scuole è sempre la stessa: << non ci sono soldi>>. Ma come, per i palchi, per le aiuole della Casa Comunale, per gli affidamenti agli amici degli amici i soldi ci sono e per la sicurezza dei bambini e dei ragazzi no? Quindi qui non è un problema di soldi ma di priorità. Per questa Amministrazione la manutenzione delle scuole, la sicurezza, i ragazzi non sono la priorità. Qui, ripeto, non è un problema di fondi o di risorse ma solo un problema di gestione, organizzazione, priorità e interesse. Tutto il resto so pezze a colore di vecchi mercanti!” ha concluso così il consigliere di minoranza Luigi Maurano.

REDAZIONE

Annunci

Agropoli, manutenzione straordinaria dei tombini in città 

 


Un importante intervento di pulizia dei tombini si sta effettuando proprio in questi giorni da parte degli addetti della Cooperativa Il Faro coordinata da Concordio Malandrino. Ciò nell’ambito di un lavoro di prevenzione viste le allerte diramate dalla Regione Campania per i primi temporali che potrebbero interessare il nostro territorio, con il rischio di causare possibili allagamenti a causa di piogge abbondanti. Tra l’altro molti tombini della città sono risultati otturati da erbacce e rifiuti vari ma grazie al lavoro degli operai è stato scongiurato così il rischio di possibili disatri a livello idro-geologico. L’Azienda collabora con il comune di Agropoli e si occupa della manutenzione di alcuni siti del comune stesso. Ogni giorno gli operai si adoperano per rendere la città di Agropoli più sistemata e accogliente non solo per i residenti ma anche per i tanti turisti che giungono nella cittadina agropolese. Sotto il sole, la pioggia, combattendo sia contro le alte temperature che quelle più rigide i lavoratori sono attivi tutti i giorni e distribuiti su diversi siti di Agropoli come il centro storico dove il loro fiore all’occhiello è proprio il castello angioino-aragonese di cui la Cooperativa è anche responsabile degli eventi, il centro visite Trentova e i rispettivi sentieri della baia. Inoltre la Cooperativa si occupa anche della custodia e guardiania degli impianti sportivi e della statua di San Francesco. Le loro attività principali consistono nella pulizia di tombini, allestimenti vari come notte blu, feste religiose e non, taglio d’erba, pulizia straordinaria delle strade. L’Azienda ha sede ad Agropoli e opera sin dagli inizi degli anni ’90 per monitorare adeguatamente i bisogni del territorio e rendere più luminosa la città, proprio come un Faro che emette potenti segnali luminosi di aiuto e di riferimento nella navigazione.

ANNA LAURITO

Agropoli, manutenzione esterna della Chiesa di Padre Giacomo: giovane lancia un appello

MARCO IMMAGINE.jpgCHIESA 4.jpgCHIESA 5.jpgCHIESA 2.jpgCHIESA 1.jpg
E’ partita ad Agropoli una raccolta fondi da poter destinare alla manutenzione esterna della parrocchia Sacro Cuore di Agropoli. L’idea è partita da un giovane del posto Marco Funicello che su permesso del parroco Don Nicola Griffo ha pensato bene di mettere insieme un pò di denaro con l’obiettivo di riqualificare la Chiesa di Padre Giacomo soprattutto in vista del trentennale dalla sua morte che ricorre il prossimo 27 Settembre. Marco sta dedicando volontariamente parte del suo tempo a diversi lavori come pitturazione di mura, ringhiere, panchine, rifacimento intonaco dove rovinato e ha lanciato un appello sulla propria pagina Facebook invitando chiunque volesse a dare il proprio contributo: “Col permesso del parroco Don Nicola Griffo sto effettuando una raccolta fondi x la manutenzione esterna della parrocchia Sacro Cuore (Chiesa padre Giacomo) di Agropoli- si legge sul suo post- Pitturazione mura, panchine, vasi, ringhiere, rifacimento intonaco dove rovinato, piantine, fiori. Pertanto c’é bisogno se possibile dell’aiuto e supporto un pó di tutti-continua- Io tutti i giorni sto effettuando questi lavori gratuitamente mettendoci il mio lavoro ed il mio tempo- e conclude nel post- Se ti fa piacere donare un contributo di 10€ a favore di questa causa ben accetto”. La chiesa insieme all’oratorio fu voluta dallo stesso padre Giacomo tant’è che fu proprio il padre francescano a posare la prima pietra. Da allora iniziò la costruzione della struttura che sarebbe poi diventata centro di diverse attività. Padre Giacomo era amato e stimato da tutti. Ancora oggi il suo ricordo vive nel cuore di tantissimi agropolesi che hanno avuto la fortuna di conoscerlo o di incontrarlo. Il frate era noto a tutti per la sua grande umiltà e volontà di diffondere la parola di Dio nelle della città a piedi o persino in bicicletta.

REDAZIONE